“Depth – My brother and I” (Anche se l’unica cosa profonda saranno le cicatrici che questa fic mi lascerà.)

Cari lettori, qui è il vostro fanwriter91, pronto a recensire una fic segnalata da Justinbieber_lovekd, lettrice su Wattpad, che ringrazio vivamente.
Sapete, il suo nickname mi fa ben sperare, ricordandomi che molte delle fan di questi cantanti non sono delle pazze assatanate!
Coraggio, la speranza è l’ultima a morire!
Via con la storia!
Ecco a voi Depth, pronti alla festa?

https://www.wattpad.com/72335348-depth-my-brother-and-i-justin-bieber-capitolo-1

La Hope di turno, Marika, è svegliata da una certa Maya (definita “la badante”), che con lei è molto dolce e affettuosa. Bisogna sbrigarsi, altrimenti farà tardi al primo giorno di scuola (cliché!).
Per non farci mancare nulla, la protagonista ci spiattella in faccia che i suoi genitori sono classicamente morti nel classico incidente d’auto, e lei li ha pure visti morire, non riportando danni permanenti (se non, forse, un trauma psicologico, dico io, eh).
Non se la passa male però: ha l’amorevole badante, i dolci fratellini dell’asilo e un fidanzato perfetto, cosa potrà mai andare storto?
La nostra protagonista viene poi contattata dalla sua best friend, tale Rebecca, una diciottenne che ha un anno più lei.
Beh, per ora c’è parecchia fuffa, aspetto con ansia il punto in cui Hope verrà rapita da Justino el Biebero.

Evgenij: – SPOILER! –
fanwriter91: – Macchè spoiler, questa cosa l’avevano capita tutti già prima di aprire la pagina. –

“mi ciamo Marika, all’apparenza magari posso sembrare una ragazza tosta, che se ne frega del parere della gente… ma in realtà sono fragile, sensibile, dolce.. ma cerco di non farlo vedere alle altre persone… solo la mia “famiglia”, chiamiamola cosi e Rebecca sanno come sono in realtà.
sono alta, non sono ne magra, ne in carne.. in somma sono una via di mezzo diciamo. ho i capelli lunghie neri, i miei occhi sono grandi e marroni anno lo stesso colore della nutella, mmh nutella.. ho improvvisamente fame, strano.”
La descrizione prosegue con altri elementi inutili, e le due s’incontrano.

“Ma buongiorno anche a te raggio di sole”

Il giorno non è tanto buono, perché Rebecca ha gli occhi lucidi, e parte il FLASH BACK, di cui…
Non si capisce un cavolo. Si vede solo Marika che dice che i suoi genitori la odiano, sua madre che piange e suo padre che le tira un ceffone e si offende.
Fine.
Ok, ora ho capito tutto…
Fermi tutti!

“C’è un tipo laggiù che ti fissa”

Ecco Justin, con la sua banda, rigorosamente con gli inquietanti occhiali da sole RayBan.
Questi la raggiunge, e…
“no!!! non può essere.. lui.. lui è-è morto..”

“Il ragazzo che si stava vvicinando.. non è un comune ragazzo.. lui è mio fratello.. che ho visto morire con i miei genitori… Justin.”

DAN DAN DAAAAAN!

Sentite anche voi la tensione?
No?
Nemmeno io.
Come si giustificherà questa sparizione, durata, e cito, “alcuni anni”?

“mi anno salvato.. mi anno portato via prima che la macchina esplodesse. mi anno curato, si sono presi cura di me finché non sono tornato in forma.. sono stata malissimo, ma ora sto bene, e sono qui per restare”

Santa Twilight Sparkle, metteteci qualche acca! Non mordono!
Ma poi… per anni è sparito! Telefonare? Ospedale? Nulla?
Questa scusa è più traballante di quella di Jessy McCool, che diceva ai genitori di essere stata in ospedale a trovare un amico malato (rivedetevi le recensioni di “Afraid of you”, per scoprire di più).

Ma poi Justin dice «sono stata malissimo». «Sono stata»? Oddio, mica sarà un trans?

No, errore di battitura. Vi consiglio di abituarvici, in questa fic ci sono più errori che in “L’OSCURITA DI ALBA“, e quella aveva un errore nel titolo.
Justin quindi la informa che oggi non andrà scuola e presenta lei e l’amica agli scagnozzi generici: Bruce (né Lee, né Banner, né Wayne, sob!), Chaz, Nico e Roberto.

Justin ordina anche alla protagonista di andare a vivere con lui, portando i fratellini e comincia una discussione.

“un bruciore mi invase la guancia, la mia testa si voltò di lato… mi ha appena tirato uno schiaffo.. mio fratello mi ha tirato uno schiaffo.”

Che allegra riunione di famiglia, eh?
Era dai tempi di Devil May Cry 3 che non vedevo nulla del genere!
Marika, in preda al panico, scappa e cerca di portar via la famiglia, ma…

“Stavamo per uscire, ma la porta venne sfondato, incrociai lo sguardo ardene di Justin e il respiro mi si fermò in gola”

Justin ordina quindi agli scagnozzi di rapire anche i bambini… Ma perché?!? Che ragione ha di comportarsi così? Nessuna! E’ solo che Marika non ha voluto seguirlo dopo che lui le ha ORDINATO di venire con lui, tra l’altro mica con fare particolarmente cortese (tipo prenderla a ceffoni dopo il rifiuto).

“Vidi Roberto tirarle (a Maya) uan ginocchia ta nello stomaco e spingerla violentemente contro lo spigolo del tavolo, lei Gemette accasciai dosi lentamente a terra mentre continuava a colpirla”

Detto per inciso, sì, è morta.
Justin, però, non ha tempo da perdere.

“lo guardai con disgusto, il respiro di justin divenne inregolare… mi afferrò per le braccia e mi spinse energicamente contro il muro. un gemito di dolore lascio le mie labbra.
“Marika” urlarono Jasmin e rayan (i fratellini) piangendo
“sto bene” li rassicurai sforzando un sorriso
“Ho detto che ora vai a prendere la tua roba.. CHIARO!” Urlo Justin, voltando la mia testa verso di me”

Sorvolando sul fatto che questo qui sia proprio un pazzo assassino… che vuol dire “voltando la mia testa verso di me”?
Cosa le farà mai?
Niente, prima si avvicina minaccioso, poi si ferma, prende a pugni al muro e…

FLASH BACK!
“dioo, sei talmente bella” disse (Justin) iniziando a baciarmi il collo
(…)
“piccola.. io ti am confesso guardandomi negli occhi”
(…)
“finché ci ameremo nessuno ci separerà” disse baciandomi dolcemente le labbra
#flashback finito#”

Pure l’incesto?!

Evgenij:- I Lannister si sono offesi: come ha osato Hope imitarli? Sentirà presto le Piogge di Castamere.-

mattehus93:- Pure in Assassin’s Creed: Brotherhood c’è un incesto.-

Lei però rifiuta l’amore di Justin, prende le sue cose, sente la sorellina urlare e si fionda in camera, accorgendosi che Justin si è teletrasportato lì e…

“corsi su per le scale il più velocemente possibile per poi entrare in camera mia, dove (i suoi fratelli) li aveva lasciati, la trovai in lacrime mentre rideva a scuracia gola per via del soletico che justin le stava facendo.
tirai un sospiro di sollievo e mi avvicino a loro.
“Marika t-ti p-prego aiutam-mi non c’è la fa-faccio più” implorò diventando rossa in viso per le troppe risate
risi anch’io “okay, okay.. dai Justin lasciala respirare” chiesi dolcemente, poggiando una mano sulla sua spalla”

Sapete, perfino una lettrice trova poco umana la reazione.
Ma andiamo! Le hanno appena ucciso la badante che amava come una zia, c’è stato un rapimento, e ridono e scherzano tra loro?

Evgenij: – Questi sono matti suonati! –

Il gruppo poi se ne va, con Justin che lancia degli insospettabilissimi gesti d’intesa ai suoi scagnozzi, che caricano i bagagli di Marika sul “grande Sub nero”.
Immagino che il mercato dei “sub neri” vada a gonfie vele in questi universi paralleli, perché il cattivo ragazzo ha sempre una grande macchina nera, solitamente un suv (potrei citare Harry di “Slave”).

mattheus93: – L’Harry di “Luce e ombra” invece aveva il “Ranger Rover”. –

I fratellini sono così piccoli da aver bisogno del seggiolino, quindi immagino che gli eventi li abbiano traumatizzati un attimino, ma la sorellona li calma subito e sono sistemati, ma accade qualcosa di spaventoso!

“no, niente, è che Rebecca doveva venire a stare da me per un pò,visto che a problemi a casa sua, ma se vengo da te non può venire”

Ohibò, questo sì che deve essere davvero atroce!
Ma state tranquilli, Justin (che, ricordiamoci, ha da poco commissionato un omicidio a uno dei suoi scagnozzi) ospita anche lei!

“GRAZIE, GRAZIE, GRAZIE,GRAZIE!” urla mettendomi a cavalcioni su di lui e abbracciandolo con una tale forza da poterlo soffocare” [Sarebbe urlai, giusto per aiutarvi a capire.]

Ciccina cara, ne eri terrorizzata pochi minuti fa e adesso reagisci come una bambina che può invitare a casa l’amichetta del cuoricino di sto cazzo!

Evgenij: – Ma la badante?!? Se ne fregano già tutti?! Poveraccia, mi fa pena quanto Fred di “Afraid of you”! –

“ma che diavolo stavo facendo?? lo baciavo? lo abbracciavo? mache diavolo!! lui e i suoi amici o meglio cani anno ucciso maia, l’unica che mi riteneva una figlia… quella che non a mai avuto.”

Tu invece stai uccidendo la grammatica, cara…
I due hanno un breve dialogo, al termine del quale sembrano sul punto di baciarsi, ma si fermano.
“sono cambiate tante cose, sono successe tante cose.. che tu non puoi nemmeno immaginarti, Marika.” disse incupendosi di colpo”

La sorella gli fa notare ancora che è diventato un mostro, lo sprona a partire e lui va sempre più veloce…

“Ancora una volta non mi rispose ne mi guardo, era come se fosse andato in trans.”

Ma rileggere no?!
Evgenij: – Oppure ha davvero cambiato sesso, dato che poco prima parlava di sé al femminile? –
Lei lo sfiora e…

“una frenata brusca mi fece sbattere la testa contro il cruscotto della macchina, la tempia mi pulsava e il sangue comincio a colare pian piano.
“non toccarmi puttana” sputò disgustato
“Justin..” sussurrai incredula per ciò che ha appena detto
“Justin un cazzo, sei solo una puttana da quattro soldi” urlò furibondo, mi afferro per un braccio stringendomi aggressivamente”

Ormai è evidente: anche in questa storia Justin è un pazzo!
mattheus93: – Anche il fratello incestuoso di Brotherhood aveva qualche problema mentale… –
Evgenij:- L’idea dell’incesto è abbastanza destabilizzante, in effetti.-

“ripartì e poco dopo ci troviamo davanti a una villa enorme, Justin scese dall’auto sbattendo la porta, scesi poco dopo.
Presi in braccio Jasmin e faticosamente riuscii a prendere anche Rayan che si è addormentato”

Vediamo:
-cliché del ritardo a scuola: c’è;
-cliché dei genitori morti: c’è;
-cliché del rapimento: c’è;
-cliché del bipolare usato a sproposito: c’è;
-cliché dell’incesto: c’è;
-cliché della mega villa del criminale: c’è;
-cliché del passato tragggico: c’è.

Dimenticato qualcosa?
Sì: come ha fatto il piccolo ad addormentarsi con uno che guidava come un pazzo e che urlava?
Boh, è bipolare anche il piccolo e fine.

La casa è ovviamente super spaziosa (vi risparmio le descrizioni stracolme di errori grammaticali, tipo “cerano” anziché “c’erano») e la nostra Marika è felicissima.

“ti piace” chiede sorrideo
“cavolo, e me lo chiedi! A chi non piacerebbe tutto questo?” A momenti urlo guardandolo sbalordita”

TI HA APPENA RAPITA, CRETINA! E HA AMMAZZATO LA TUA BALIA/MADRE ADOTTIVA!!
Però ecco che arrivano le ansie, lei non vuole dormire col fratello!

“poi quelle labbra.. dio erano perfette, cosi morbide mmh come vorrei baciarle e assaporarle di nuvo.”

Maya, la tua badante che ti è appena morta sotto gli occhi, ti sta bestemmiando dal paradiso.
Ma il mio cuore non piange da solo: le lettrici stesse mi fanno compagnia e non sanno più in che modo invitare l’autrice a mettere le h dove servono.

“poi successe, le sue labbra premettero contro le mie.
le sue morbide e calde labbra erano contro le mie.
intorno a noi tutto sparì, eravamo solo io e lui e nessun altro.
istintivamente le mie braccia si avvolsero intorno al suo collo, mentre lui accarezzava i miei fianchi con i palmi grandi delle mani.”

Commento di una lettrice:
“Ti ricordi che ti ha chiamata puttana?”
Solo stima per questa ragazza!

Hope però non può amare il fratello, e se poi se ne andasse come l’ultima volta?
Nota: la volta scorsa pare essersene andato via in barella, ma non ci è dato sapere nulla. Purtroppo in tali casi le spiegazioni sensate sarebbero assai difficili da trovare, quindi diremo semplicemente “ragioni di trama”.

“appena mi stacco andò verso la porta e la chiuse a chiave, poi si girò e mi venne incontro.. facci qualche passo indietro andando a sbattere contro l’angolo della scrivania, un gemito di dolore usci dalle mie labbra.
lui intanto mi era arrivato difronte, con un braccio mi cinse la vita avvicinandomi al suo corpo e con l’altra mi accarezzò la guancia. incominciando a baciarmi il collo e La gola.
“che stai facendo” chiesi in un sussurro.”

Justin comincia a baciarla, toccarla e denudarla…

“mi stacco, non voglio.. non posso farlo con mio fratello, non sono pronta.
“piccola” dice avvicinandosi
“non voglio” dico abbassando lo sguardo
(…)
“sono ancora vergine” gli confesso arrossendo leggermente”

Ora ci sta, ha cambiato idea.
Passiamo oltre ai complimenti delle lettrici, che affermano perfino di aver pianto. L’ho fatto pure io, ma per altri motivi.

“Il membro di justin era grosso e ingombrante, molto ingombrante.”

Grazie per la precisazione…
Evviva, un bel rapporto incestuoso… SENZA PRESERVATIVO!

“porca puttana” disse rendendosi conto di ciò che aveva fatto”

Una lettrice qui ci annuncia il possibile arrivo di tanti mini Justin…
L’apocalisse si avvicina?
Niente paura, useranno la pillola!
Evgenij: – Non sono sicuro del fatto che sia tanto semplice… –
fanwriter91: – In verità, è un contraccettivo che dovrebbe funzionare, ma va usato nei casi di emergenza, proprio come ultima risorsa. –
Evgenij:- Esatto, anche perché non è che funzioni al 100%, e inoltre non è priva di effetti collaterali per la donna. Ma che vuoi che importi di ciò a soggetti come questo Justin o Mr. Grey?-

Marika comunque si pente, anche perché ha tradito il suo fidanzato David, del quale doveva essere davvero innamorata, dato che si è fatta sedurre nel giro di… poche ore? Da parte di un “bipolare”? Che l’ha insultata e ha fatto uccidere quella che per lei era una madre?

mattheus93: – Beh, la sorella incestuosa in Assassin’s Creed: Brotherhood si vedeva con altri uomini per far ingelosire il fratello, qualora dubitasse del suo amore… ma quella era normale prassi rispetto a ciò. –

“tu ti sei donata a me.. ora sei mia e non puoi farci niente” disse incupendo sempre di più il suo sguardo
“è stato un errore, un stupido errore che non dovrà più succedere” dissi guardandolo
rise “un errore dici è!??.. mi hai fatto entrare nelle tue mutande.. hai fatto l’amore con me, è ora dici che è stato uno stupido errore che non deve più succedere.. dio Marika sei un egoista e una stronza” disse urlando furiosamente”

Non che lui sia tanto meglio, eh! A me sembra circonvenzione d’incapace.
Le dà ancora della puttana ed esce sbattendo la porta.

“aveva ragione ero una puttana, ma era anche colpa sua tutto questo casino”

AVEVA RAGIONE?!? ANCHE?! Io… non so bene cosa dire, questa storia non sta seguendo alcuna logica, perché tutti i personaggi cambiano carattere e personalità da un paragrafo all’altro.
Logica mia, perché mi hai abbandonato?
Lei cerca di rilassarsi facendo un bagno, cade (non si capisce perché), si fa male e Justin torna per aiutarla.
Preparatasi, esce e Justin la vuole vicino a sé, ma lei dice di no, perché…

“perche sono una puttana”

Dio, alle elementari mi hanno insegnato a mettere l’accento! Alle elementari!
Marika va quindi nella camera della sorellina piccola, parlano un po’ e dato che la bimba (che non sembra neanche spaventata) ha fame, vanno giù per mangiare qualcosa.
Arriva anche l’altro fratellino, e…

“presi il telefono e digitai il numero di David, dopo qualche squillo rispose”

Oddio, io avrei chiamato la polizia, ma il tutto è spiegato: Justin la tiene d’occhio minaccioso. Potrebbe però aspettare che lui le desse le spalle per chiamare la polizia!
Nel dialogo col fidanzato (semmai l’ex), lei gli dice che è con suo fratello (che non è mica morto).

“pensavo di festeggiare il compleanno di Jasmin con lei e Rayan.. magari andandiamo a mangiare da qualche parte poi li porto al parco.. vuoi venire?” chiesi curiosa”

Cretina! Ma che ti prende?! Sei sotto controllo di un criminale assassino! Chiama aiuto, la polizia, cerca di sussurrargli qualcosa! Dovrebbe anche essere balbuziente, spaventata!
Questo è oltre il demenziale.
E il telefono a cui ha risposto… È IL CELLULARE! Ha tutto l’occorrente per chiamare aiuto!
Andiamo avanti con una scena in cui Marika porta i bambini (sorridenti) a letto, poi si chiude in bagno, piange e pensa a come Justin le abbia rovinato la vita e come lei abbia tradito il moroso.
Commenti delle lettrici:

– «Come è venuto tuo fratello che sarebbe anche mio marito e mi dici che ti ha rovinato la vita? Tranquilla me lo prendo io anche se è un bipolare del cazzo»
– «e che fratello io ci andrei anche se fosse mio padre»

Della povera donna ammazzata per sfizio qui non frega niente a nessuno…
Il tutto in mezzo a una grammatica che mi fa sanguinare gli occhi, in alcuni punti sembra tradotto con Google traduttore, solo che quello riporta le parole correttamente.
E a questo punto arriva… IL POV!
O meglio, c’è scritto «JUSTIN PV», vorrà dire Punti Vita? I miei stanno scendendo gradualmente…

“un po mi dispiaceva minacciarla pero lei giocava costantemente con i miei sentimenti e questo mi mandava in bestia.”

La cosa bizzarra è che sono gli scagnozzi (definiti cani dalla nostra Hope) che gli fanno notare che sta esagerando!

“ho capito Justin ma non credo che per lei sia già abbastanza difficile tutta questa situazzione?” domando Nico inarcando le sopracciglia
“difficile cosa?? quale situazione?? dovrebbe essermi grata per averla portata qui” urlai furibodno
“quale situazione!!! Justin l’abbiamo portava via dalla sua casa, abbiamo picchiato a morte l’unica donna che probabilmente gli voleva ancora bene.. ora deve occuparsi dei vostri fratelli piccoli e tu la minacci?? bro ma che cazzo hai nella testa” mi chiese incredulo”

Evgenij:- Scagnozzo generico, hai la mia stima! Poi devi comunque finire in galera per i tuoi crimini, ma sei l’unico con un cervello funzionante.-

Justin a quel punto si mette a urlare, e un altro scagnozzo (Roberto) osa chiamare Marika puttanella. Questo fa infuriare Justin (presumo che solo lui possa usare questi termini) e riempie di botte il sottoposto.
Costui però deve essere un cavaliere dello Zodiaco, perché dopo “una scarica di pugni violenti”…


… si rialza e tira a Justin un pugno e una ginocchiata.

Scoppia la rissa, ma i due vengono divisi e Justin se ne va infuriato.
Ma che razza di gang è questa?!
Già disobbedire a un ordine del capo sarebbe un affronto punibile con la morte (Luke di “Afraid of you” insegna), qui addirittura reagiscono alle sue punizioni corporali?

No, in teoria, chiunque facesse una cosa del genere, nel migliore dei casi si beccherebbe un proiettile.
Va da sé che l’autorità di Justin conta ben poco. Addirittura ha il naso sanguinante, labbro inferiore rotto e sopracciglio destro spaccato.

Che boss!
Non esagero, nella storia è davvero un capoclan!
Intanto aspetto con ansia la spiegazione alla super mega villa, che non manca davvero mai (la villa, non la spiegazione).

Marika, accorgendosi che il suo fratellone è ferito, lo medica, c’è una lite, visto che Justin continua ad avere scatti d’ira, fanno pace e lei se ne va, non volendo fare ancora sesso.

Il mattino dopo Marika si sveglia, accorgendosi che ha dimenticato le sue cose da Justin. Raggiunta la stanza, è colta sul fatto.
“perche?? dove pensi di andare” mi chiese guardandomi serio
“a scuola!! dove senno” dissi ironica”
Io andrei dalla polizia! Dai carabinieri! In cerca d’aiuto!
A tal proposito… che ne è della poveretta morta ammazzata? Nessuno ha trovato il corpo? Hanno dato fuoco alla casa?
Autrice, spiega, per favore! O almeno metti i personaggi che si fanno delle domande ovvie, tanto per farci capire che non hai cestinato tutto e che la storia non è un pretesto per mettere scene di sesso!
No, fermi, lo è.

Tornando alla storia, Justin è d’accordo sul portare i bambini all’asilo e andrà a scuola con la sorella… che è quello che le ha impedito di fare prima…
In sintesi, tutto quello che è accaduto finora è stato talmente inutile che perfino Dio Brando non riuscirebbe a sottolinearne l’inutilità con sufficiente vigore.

Bastava che Justin non portasse via la sorella a forza! Bastava spiegarle le cose con calma! Ora stanno facendo esattamente quello che avrebbero fatto comunque!
Anzi, è stato dannoso, in teoria dovrebbe aver traumatizzato i bambini, che però si sono già ripresi dalla morte (avvenuta sotto gli occhi) di Maya, la quale, ripetiamo, è stata ammazzata di botte! C’era sangue ovunque! Una cosa del genere segnerebbe non dico a vita, ma quasi! Necessiterebbero di cure psichiatriche!

Ovviamente il motivo è semplice: dare alla storia traggggicità.

David, il ragazzo di Marika, intanto sta arrivando per prendere lei e i bambini, ma Justin NON è d’accordo.

“presi i bambini in braccio a me e cercai di correre il più velocemente possibile.
vidi la macchia fermarsi qualche metro avanti a noi e Justin uscire furioso e venire verso di noi.
“ho detto che ti porto io a scuola” urlo furiosamente
mi strappo Jasmi e Rayan dalle briccia, caddi all’indietro e la mia testa sbatte violentemente sul marciapiede, un dolore lancinante mi invase la testa… la sentii pulsare e cominciare e vedere doppio e sfocato.
“piccola” sentti la voce preoccupata di Justin poi buio”.

Justin è preoccupato? Ma che vada a cagare! Ha causato lui tutto!
Non si capisce nemmeno come mai l’abbia rapita! Ne è “innamorato”, anche se finora mi sembra un desiderio ossessivo di dominio, ma non poteva invitarla con le buone? Ogni singolo problema sta venendo causato da lui e dalla sua stupidità, unita alla sua cattiveria!
Questo non è un criminale. È un coglione!

A conferma di ciò, dopo che una persona ha perso i sensi sbattendo sonoramente la testa, la prima cosa da fare sarebbe metterle qualcosa di morbido sotto al capo e chiamare un’ambulanza. Eventualmente sarebbe meglio alzare le gambe del soggetto, a meno che non si sospettino danni alla spina dorsale. E tenete presente che, se non hai la formazione adeguata, basta pochissimo a peggiorare le cose.

E Justin cosa fa? La porta in camera da letto.
Marika si riprende in fretta, Justin ammette le sue colpe e la lascia riposare.
Beh, almeno l’ha ammesso, dai…
Cambierà qualcosa?

Marika si sveglia, segue il solito scambio di battute tra lei e Justin che si può riassumere così:
Justin:- Piccola, io ti amo!-
Marika:- Ma io no, non posso!-
Justin:- Ma ti amo!-
Marika:- Anch’io, ma siamo fratelli!-
Justin:- Ma io ti amo!-

Lei va a scuola e incontra il suo ragazzo, David, che non sembra ottenere il favore delle lettrici…
“Nessun ragazzo sarà mai bello come Justin”
La bellezza è assai rilevante, in tal contesto, immagino…
Proseguiamo! Dai che forse questo è il Decklon della storia!
Purtroppo, non direi, mi pare meno intelligente; infatti il giorno prima ha aspettato la sua ragazza per più di un’ora, ma non ha pensato di telefonarle e si beve la scusa “stavo male”.
I telefoni! I telefoni servono per comunicare, non per fare mini film!
Dopo il bacio tra Marika e David…

“i miei occhi si fissarono dietro le sue spalle, vidi Justin che mi guardava serio, i suoi occhi erano privi di sentimento. mi faceva veramente paura.”

I due entrano dentro, seguiti da un silenzioso Justin, e…

“quel… coso è, è il tuo ragazzo?” mi chiese una voce alle mie spalle mi girai trovandomi faccia a faccia con Justin.
“si.. ma cosa te ne frega a te” chiesi fredda
rise “e tu preferisci quel cosa a me?” chiese irritato
“si lo preferisco a te.. e quel coso a un nome, si chiama David” dosi seria se ne andò infuriato”

Brava, una delle poche frasi sensate di tutta la storia!

A quel punto arriva Nutella, volevo dire Nuela. Sul serio, anche una lettrice ha letto “Nutella”, la classica “bulletta generica”.
Tanto per offrire varietà alla storia, le due un tempo erano amiche, poi… Niente, andiamo avanti fino alla prossima trombata con Justin.

“Marika, quanto tempo” disse con quella sua voce da zoccola”.
Ehm, esattamente che tipo di voce sarebbe? Da stronza? Sensuale?

“o visto Justin, è proprio diventato figo.. ci farei un pensieri no”
Ma se fino a pochi giorni fa tutti lo credevano morto! Il primo pensiero è farselo?

mattheus93: – Ma certo, Justin è uno che te lo scoperesti anche se fosse cadavere!! –

Durante la lite, ci offrono un autentico tocco di originalità: la baldracca di turno è bruna, non bionda!

“ma la odio, da quando avevamo tredici anni a incominciato a frequentare gente che non andava bene per lei.. e alla fine è diventata una puttana.”

Grazie dell’ampia e chiara spiegazione… e tu, sua amica, che hai fatto? Hai provato a metterla in guardia? A farla desistere?
E… Justin ha chiesto a questa Nuela di uscire insieme?
Questo scatena la collera di Marika, che sente diverse voci nella sua testa…


Marika a quel punto va in classe con una scena lampo, nel senso che entra, “passano le sei ore” e fine.
No, non è la fine, purtroppo, perché Marika vede Justin e Nuela che amoreggiano.
E questo la sconvolge e supplica David di accompagnarla a casa…

CICCINA CARA! TUO FRATELLO E’ UN FOTTUTO ASSASSINO!

“dove vai” mi chiese Justin serio
“a casa” dissi continuando a camminare
Mi tiro per un polso facendomi cadere, travo per sbattere la testa al suolo ma David, per fortuna mi afferrò in tempo.”

Ennesima dimostrazione che Justin è solo un pazzo maniaco ossessionato da lei. Il gesto è tale da spingere Marika alle lacrime, e applausi per David, finora l’unico personaggio quasi decente.
Durante il tragitto, Marika nota una macchina nera dai vetri oscurati, alla quale fa un dito medio senza un chiaro motivo.
Arrivata a casa, Marika scopre che Nuela si è, nel frattempo, teletrasportata a casa sua, e la Hope di turno, davanti ai bambini, la saluta in modo assai cortese.

“non rompere i coglioni, puttana”

Marika se ne va di sopra, incontra Justin a petto nudo con un solo un asciugamano dalla vita in giù, lui la inchioda al muro e la bacia nonostante lei cerchi di respingerlo.

“lo vidi girarsi verso la porta, senti il rumore della chiave che girava nella serratura, aveva chiuso a chiave.. caso ero in trappola”

Lei viene sbattuta sul letto e lui la sovrasta
“Justin, smettila” grida guardandolo
si fermo guardandomi negli occhi, era strano, i suoi occhi non erano più color miele.. ora erano neri.”

“cazzo.. l’ultima volta che l’ho visto così è stato quando a fatto uccidere maia, sono nella merda.”

Ah, te la ricordi, allora!

“il suo sguardo si fece cupo e un sorriso maligno apparve sul suo volto.
(…)
“l’hai voluto tu” disse stringnedomi con forza le coscie e aprendo le mie gambe.”

Vi risparmio la descrizione dello stupro, perché sì, questo lo è! Marika sta piangendo e lo sta supplicando di fermarsi!
Il punto è che prima spinge con forza e ferocia, poi con dolcezza, vuole decidersi?!
La scena dopo ha lasciato le lettrici confuse: qui manca qualcosa. No, aspetta, non manca niente, la scena dopo è proprio questa, dove Marika collabora.

“avvicina i la mia bocca al suo orecchio
e mordicchia dolcemente il lobo.”

Ma che problemi ha? Prima piange e supplica, poi collabora e gode? E ha pure l’orgasmo?
E dopo limonano.
Poi ancora sesso e orgasmo quasi contemporaneo.
Il capitolo dopo si apre con Justin che confessa di essersi messo con Nutella, volevo dire Nuela, al solo scopo di far ingelosire l’altra. Perfino le lettrici gli danno dello stronzo, mentre l’altra chiede da dove sia uscita la foto…

Evgenij: – LE FOTO NON ESISTONO! –

No, questa esiste, e ritrae una scena di sesso.
Proseguo con la lettura e…
No.
No!

Prendo un respiro profondo e prima voglio soffermarmi su un commento, di cui censuro la bestemmia:

“La bestemmia non è riferita alla scrittrice ma ha tutte le teste di cazzo che non fanno altro che passare la loro fotutta vita ha correggere gli sbagli del cellulare o di lei SONO CAZZI SUOI”
No, signorina. Quando si espone pubblicamente qualcosa, bisogna aspettarsi delle critiche, specie se ci sono errori che i più non fanno dalle elementari.
Ora… Il plot twist che rende la storia ancora più idiota.

“vorrei poterle dire [a Marika] che i nostri genitori l’hanno adottata quando era ancora piccolissima, ma non posso ci rimarrebbe troppo male.”

PIRLA!
Dunque, in teoria non è incesto in senso stretto perché Marika è la sorella adottiva di Justin e non c’è alcun legame di sangue, eppure la parentela è l’unica cosa che rende Justin dubbioso, vede anche lui che lei lo vuole, ma pensa che sapere dell’adozione la farebbe rimanere male e… pensi davvero che questo la sconvolgerebbe quando hai compiuto un omicidio sotto i suoi occhi? Maya? La ricordi? E poi l’ha comunque stuprata poco prima!!

Segue una riflessione di Marika, secondo cui lei non aveva visto Justin per un anno, presumo per la sua apparente morte, quando prima aveva parlato di “alcuni anni”, ha passato il tempo ad odiarlo e a disprezzarlo (ma non lo amava, almeno come fratello?), però ora ha scoperto di amarlo.

Niente, ragioni di trama.
La scena dopo è semplice: Marika va in bagno, Justin la segue, trombano e vengono entrambi in pochi minuti.
Immagino che ormai si starà imbottendo di pillole…

Il giorno dopo Marika prova ad andare a scuola, ma Roberto, che, ricordiamoci, dovrebbe essere un semplice scagnozzo, la molesta e afferma di volersela fare, in cambio non dirà a tutti che lei fa sesso col fratello. E lei accetta.
Scema, Justin è il boss! Perfino quando gli altri due scagnozzi arrivano appena prima di Justin lei non dice nulla! Cavolo, Justin è spalleggiato dai lecchini, sono in tre!
E niente, proseguiamo…

Una volta arrivata da Rebecca, Marika decide di fare una cosa intelligente: spiegarle cosa sta succedendo!
Oddio, incredibile, una manifestazione d’intelligenza!

“Credo di essere ancora innamorata di Justin” dissi guardandola
La vidi guardarmi seria per poi sorridere e abracciarmi
“è fantastico tisoro, sono così contenta per te”

E’ felice perché la sua amica è innamorata di quello che tutti credono il fratello?
Io…
ERROR 404 LOGIC NOT FOUND

Ancora una volta, la Hope di turno, pur potendo risolvere un problema facilmente (tipo segnalando perfino il maniaco non figo, tale Roberto, e il maniaco figo, tale Justin) pensa di trovare qualche elaborata soluzione.

Veniamo anche a sapere che i due pargoletti si sono affezionati a Justin e agli altri, a parte il perfido Roberto.
Certo, hanno solo ucciso la povera Maya! Come con la sosia di Jessie, anche qui si balla, anzi, si scopa, sulla sua tomba!

Andata in camera di Justin (che pare che sia arrabbiato, chissà perché) lei lo trova che sta facendo sesso con la “scicquetta generica”, la ragazza tipo che esiste solo per essere scopata dal cattivo ragazzo.
Una volta scoperto, Justin è sconvolto e cerca di giustificarsi alla sua piccola, che però lo respinge.
Ma se stravede per lei perché se ne fa un’altra dopo tipo… un giorno scarso dall’ultima scopata?!

Marika fugge piangendo in camera sua, l’amica Rebecca (che ci offre il suo PV) cerca di confortarla e la manda a cagare, volevo dire, a nascondersi in bagno, mentre lei cerca di calmare un Justin fuori di sé.

“Justin… Non vuole vederti” dissi per poi chiudere la porta.
Quando la stava per chiudere un piede me lo impedì, Justin spinse violentemente la porta spalancandola, caddi all’indietro sbattendo sul pavimento con la schiena, un gemito di dolore usci dalle mie labbra
“Ti avevo avvertito stronzetta” ringhio affermandomi per i capelli e scaraventandomi contro il muro
Mi accasciai a terra, subito dopo svenni”

Caspita! Passiamo oltre alla sua super forza che gli permette di sollevare di peso una ragazza di almeno 50 kg e lanciarla via come Evgenij lancerebbe il telecomando contro lo schermo al momento dell’apparizione di Tauriel, ma… Si conferma un pazzo furioso!
Marika, scappa! Denuncialo! Chiama la polizia! Fa qualcosa, cazzo!

Justin trova Marika, le impedisce di soccorrere l’amica, la trascina nella sua stanza, la sbatte sul letto, i due saltellano per qualche riga da un capo all’altro della stanza come manco la Cavalletta del Passante saprebbe fare, lui la prende e la sbatte contro il muro, facendole un male cane.

Che gentiluomo, non trovate?

“Vediamo se ora stai ferma”

In preda alla disperazione, lei prova a fermarlo graffiandogli il labbro, e…

“Vidi i suoi occhi rabbiosi, e senza che me ne re dessi conto mi tiro una sberla fortissima, sentivo la guancia bruciare e formicolare
“Stronza” sibillò toccandosi il labbro ferito”

A quel punto lui le strappa i vestiti e la penetra nonostante lei abbia gli slip…

“Non riuscivo a smettere di piangere e urlare, dopoche era stato con quella troia, non volevo che mi toccasse, figuriamoci se volevo che entrasse in me”

Ah, l’omicidio va bene invece, eh?
A costo di ripetermi: Justin ha fatto uccidere una persona che amavi, viziatella (per non dire altro) di ‘sto membro maschile!

“Non voglio” piansi istericamente
“Non me ne frega un cazzo… Tu sei mia, e fai quello che dico io” disse lentamente incollando i suoi occhi hai mie
“Mi fa schifo… Dopo che sei entrato dentro quella puttana, mi fa schifo anche solo guardati, tocarti sentirti… tu Mi fai schifo” urlai disperata”

Ma Justin la rassicura: con l’altra ha usato il preservativo, quindi il rischio di malattie veneree è scongiurato!
Sembra una barzelletta di cattivo gusto…
Marika riesce a liberarsi, ma la porta è chiusa a chiave, Justin la sbatte ancora a letto, la immobilizza fregandosene del fatto che lei urli e pianga.

“Mi fai male Justin” gridai sentendo le spinte farsi più veloci e profonde e in dolore aumentare
“Allora semttila di muoverti e di piangerese non vuoi provarne di più” disse freddo continuando a spingere”

E Justin viene dentro di lei.
Dio santo, che schifo. Questa scena di stupro è tra le più disgustose in assoluto, forse solo superata da quella iniziale di «Violenza dopo il Quidditch», che era più particolareggiata.
Qui non è che Justin abbia solo insistito con una che ci stava, prima si è infuriato perché la ragazza che dovrebbe “amare” lo ha visto farsi un’altra, ha aggredito fisicamente l’amica di lei che cercava di difenderla, poi ha compiuto un orribile stupro.

“Sei solo mia, piccola”
No, Justin. Lei non è tua, lei dovrebbe essere padrona di decidere della sua vita!
Tu non sei innamorato di lei. Non sai nemmeno cosa sia l’amore e non sei nemmeno degno di pronunciare quella parola così abusata. Sei solo una bestiaccia schifosa che non merita nemmeno di respirare la nostra stessa aria.
Sapete cos’è, l’amore?
In Frozen, il pupazzo di neve Olaf offre una buona spiegazione, seppur semplicissima:

-Vedi, l’amore è mettere il bene di qualcun altro prima del tuo.-

Capito? Si dà priorità al bene altrui. Potremmo perdere tempo in ampie spiegazioni e precisazioni, illustrando la differenza tra amare qualcuno e annullare se stessi, ma fermiamoci prima.
Justin non ha pensato al bene di Marika per un solo istante.
1) Le ha ucciso l’amica badante;
2) L’ha rapita contro la sua volontà;
3) L’ha tradita;
4) Ha aggredito fisicamente una sua amica;
5) L’ha stuprata.

Questo non è amore. Questo è abuso, condito con una serie di altri crimini atroci.

Dopo l’orrendo atto, Marika si riveste ed esce, ignorando il dolore fisico e mentale (è già un miracolo che stia in piedi).
“Hai paura di me” chiese guardandomi

“N-non devi più p-parlarmi, guardarmi e toccarmi… F-fai come se io non esistessi, chiaro?” balbettai

Rise “Tu non hai capito proprio niente, allora” disse continuando ad avvicinarsi

Indietreggiai e inciampai cadendo, e sbattendo conla schiena sullo spigolo del mobiletto accanto alla TV, un verso di dolore lascio le mie labbra»

Da notare come questa imbecille inciampi e cada sempre, in perfetto stile Anastasia Steel!

«Mi massaggiai con la mano la parte dolorante, appena rialzai lo sguardo mi trovai Justin a pochi centimetri da me, sussultai e un urlo di terrore fuoriuscì dalle mie labbra, gattonai via da lui.
Mi misi seduta in un angolo della stanza e mi strinse le gambe la petto, poggiandoci sopra la testa, inizia i a singhiozzare silenziosamente
Sentii dei passi farsi sempre più vicini a me, una mano siposo sulla mia testa accarezzandomi i capelli, iniziai a tremare… Ero terrorizzata
“Piccola…” disse Justin addolorato”

Ho la profonda tentazione di lanciare il PC dalla finestra, ma non lo farò. Il Passante non merita di subire la mia collera, ma questa fic sì!
E sapete che altro succede? Lui cerca di abbracciarla e le dice che andrà tutto bene!

Ma schifoso bastardo borderline, l’hai stuprata, cazzo!
Marika arriva barcollando da una malconcia Rebecca, che le chiede che è accaduto.

“Dimmi chi non la fatto” chiese in lacrime”

Devo dire che simili strafalcioni sono un pugno allo stomaco in mezzo a questi orrori.
Marika quindi propone di fuggire dal mai nominato zio Greg, affermando che Justin non le troverà, dato che dista ben undici ore in macchina.
È una cazzata, lo so, ma dubito che in tali condizioni si possa ragionare lucidamente.
mattheus93: – Che viaggio! Io una volta ho fatto otto ore circa di viaggio in auto per andare dalla provincia di Pavia a Caserta. Dove vogliono arrivare in undici ore? –

Le due prendono i pargoli e si prepararono senza che nessuno dica niente, ma all’ultimo i due “scagnozzi generici fedeli al bad guy” le interrompono, forse perché hanno notato le signorine che facevano le valigie e correvano su e giù.
Arriva anche Justin, criticato perfino dagli scagnozzi, ma lui se ne frega, blocca Marika per il polso, facendole un male cane.
L’intervento tempestivo di Rebecca e degli scagnozzi però le permette di fuggire, a patto di tornare per le nove, “ho ti verro a cercare” e di dargli un bacio, sulla bocca.

Dopo una fuga non descritta, al posto della quale sarebbe stato meglio almeno chiamare la polizia, il gruppo si ferma a una stazione di servizio, ma Justin è sulle loro tracce!
Sono certo che non penserà di guardare proprio nella stazione di rifornimento… E ditemi, Rebecca ce l’ha una famiglia? Chiedere aiuto?
No.

E non siamo nemmeno a metààà…
Marika parla un po’ con l’amica, accennando allo stupro che ha subito, SENZA PROTEZIONI.
Nota: è successo anche prima, solo che ha preso la pillola. Prendine ancora!
Il gruppo arriva alla casa dello zio Greg, che sembra abbandonata da anni… ma la porta era aperta? Avevano le chiavi?
Qualcuno spieghi qualcosa!
Il point of view si sposta su Justino el Biebero, che è furioso.
Una lettrice risponde così:

“Sei furioso?!E chi se ne frega sei solo uno stronzo”
Sapete, trovo che sia emblematico il fatto che perfino le fan del genere siano incavolate e disgustate.

Intanto, lo scagnozzo n.3, Bruce, incita Justin a calmarsi e gli fa notare che l’ha stuprata, supponendo che sarà lei a tornare.
Ancora una volta le lettrici mostrano il loro disappunto.

“aaah… Ecco perche l’hai violentata, perche la ami… Ma non dire cazzate Justin”

Qui a parlare è il malvagio Roberto, e finalmente una frase logica!
In ogni caso, Justin ipotizza subito che Marika potrebbe essere nella casa dello zio Greg.
Sgamata in tipo dieci secondi.
Quindi super Justin si lancia all’inseguimento, rigorosamente da solo. Gli scagnozzi devono gestire il traffico di droga. Immagino che questi cinque ragazzetti rincoglioniti possano tenere in scacco tutti i mafiosi del posto.
Ah no, fermi: solo due scagnozzi stanno a casa, gli altri lo seguono.
Justin poi si veste “come se andasse a una festa”, fa notare una lettrice. Infatti si mette il profumo.
Ovvio, no? Ti pare che possa andare all’inseguimento del suo ammmmore e non essere presentabile?

“Piccola sto arrivando” pensai tra me e me”

L’auto partì all’inseguimento, ma, fatti pochi metri, dei chiodi sparsi per la strada la mandarono a sbattere contro un palo!
– Che cazzo è successo?! – esclamò furente Justin.
Da un vico vicoloso uscirono due figure.
– Preparati a passare dei guai! – disse la prima.
– Dei guai molto grossi! – aggiunse la seconda.
– Proteggeremo il mondo dalle fic squallide! –
– Uniremo tutti i fandom nel nostro sito! –
– Denunceremo i disagi adolescenziali sminchiati! –
– Estenderemo i nostri poteri oltre le stelle! –
– Eren! – si presentò il primo.
– Mikasa! – si presentò la seconda.
– Corpo di Recensione, pronto a partire alla velocità della luce! –
– Arrendetevi subito, oppure preparatevi a combattere! –
I due si misero in posa mentre un lampione manovrato da Armin li illuminava, poi una figura fece una scivolata in avanti, nel senso che venne gettata con un calcio.
– Proprio… così… – disse il capitano Levi con aria annoiata e sfoggiando il suo costumino da gatto con tanto di orecchie a punta.
Justin e i suoi scagnozzi risero.
– Attaccate! – ordinò il boss.
Mikasa si lanciò verso il primo, decapitandolo, mentre Eren prese una lametta e si fece un taglio, divenendo subito un gigantesco gigante che spiaccicò il secondo scagnozzo!
Justin a quel punto s’infuriò mentre i suoi occhi diventavano neri.
– Ora la pagherete! – minacciò.
Levi sguainò le spade e lo fissò, suscitando in lui una risata.
– Che crede di poter fare questo nanetto? –
Improvvisamente calò il silenzio.
La campana suonò.
Una palla di sterpi rotolò vicino a loro.

La scena successiva fu tipo quella che si vede qui a 1:35, solo che Levi ha il costumino da gatto.

Dato che Justin è stato momentaneamente ucciso (essendo alimentato dalle fangirl può essere distrutto solo brevemente), Marika e Rebecca arrivano e si stabiliscono alla casa sul mare, e qui la seconda bacia appassionatamente la prima.
Sì, Rebecca ha appena fatto coming out a caso. Oddio, potrebbe essere una svolta interessante, ma credo che la cosa più interessante che ne verrà fuori saranno delle scene lesbo.
mattheus93: – Interessante, concordo… –
No, un attimo, due secondi dopo averla baciata, averle passato le mani sui fianchi e averla chiamata amore, Rebecca è perplessa quando scopre che l’amica pensava a un flirt…
Ooookey…

Poco dopo, le due amiche si addormentano (anche se prima Rebecca, con la scusa di darle la crema solare, dato che la casa è vicina al mare, ha ben massaggiato il culo di Marika) e al risveglio i bimbi sono scomparsi!
Ma tranquilli, stavano solo in compagnia di Christian, una generica comparsa sbucata dal nulla… o no? Sperando che in realtà non sia Mr. Grey.

mattheus93: – Impossibile, Mr. Grey è con Sonja a fare il bucato…-
Evgenij (prendendo una motosega): – AAAAARGH! (Si getta nella stanza e butta giù la porta.) Levale le mani di dosso, porco! –
Sonja (voltandosi perplessa): – Amore, ti sembra questo il modo di parlare a questo simpatico signore? –
Evgenij: – Eh? – (si accorge che con lei c’è un signore di mezz’età, con baffetti e il sorriso.)
Mr. Grey: – Coloreria italiana! Grey, ottimo direi! –

Mentre Evgenij si riprende da questo momento imbarazzante, procediamo…
Vediamo che Christian è un po’ scemo, infatti pensa che Marika sia la madre dei bambini. E quando li avrebbe avuti, a dodici anni?
E pure lui la chiama “piccola”.
Insomma, ormai è un marchio di fabbrica.

“Perche da ora lei è la mia piccola”

Ossignore degli Anelli, ma possibile che non ci sia qualche bravo ragazzo in giro?!
Sì, c’era David. Che fine ha fatto poi?
Dai, abbiamo capito: questo è il “cattivo ragazzo meno figo” che serve solo a mettere la Hope di turno in pericolo, cosicché Justin la salvi.

“Cercò di baciarmi, ma ogni volta che ci provava mi scansavo, aumento la stretta sui miei fianchi facendomi fare un verso di dolore”

Per fortuna Rebecca gli tira una bastonata in testa, e Marika, mentre una voce in testa le urla FINISH HIM!, gli dà il colpo di grazia con un doppio calcio nelle palle.
FATALITY!

Le due prendono i piccoli e si barricano in casa. Dalla padella alla brace, proprio.

Provate, dico io, provate almeno a chiamare la polizia! Non faranno miracoli, ma provateci! Non potete difendervi da sole da un mafioso come Justin e ora avete alle calcagna un palestrato!
Ah, ma tranquilli, le due giocano a Just Dance, tanto per non annoiarsi. Perché sì, si annoiano.
Reazioni umane? E che robba sono?!
Marika va a farsi il bagno…

“Presi una Spagna e ci misi del bagno schiuma sopra…”

Addirittura? E chi è, Galactus?
Ah no, scusate, sarà colpa del correttore dello smart…
Commento di una lettrice:
“io di solito uso un america”
Evgenij avrebbe preferito una Germania, ma procediamo!

Le due ballano con la musica ad alto volume, proprio per essere sicure che, nel caso Christian volesse entrare forzando qualche serratura, nessuno possa sentirlo.
GENI!

Le due rimbecillite a quel punto ordinano una pizza, che tra l’altro ci mette tipo mezz’ora ad arrivare. Complimenti per la scelta del posto, decisamente non isolato, d’altronde è una villetta in riva al mare.

Invoco un intervento di Poseidone!
Ma per favore, che non uccida i pargoli, loro sono innocent…

“Mi manca bibbo… Justin”

Ah, sì, quello che ha fatto uccidere sotto i loro occhi una figura materna… che li ha fatti rapire… che ogni tanto è dolce e ogni tanto urla… quello…
Dopo qualche scena inutile, Marika s’infila una maglia di questo zio…
Ma per la barba di Muradin, qualcuno mi spiega chi sia questo zio? Se non c’è da anni come mai tutto funziona alla perfezione? Come mai ha lasciato i vestiti?
Come…

Evgenij (mettendo i vestiti in lavatrice seguendo le direttive del signor Grigio): – Ragioni di trama! –

Marika si addormenta, ma…
“Mi svegliai nel cuore della notte, avevo il presentimento che qualcosa non andasse, aprii gli occhi e vedi un ombra hai piedi del letto, illuminata dalla luce della luna che splendeva in cielo questa notte.”
Aiuto, chi sarà mai?

“Il figuro si avvicinò sorridendo.
– Torna a dormire. – sussurrò.
Un istante dopo la lama si piantò nel cuore di Marika, uccidendola.”

No, non è andata così, purtroppo. In realtà, è Justin, che è dispiaciuto, e dopo qualche breve formalità, del tipo “non posso perdonarti, mi hai violentata”, lei lo perdona.
Anzi, lo amerà per tutta la vita.

Commenti delle lettrici:
“Sto. Piangendo. Come. Una. Scema.”
“Awwwwwwwwwwwwwwwwwwww”
“Dolshiosii”
“La cosa che mi stupisce di più è la doppia personalità di Justin. E tu Marika svegliaaa ti ha violentata due giorni fa (più o meno) ti stolkera venendoti a cercare ovunque e poi tu lo baci e gli dici che lo ami! Devo pensare che anche tu abbia una doppia personalità??”

Gli altri sono “aaaa” oppure una che fa notare che i dialoghi sono stati presi da “Cambia la tua vita con un clic”.
Ma porco Olimpo, questo è un pazzo psicopatico omicida violento che ha una doppia personalità e tu torni da lui?

Marika… Tu non sei cogliona. Darti della cogliona sarebbe un insulto ai coglioni.
Sei oltre. La tua stupidità fa concorrenza a Hope Ever di “Luce e ombra“, talmente cretina che a suo confronto Spongebob è Light Yagami.
“Finalmente, forse potevamo essere felici ed amarci davvero”.

Il mattino dopo…
“… persi il cellulare dal comodino vedendo che erano le cinque e venti del mattino”
Casomai presi…

Marika poi c’informa che non ha ancora perdonato Justin, ma lui le mancava da impazzire, certo, non si fida più di lui, ma “col temo sono sicura che riusciremo ad aggiustare tutto.”

Allora vuol dire che ti fidi!
Poi lei lo accarezza, lo tocca, tante coccole!
Ripeto: TI HA VIOLENTATA MENTRE URLAVI DI DOLORE E LO SUPPLICAVI, TRA LE LACRIME, DI FERMARSI!
Ah, ma lei ci sta, infatti si struscia contro il suo inguine, vogliono fare sesso?
Sì, lei vuole farlo eccitare e vuole “torturarlo” un po’.
Ormai è chiaro: Marika soffre di qualche grave forma di ritardo mentale.
Commento di una lettrice:- Ma allora sei cogliona! –

Proseguendo, vedo che, in ogni linea di dialogo, Justin infila un “piccola”: perfino una lettrice si è rotta. Sul serio, in un paragrafo ne ho contati otto, e ho dato un’occhiata veloce!

Comunque, scopano e hanno un ennesimo orgasmo contemporaneo.
Dopo una breve scena in cui uno dei bambini racconta la vicenda di Christian, io domando: Marika non si è mai chiesta come mai Justin sia così ricco?
Se un mio parente sbucasse dal nulla e mostrasse di avere una super mega villona, mi chiederei “ma dove ha trovato i soldi”?
Qui dalla droga. Infatti Justin aveva intimato agli altri scagnozzi di uccidere un tizio se non avesse avuto la grana.
Oh, che amore!
Ricapitoliamo:
– stupratore,
– omicida,
– fedifrago,
– borderline (mi rifiuto di chiamarlo bipolare),
– maniaco ossessivo,
– violento,
– mafioso,
– spacciatore.

Ma ha anche dei difetti, eh!

Rebecca poco dopo arriva e, quando l’amica le dice che lei e Justin hanno chiarito, si fa voce della ragione.
“COSA?! Avete chiarito? Va tutto bene… Come fai a dire questo Marika, lui ti a violentata cazzo.. Come potete aver chiarito” urlo venendo contro di me abbastanza incazzata”
“ma che ti prende”? domandai indietreggiando”

BRAVA, BRAVA E ANCORA BRAVA!
Finalmente qualcuno che ragiona un pochino!
Ma ecco che si svela la verità: non agisce così per buon senso, ma perché è lesbica e innamorata di Marika.
Quindi è solo gelosa.
Ciao ciao, barlume d’intelligenza. E’ stato bello averti con noi per una riga.

E Justin è sconvolto da questo plot twist.
Sul serio, c’è scritto così, non me lo sono inventato!
A questo punto, Rebecca vuole opporsi a Justin!
Come farà? Non ha speranze, lui è troppo pompato!
Ma ha qualcosa nella borsa… giusto, potrebbe avere dello spray urticante…

“Una pistola”

Come, quando, dove e perché l’ha comprata? E nella borsa la teneva? Un oggetto che non è stato tanto fuori dalla portata dei bambini dell’asilo?
Complimenti, davvero. L’unico personaggio in tutta la storia che sta per fare qualcosa d’intelligente e utile, ossia crivellare Justin di pallottole, sta venendo fatta passare per una cattiva invidiosa.

“Istintivamente mi misi davanti a Justin”

Ah, quindi Marika difende così il suo stupratore…
SPARA REBECCA, SPARA! Dimmi che in realtà sei la Rebecca di Black Lagoon, per gli amici Revy, e che ora stai per crivellare questa coppia di coglioni!

“Mi dispiace tanto… Ma se non ti posso avere io, non ti avrà nessun’altro”

SPARASPARASPARASPARASPARA!!!

“Justin avvolse un braccio attorno alla mia vita stringendomi a lui, in modo protettivo”

A me pare che ti stia usando come scudo umano…
Comunque, dai Rebecca, spara!
No, Marika accetta di andare con lei, tutte e due sole.
Affascinante questo cambio di personalità, non trovate?

Evgenij: – No. –
mattheus93: – No. –
Sonja: – No. –
Passante: – No. –
Applejack: – Nope. –
Levi: – No. –
Mr. Grey: – No. –
Solaire: – No. –
Christa: – Fanculo Marika! –

Ma ecco che arriva Christian: Rebecca si era accordata con lui, ma la tradisce!
“Non erano questi i patti” urlo
“I patti sono cambiati, puttana”

fg8lqn5

Christian cerca di stuprare Marika, e qui mi chiedo: ma in questo mondo ci sono solo ragazzetti così affamati di sesso da voler stuprare la protagonista ogni cinque minuti?
Cavolo, c’è Federica, la mano amica, se proprio proprio non riuscite a trattenervi! E non si diventa ciechi, semmai si pulisce la prostata, o almeno così ho letto!

Justin, come vuole il copione, arriva e lo mena a sangue, ma Christian si riprende subito!
E Justin cosa fa?

È un mafioso, ovviamente va in giro con la pistola in tasca e gli spara alla gamba. Ma perché non gliela pianta nel cranio la pallottola? Per non scandalizzare Marika, credo… Certo, le ha ucciso la badante di fronte, ma va beh…

Tutto sembra concludersi per il meglio, dato che gli scagnozzi portano fuori Christian e Rebecca, che Marika non riesce neanche a guardare.
Ma ovvio, lei è così cattiva, Justin è così bello, bravo e intelligente!

Ah, sì: Christian la minaccia, ma vi faccio notare che è stato preso a pugni e calci, ha un proiettile nella gamba e dei mafiosi lo stanno portando fuori.
In teoria, dovrebbero darlo in pasto ai pesci.

Ma la teoria è scappata.
E santo cielo, smettetela di chiamare Marika “piccola”, non ne posso più!
È meno monotono Eren col suo “ucciderò tutti i giganti!”, sul serio, lo dice meno volte!

“Che ci facevi con una pistola?” chiesi con un filo di voce”

Ohibò, chissà!
Il discorso è interrotto dagli scagnozzi, che hanno sistemato Christian.
Immagino che gli abbiano praticato un complesso intervento per rimuovere il proiettile, lo abbiano medicato e accompagnato all’ospedale, no?

Marika preferisce allontanarsi un attimo per farsi la doccia, accorgendosi che Christian è stato “così violento” da lasciarle dei lividi.
Sicura che non siano quelli di Justin, cara?
Marika ha una breve reazione umana, in cui piange per l’amica, poi Justin continua a rompere col suo “piccola”.

Basta, santo Medivh! Usate qualche altro termine!

“Tesoro, cara, amore, dolcezza, splendore, bellissima, bambolina”, qualunque cosa, ma basta piccola! L’unico che per me potrebbe ripetere piccola senza problemi è un mio amico di EFP quando si rivolge alla sua nipotina di un anno!

Justin comunque non capisce come mai Marika soffra, e allora per farla parlare che farà mai?
Aspetterà che sia più tranquilla?
Si metterà fuori dalla porta in attesa?
La farà riposare?
Loderà il Sole?

Ma certo che no, farà la cosa più ovvia: scoparla. Perché il sesso è rilassante in tali casi, seguro!

E funziona, alla fine lei gli chiede come mai gli scagnozzi lo hanno chiamato “capo”.

Attendo con ansia il racconto trash!
E invece niente, lui non vuole dirle nulla e che lei non insista, sennò si arrabbia ancora!

Ma nel capitolo dopo ci svelano la verità: Justin è un gangster, anzi, un capoclan!
Una lettrice offre un’interessante ipotesi, ossia “È normale! Tutti giocano a clash of clans!”.

Madame Stereotipia è stata qui, e ancora una volta mette un ragazzino ventenne al comando di un intero clan, probabilmente costruito in tipo un anno. Certo, sono i ragazzetti rimbecilliti a tenere il controllo di tutto!
Pensate che l’autorità di Justin è tale che viene sfidato da uno scagnozzo qualunque e del suo gruppo si sono visti solo altri quattro membri!
Questi non sono mafiosi, al massimo sono dei picciotti a cui gli attendenti dei caporioni gettano le briciole.

Comunque ci svelano che forse la morte dei genitori è colpa di Justin, ma lui risponde di no, è colpa loro, non gli hanno dato retta, “Non l’anno mai fatto”.
Evgenij:- Porchi gli Estranei, questo è più fuori di testa di Joffrey Lann… Ehm, Baratheon e Ramsay Bolton messi assieme!-

Marika è sconvolta, ma così sconvolta, che quando incontra lo scagnozzo generico n. 2, Nico, e questi le fa il solletico, lei si sbarella dalle risate.
Aaaaw, non è adorabile?

Fluttershy:- Fanculo. –

La cosa infastidisce Justin, che è geloso.
Ancora una volta mi domando come un decerebrato borderline possa gestire un impero criminale.

E mettiamo le cose in chiaro: ora Marika ride e scherza con Nico, il tutto mentre Justin è furioso.

Certo, lui può scopare selvaggiamente un’altra, ma se lei ride e scherza con un suo amico (di Justin) allora è tradimento.
I deficienti vanno poi a giocare in spiaggia, tipico comportamento di chi… nah, questa battuta l’ho già fatta, ma capitemi!

Il capitolo dopo è un avviso, in cui l’autrice ci chiede consiglio per una storia, ecco la trama:

“In poche parole parla di una ragazza, Angelic, che viene rapita da un criminale appena evaso di prigione, la porterà con lui costringendola ad amarlo, e poi lo sviluppo della storia lo decideremo in seguito; solo indicisa sul protagonista maschile, non so se farlo interpretare da “Justin Bieber” o “Harry Style”.

Ok… qual era il titolo? «Life a Game»? (Per chi avesse dubbi sì, è scritto così) Ok, segnata… grazie, procediamo!

“Non sei la prima a dirmi che sono incredibile, piccola” disse ridacchiando, Spalancai la bocca capendo ciò che aveva appena detto.
Sentii un dolore alpetto sentendo quelle parole, il mio cuore si stava sgretolando pian piano, insieme aciò che provavo per lui.”

Scusate, ma sono l’unico a ricordare quella scena in cui Justin faceva sesso selvaggio con un’altra?
No?
Ormai abbiamo capito, non è che la storia segua una logica idiota, come “Afraid of you“; qui la personalità dei personaggi varierà a seconda del capitolo e con essa la loro memoria degli eventi.

La cosa è così traumatica che Marika deve andare in casa, cerca di riprendersi con l’acqua fredda (io userei quella calda, sapete, stimola le connessioni neuronali) e perde i sensi.

Justin poi capisce che non doveva dire quelle cose (anche se erano già state mostrate, quindi… boh?) e la salva.

I due parlano, lei vuole andare via per un po’, lui l’abbraccia, sentono un click (semmai un crack, che è quello che si saranno fumati) causandole un dolore lancinante alle costole, ma lei non dice niente perché non vuole aumentare i suoi sensi di colpa.

Eh, poverino, deve vivere col dolore di averla tradita!
Ah, sì, anche stuprata, averle ucciso una persona cara, e rovinato la vita, insomma.
E continua a chiamarla piccola, esasperando le lettrici che lo minacciano di castrazione.

Brave ragazze!

Justin allora le concede di tornare a casa e beccano anche delle foto delle madre.

“Erauna donna meravigliosa, forte, e sicura di sé… vi assomigliate molto piccola”

– Cazzate! – disse il Passante passando sotto l’appartamento.

“Non era forte e nemmeno sucura di se justin”

– Altra cazzata! – disse il Postino smettendo di galoppare. – Dal discorso la protagonista si sta attribuendo forza d’animo, eppure non ha fatto altro che scodinzolare dietro a Justin ed essere in balia degli eventi, se non in qualche slancio di buonsenso, che però è durato poco! –
Concluso il discorso, il Postino galoppò via, travolgendo il Passante.

Hanno però una cosa in comune: la tristezza.
Questo vuol dire che riusciranno ad apprendere la Trasmigrazione attraverso Satori di Kenshiro?

“Tu sei mia sorella, sangue del mio sangue, tutto ciò che rimane della mia famiglia piccola… dovrei sentire il desiderio di difenderti, difenderti dai ragazzi che vorrebbero fare le stesse cose che voglio e che posso fare io”

Evgenij: – Sangue del suo sangue? Ma non era adottata? –
Come fa notare una lettrice, è praticamente un copia-incolla di una frase di Shadowhunters, con l’aggiunta di “Piccola”.
Che poi, Justin ribadisce che lei è di sua proprietà, ma per ora sembra che si stia riferendo alla sua cagna, non una sua pari.
Ma la speranza non è ancora morta: Marika ha un brutto presentimento!
I due partono insieme e… non capisco la scena dopo, nel senso che non ho proprio capito…ah, no, rileggendolo varie volte ho capito che lei stava parlando con lo zio Greg, sbucato dal nulla.
Non posso fare a meno di notare che lo zio Greg rifiuti il ritorno di Justin e chiami Marika “piccolina”, tentativo di stupro in arrivo?
E per pietà di Ghost Rider, Justin, basta ripetere piccola! Sei più fastidioso delle foto!
Invece no, non la smette e marchia Marika col succhiotto, ma a livello dell’aorta, perché passa per il cuore!
Aaaw, com’è romantico!
Certo, non è che solo l’aorta passi di lì, eh…

Justin poi le bacia il “capezzale”, anche se immagino intendesse capezzolo… poi, nel tentativo di emulare Cristiano Grigio, la benda con una cravatta e scopano ancora.

Sul serio, ma questi qui scopano e basta? Io sono considerato un maniaco, ma dico davvero, non fanno qualcos’altro oltre al sesso? Non so, non parlano di qualcosa, non c’è una qualche… intesa mentale?
Tanto per capirci, se io fossi un appassionato di matematica, mi piacerebbe avere qualcuno con cui parlarne, se amassi un particolare genere di libri vorrei parlarne, e così via.
Qui invece…nulla. Sento questo rapporto vuoto come una pasticceria in cui hai lasciato sola Pinkie Pie affamata.

Unica nota positiva: Justin si lascia scappare un “amore mio” al posto di piccola.
I due sono interrotti dallo zio Greg… al quale Marika “Non può” dire la verità.
Dirà solo che Maya è stata ammazzata di botte, poveraccia. Da chi? Boh!
Ma bene, evviva l’omertà!
Ecco però che Justin, il mocciosetto che in un anno è diventato capo clan mafioso, s’intromette!
La spiegazione prosegue e…
“Giurò che intutto questo tempo non avevo mai visto zio Greg così arrabbiato, avevo quasi l’impressione che gli uscisse il fumo dalle orecchie per quanto lo fosse.”

The_Evil_of_Men_-_Majin_Buu_angry_and_releases_the_evil_inside_him

Durante la conversazione, Justino rivela la verità: anche se finora si era sempre parlato di un incidente automobilistico in cui la macchina era esplosa (con Marika uscita in tempo) in realtà gli hanno sparato, ma i suoi amici lo hanno soccorso e si è ripreso in un anno.

Guardate, non so voi, ma una persona che sta morendo dissanguata, io la porterei all’ospedale, perché lì forse, dico forse, la gente è meglio attrezzata e più competente!

Durante la notte il telefono della “piccola” squilla, e Justin, dopo aver risposto, riceve solo delle enigmatiche parole.
“..Lei, sarà mia..”

Frollo? Sei tu?
Immagino che, per esclusione, sarà David, visto che qui dobbiamo trasformare i personaggi positivi in negativi al solo fine di dar ragione allo stupratore…
Forse è davvero lui, il malvagio giudice bigotto, dato che la chiamata non viene nemmeno registrata sul cellulare di Justin (è risaputo che Frollo ha un sacco di poteri).
Ripresosi, Justin si guarda allo specchio dopo essersi appena alzato…

“Che faccia di cazzo…”

Mh, finalmente siamo d’accordo!
Uscito, trova Marika che sta giocando con l’x-box, anche se io avrei preferito una PS3, perché con quella ho usato giochi a cui so… MA PORCA PUTTANA!
La vogliamo smettere di mostrare Marika come se non fosse accaduto nulla?
Questa ragazza dovrebbe essere sconvolta, come minimo!

E invece no, è tra le braccia del suo stupratore!
Uccideteli tutti, vi prego!
Veniamo anche a sapere che lo scagnozzo generico Bruce ha trentaquattro anni… ed è alle dipendenze di uno che ne avrà a stento venti… che ha fondato l’impero criminale in un anno… dai che è quasi finita!

A proposito, Bruce e l’altro scagnozzo Roberto dovevano occuparsi del tizio che doveva pagare la grana…
“Si… è andato tutto liscio come l’olio, dovevi vederlo” disse per poi scoppiare a ridere “dovevi vedere come mi a pregato di lasciarlo vivere… patetico.” Scosselatesta ridachiando.”

Complimenti, sul serio. Deve essere proprio divertente che uno finito nel giro della droga per chissà quale motivo, magari per qualche tragedia famigliare, si ritrovi senza i soldi necessari, implori pietà tra le lacrime, poi tu gli spari in testa. Probabilmente questo “Tomso” doveva essere un amico di Fred, quel povero disgraziato di “Afraid of you“. Solo che anziché portargli la sua Fine (finestra indistruttibile non economica), gli hanno direttamente servito il piombo.
Che poi… andato tutto bene? No, sarebbe andato tutto bene se avesse pagato! Non è che la mafia uccide così a caso! Avete presente Gomorra, dove i due teppistelli sono fatti sparire nel cemento perché facevano troppo casino? Ecco!

Oddio, pensandoci bene ho beccato una fic dove una quindicenne, figlia di un padrino che a sua volta aveva perso il figlio in un agguato, andava a studiare in un liceo pubblico e nello zaino si portava tipo una decina di armi, tra cui un fucile anti carro e pistole di calibro troppo grosso per chiunque al di sotto di un palestrato… e quando consigliai all’autrice Gomorra, lei mi rispose: “lascia perdere, Gomorra è una cazzata”.

Divina Sailor Galaxia, dammi la forza di resistere!
Nel pezzo successivo ci dicono che un carico di droga importante sta arrivando dalla Germania…

“Uscito, Justin trovò l’enorme pacco, appena arrivato.
– Ahah! – disse – Ci faremo tanti bei soldoni! –
Il pacco in quel momento esplose, e ne uscirono, dalla Germania con furore, Eren, Mikasa, Levi, Armin, Christa, Connie, Sasha, Ymir, Reiner, tutti gli altri morti e chi più ne ha più ne metta, rigorosamente gridando:
– Sie Sind Das Essen? Und Wir Sind Die Jager! -”

Evgenij: – Capisco che sia figo infilare questa frase ovunque, ma devi sempre copia incollarla piena di errori? Te la devo correggere io ogni volta? –
fanwriter91: – Dai, andiamo avanti con le foto… –
Evgenij: – ARGH! – (Si getta dalla finestra piovendo dritto sul Passante.)

Ecco che arriva lo zio Greg, che, a caso, s’infuria perché Justin ospita i suoi amici e amoreggia con sua sorella.
Justin quindi se ne va.

“A stasera piccola”

No. Non c’è scritto piccola. La parola piccola non esiste.
Evgenij (urlando dalla strada):- Finalmente cominci a capirmi!-
Concentriamoci su zio Greg, che viene definito “molto aggressivo, per non dire violento, alle volte.”
Lo zio è incollerito, stringe i polsi della nipote e le ordina di lasciare Justin… è questo il suo primo pensiero?! Non chiama la polizia?

Lei non accetta una cosa del genere, perché colui che l’ha rapita, picchiata e stuprata…
“Mi protegge e mi ama”

Sì, ti protegge da guai in cui lui stesso ti ha fatta finire, cretina!
Addirittura Greg afferma che potrebbe accadere qualcosa di molto brutto a Justin, se continua!
Sta minacciando di morte suo nipote! Non dovrebbe essere spaventato che gli succeda qualcosa? Gioioso nel rivederlo?
No, abbiamo capito, anche lui è andato fuori caratterizzazione per dar ragione a Justin.

Praticamente sarebbe come, in un manga mitologico, trasformare Ettore in un arrogante vanaglorioso che resuscita solo perché vuole mostrare al mondo di avercelo più lungo, in modo da dar ragione ai Cavalieri d’Oro e alla dèa Atena, sia mai che i protagonisti abbiano un concorso di colpa!

Intissar, in quel momento, lesse un numero di Saint Seiya – Episode G, in cui accadevano testualmente tali eventi, così fece la cosa più logica possibile: prese il fumetto, lo adagiò su un altare dedicato a Cthullhu, dette fuoco al manga e recitò una serie di preghiere, invocando la giustizia divina.

Beh, Greg impone a Marika di lasciare Justin con un messaggio “liquidatorio”, sono certo che sia assolutamente sensato e credibile…
Infatti Justin non ci crede, ma lei insiste… ma perché non gli dice nulla, se è così innamorata?
La risposta è: perché lo zio le ha detto di fare così, fine.
Che ragazza forte, eh?
Justin, anziché fare 2+2, la manda a fanculo, mentre Marika ha dei pensieri autolesionisti, ma questa volta… devo aver perso qualche passaggio… NON si taglia.

Marika va a prendere i bambini all’asilo, e ancora una volta è scambiata per la madre! Ci hanno mostrato la sua foto, pare sì e no ventenne!

Evgenij (facendosi mettere i cerotti da Sonja e con Mr. Grey che lo spazzola con un piumino): -Le foto… ouch… non esistono! –

Malika ci parla anche dei suoi, dicendo cose inutili e noiose… oh, e il suo nome in arabico si pronuncia “malyca” e significa regina “in italiano”… perché specifica “in italiano”? Non dovremmo essere in Canada? Hanno appena detto che Gloria è un nome poco comune!
Dai, solita storia con la solita marmellata di nomi…
Veniamo anche a sapere che il nome della badante era Maia Delgado, e che è la zia di Gloria, la tipa che sta dietro al bancone dell’asilo.

Wow, la tipa che lavora nell’asilo dove vanno i bambini è la nipote della loro tutrice, e nessuno lo sapeva…

Sappiamo che ne è stato di Maya: Justin ha provveduto a farla gettare in un vicolo, probabilmente dopo averla rivestita (non so voi, ma io non giro per casa con le scarpe, e immagino che una persona, in particolare una donna, si trucchi almeno un po’, prima di uscire, ma le donne non sono tutte uguali) senza lasciare traccia alcuna. Per gli sbirri, che sono così deficienti che farebbero strappare i capelli a Matsuda per l’esasperazione, è stata una rapina.

“lei sicuramente avrebbe usato lo saprai al peperoncino che si portava sempre dietro perla siqurezza…”

Il micidiale saprai al peperoncino, affiancato alla sprite usata in «Criminal Love»!

Marika torna a casa coi bambini, che le chiudono “la porta alle stalle”, e dal nulla sbuca Justin, che le chiede spiegazioni.
Monotonoooooo…

Justin, da bravo innamorato, sbatte Marika contro il muro, la molesta e l’accusa di preferire lo zio a lui… datemi un sacchetto per vomitare, per favore…

“Preferisci fare l’amore con lui anziche con me.” Ringhiò contro il mio collo per poi morderlo con aggressività, facendomi male”
“Basta” urlai, stringendogli le spalle, cercando di farlo staccare.
“Ti piace farti scopare da lui?” Chiese quasi urlando, spingendomi ancora contro il frigorifero
“Smettila!” Urlai in lacrime
“Vuoi ilsuo cazzo? ti fa godere più delmio? Scommetto che già lo hai provato” disse per poi ridere all’ultima frase”

Lei si libera ed è disgustata, ma “un pò me lo meritano, in fondo gli avevo spezzato il cuore”.
Lui invece ti ha spezzato il cuore più volte, ti ha stuprata, ucciso una cara, rovinato la vita… ma è colpa tua, eh.
Perché sei una femmina. E’ sempre colpa tua.

Ma ecco che arriva Greg e… e si ripete la scena con Rebecca, solo che è Justin a tirare fuori la pistola e Marika fa da scudo a Greg.
“Vuoi sfidarsi piccola…”
Justin, davanti agli occhi da cucciolo di Marika…

Si calma e la bacia.
Ma lui DEVE farlo!
Cosa?
Beh… come posso dire…

“Prima che riuscissi a dire qualcosa lui premette il grilletto, un suono sordo rimbombò per tutto il salotto storfendomi per qualche istante.
Vidi zio Greg accasciarsi a terra sofferente.
“O mio dio” piansi disperata”

Marika cerca di soccorrere lo zio, ma Justin la ferma!
“Calmati piccola”, chiese, cercando di farmi calmare
“No! Non chiamarmi piccola.”
SÌÌÌ! ALLELUIA!

Ma… PLOT TWIST!
Greg si rialza e colpisce Justin alla testa, mettendolo K.O.!
Come ha fatto? Semplice: giubbotto anti proiettile!
I due allora decidono di… scappare.
Ancora.

CHIAMATE LA POLIZIA, CAZZO!
O ALMENO DATE IL COLPO DI GRAZIA A JUSTIN CON LA SUA PISTOLA!

Avete visto che avete ottenuto con questo atteggiamento!
Bene, i due partono… e Marika ha dimenticato il cellulare, per cui torna dentro.
Oh my god, chissà cos’accadrà mai…
Forse Justin si è ripreso?
Ovvio, dai…

“Scusa piccola” sospirò per poi coprirmi il naso e la bocca con un fazzoletto di stoffa leggermente umido.”

Segue una scena, neanche tanto brutta, in cui Marika parla col suo riflesso in un sogno, e tal riflesso, forse madame Logica, le ricorda che Justin la sta uccidendo.
“Io lo amo” piansi disperata.
“Allora morirai”
Eeeee…
FINE!

E non è aggiornata da tempo!
Chissà come mai, forse l’autrice si è stufata dei commenti di quelle arroganti maestrine che le ripetono che “hanno” va con l’acca o che «perché» ha l’accento.
Che altro dire? Questa storia è una continua e terribile apologia di stupro e di violenza; Justin non ama per niente Marika, la considera solo un suo oggetto personale, e tematiche serie come lo stupro, la violenza e la criminalità sono trattate in un modo demenziale a dir poco.
Quindi la segnaleremo, eccome se lo faremo!
Con esasperazione, e con la consapevolezza che la parola “piccola” non esiste,
fanwriter91

fanwriter91 si sgranchì le dita.
– E anche questa è fatta! –
In quel momento udì un ruggito alle sue spalle: appena fuori dalla finestra c’era Justin Bieber risorto, diventato gigantesco e con gli occhi che avevano cambiato colore!
– GROAAAR! – ruggì questi, ma d’un tratto…
ZAC!
Con movimento elegante e mira certosina, il capitano Levi recise di netto la testa dell’abominio, bagnandosi del suo sangue.
– Cielo, ragazzo! – disse Mr. Grey arrivando di corsa. – Hai tutti gli abiti sporchi di sangue, ma non temere! Oggi, col detersivo del solo e unico mr. Grey, le ali della libertà ti faranno volare ancora! –

In breve, il simpatico ometto mise i vestiti in lavatrice (lasciando Levi in mutande per un po’, occasione colta da Rarity che, sfruttando i buchi di trama, usciva dal nulla per fotografarlo) e tirò a lucido le vesti del capitano, che, rivestitosi, sembrava brillare di luce propria.

– Grey, ottimo direi! – salutò il maggiordomo mentre si allontanava.
Levi lo guardò per qualche istante, poi sul suo volto apparve un sorriso: finalmente aveva trovato un amico!

Aggiornamento del 14/03: la fanfic è già stata cancellata! VITTORIA!

8 pensieri su ““Depth – My brother and I” (Anche se l’unica cosa profonda saranno le cicatrici che questa fic mi lascerà.)

  1. Recensione favolosa, ho riso per la maggior parte del tempo e la comparsa di Mister Grey (ottimo, direi!) mi ha stesa 😀
    Dobbiamo ridere per non piangere, perché fanfiction simili non hanno proprio senso! Ma io direi a queste persone: una volta che volete scrivere e pubblicare (sia pure gratis) una storia, impegnatevi! Cercate almeno di fare attenzione agli errori grammaticali, trovatevi un lettore beta, qualcosa! Creatività sì, ma un po’ di criterio no, vero?
    Sorvoliamo poi sulla caratterizzazione dei personaggi, praticamente a seconda della situazione cambiano personalità e atteggiamento come se niente fosse… Non c’è una vera trama, solo una serie di eventi più o meno legati tra loro, che cercano di giustificare la vicinanza tra Justin e Marika. E dico questo cercando di mettere da parte il fatto che si tratti di una storia con un protagonista maschile che, in teoria, sarebbe riconducibile a una persona realmente esistente. Non nascondo di essere contro le fanfiction sulle persone reali, ma come ho detto altrove non voglio imporre il mio modo di pensare; il problema di storie come questa è la mancanza quasi totale di coerenza, indipendentemente dal fatto che il protagonista si chiami Justin Bieber…

    Piace a 3 people

  2. Mi chiedo come avete fatto a leggere una cosa del genere.
    Una roba di un piattume unico, che si limita a riproporre i soliti clichè stra-abusati senza sforzarsi di aggiungere nulla di nuovo/personale. Nemmeno gli errori ortografici risollevano la situazione.
    Una noia mortale, peggiorata dalla totale assenza di personalità dei personaggi. Già di solito sono stereotipati alla grande, qui invece manco quello, sembrano agire in base al lancio di una moneta o di un dado, al punto che le scene sembrano prese da varie fic e incollate insieme, cambiando solo i nomi dei personaggi. Come se non bastasse, la totale mancanza di consequenzialità tra le scene peggiora ulteriormente le cose. Se stampassi dieci fic diverse, mischiassi le pagine e le leggessi a caso, otterrei comunque una storia con più senso di questa.
    Ovviamente non è una bella storia, non è nemmeno “passabile”, ma non brilla nemmeno nel brutto: non ha nulla di unico che la definisca, è solo l’ennesima fic in cui il bed boi Justin stupra Hope. Nemmeno l’incesto riesce a darle personalità ed è tutto un che dire, data la forza dell’argomento. Scrivere di un rapporto incestuoso e ottenere una fic così piatta equivale a giocare a bocce contro un tetraplegico e perdere.

    L’unico pezzo che mi ha fatto ridere è stato l’avviso in cui ha annunciato di voler scrivere una fic che è la fotocopia spiccicata di questa: ho passato anni a scornarmi con sedicenti autori fantasy convinti che “per scrivere un fantasy non servono regole e verosimiglianza, basta la fantasia”, e poi trovo ‘sta ragazzina per cui nemmeno quella serve. Ho riso, ma istericamente.

    Piace a 3 people

    1. Ehi, io scrivo fantasy! 😀

      Comunque, sulla storia, un elemento interessante c’è: essendo i personaggi dotati di una personalità che cambia da riga a riga, alcuni dettagli sono assolutamente imprevedibili! Infatti prima l’amica era felicissima che marika fosse innamorata di justin, poi di botto si rivela lesbica e gelosa. A caso. O meglio, per far passare justin dalla parte del giusto.

      E ricorda: la parola piccola non esiste.

      Piace a 1 persona

  3. Questa è una delle migliori recensioni del blog secondo me, per una fanfiction che davvero fa piangere i sassi. Da parte dell’autrice, questo non è nemmeno provarci, a scrivere per un pubblico: non c’è nemmeno una goccia di impegno.
    Quanto al contenuto, non mi abituerò mai al cliché delle pessime fanfiction (ma anche dei pessimi scrittori, tipo Terry Goodkind) per cui tutti vogliono stuprare la bellissima protagonista. Non posso sopportare che si accetti senza battere ciglio l’idea che la bellezza comporti come “effetto collaterale” la violenza, come se ci fosse un nesso ovvio e naturale, come se fosse nell’ordine delle cose.

    Piace a 3 people

    1. Esatto, purtroppo ci sono un mucchio di storie in cui i cattivi vogliono sempre violentare una donna bellissima, anch’io ho trovata una situazione del genere in una fic su EFP tutto sommato innocua, ma dove però quasi tutti i cattivi volevano possedere sessualmente Jenova, la madre di Sephiroth di Final Fantasy VII.
      Ripeto: ma farsi una sega, no?

      "Mi piace"

  4. Rispondo qui ai vostri commenti perché da voi non c’è il comando rispondi.

    ladymismagius: sì Jenova è una creatura potentissima e fisicamente inquietante. In quella fic è descritta come una donna che più bella non si può.

    fanwriter91: Tifa nella fic non è considerata.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...