“I will protect you” (E chi protegge noi?)

Era un quieto pomeriggio di una domenica come tante.
fanwriter91 ed Evgenij erano a casa, in salotto, comodamente stravaccati sul divano.
Il primo teneva un portatile sulle ginocchia, intento a scrivere appunti su una recensione a cui stava lavorando, mentre l’altro leggeva tutto impegnato e con occhi visibilmente stanchi un testo sulla teoria del trasporto ottimo.
Gli unici rumori che riempivano la stanza erano il lento sfogliare delle pagine del tomo che Evgenij teneva tra le mani e il veloce digitare delle dita di fanwriter91 sulla tastiera. Di tanto in tanto risuonava anche qualche sbadiglio.

Voi vi starete chiedendo: e mattheus93 dov’era? Beh, lui stava facendo la guardia notturna in una pizzeria talmente lontana (ma sempre nei confini di Fanficcinopoli) che i fusi orari erano diversi e doveva muoversi grazie ai buchi di trama.

Proprio in quel momento mattheus93 sbuffò seccato: c’era così poca energia elettrica che si era scaricato già tutto e non era nemmeno riuscito a ricaricarsi lo smart!Alla sua sinistra partì una strana musichetta e vide delle luci scintillanti.
– Oh, cazzo… –
Urlando come un forsennato, Freddy di Fight Night at Freddy’s gli balzò addosso.

209606_1

Bomm, uno sparo, e l’animatronico volò dall’altra parte della stanza con un buco in testa. Con molta nonchalance, mattheus93 roteò la sua colt e poggiò i piedi sulla scrivania, certo che avrebbe passato una notte tranquilla.

– Che noia! – disse ad un certo punto fanwriter91, chiudendo scocciato il portatile. – Ho davvero bisogno di una tregua… e di mangiare qualcosina! Evgenij, tu non hai fame? –

In tutta risposta, l’amico si limitò a scuotere la testa senza staccare gli occhi dal testo nemmeno per un istante.
Al che l’altro recensore fece spallucce, si alzò lentamente in piedi e iniziò a dirigersi a passi piccoli e strascicati verso la cucina: – Che potrei mangiare? – si chiedeva. – Un panino? Delle patatine? Una mela?… ARGH! –

Non appena giunse in cucina, una figura misteriosa e incappucciata seduta al tavolo gli fece fare un salto di due metri per lo spavento.
– E tu chi caspita saresti?! –

– E adesso che succede?! – urlò Evgenij dal salotto e raggiungendo l’amico.

Quando anche Evgenij fu lì, la persona si alzò subito in piedi.
Portava un lungo mantello verde e il cappuccio oscurava completamente il suo viso. Indossava una casacca verde bella aderente e un giacchino marroncino. Portava un paio di pantaloni bianchi, strane bretelle avvolgevano le cosce e aveva degli stivaletti in pelle alti fino al ginocchio.

– Aspetta… – disse Evgenij – Quell’abbigliamento… –
– Non mi dire che… – fece fanwriter91.

La figura si tolse allora la mantellina e, a quel punto, il volto sorridente di una giovane circondato da un folto cespuglio di ricci castani fece capolino: – Ciao ragazzi! Scusatemi, volevo farvi una sorpresa, non era mia intenzione spaventarvi! Non mi riconoscete? Sono io, Mimichan! –

I due fecero subito un grande sospiro di sollievo.
– Meno male, sei tu… – disse fanwriter91 – Ma mi hai fatto prendere un colpo! Come sei entrata in casa?! Non ti ho proprio sentito! –

La ragazza non rispose e si limitò ad indicare ridacchiando la finestra aperta.

– Siamo al decimo piano di un palazzo. – fece Evgenij perplesso. – Come avresti fatto ad entrare da lì? Volando? Beh, in effetti, con il dispositivo per il movimento tridimensionale sarebbe fattibile… –

Un grido potente e rauco giunse dall’esterno, facendo sobbalzare ancora una volta i due recensori.
Mimi, che non sembrava affatto spaventata, si precipitò subito alla finestra e i due ragazzi, curiosi e un po’ intimoriti al tempo stesso, la seguirono a ruota.
Quando i loro occhi videro qual era la fonte di quel grido, i recensori rimasero letteralmente pietrificati: era un gigante.
Un bestione alto forse una quindicina di metri.
Era completamente nudo, aveva i capelli dello stesso colore dell’ebano e i suoi occhi, due fari enormi, erano verdi e luminosi come due smeraldi.

– Grazie mille per il passaggio, Eren! – urlò Mimi, rivolgendosi a quel mostro. – Non è che potresti passare a prendermi più tardi? –

Il gigante rispose con un mugugno e annuendo col capo. Dopodiché iniziò ad allontanarsi, facendo tremare la terra ed il palazzo ad ogni singolo passo.

Il Passante, nascosto dietro a un edificio, sporse il capo.
– Fiuu, sono salvo! –

– Fantastico! – fece allora la ragazza tutta contenta e agitando la mano in segno di saluto – A più tardi allora. Ciao, Eren! –

I due recensori erano oltremodo sbigottiti.

– Perdonatemi ragazzi, cosa mi avevate chiesto…? – fece Mimi, rivolgendosi nuovamente a loro.
– Non importa. – rispose subito Evgenij – Ormai non dovrei sorprendermi più di niente… d’altronde Eren poco tempo fa era stato pestato da Rainbow Dash…-
– Allora, – fece fanwriter91 schiarendosi la voce – come mai qui, Mimichan? –

La ragazza si liberò di uno zainetto che teneva in spalla, posandolo a terra, e ne tirò fuori un taccuino ed una penna.
– Ma come, – fece lei. – ve ne siete dimenticati? –

I due recensori si guardarono con sguardo interrogativo.
– Ehm… che cosa? – domandò Evgenij visibilmente preoccupato.
Mimi sospirò: – Caspita, dovete essere proprio tanto impegnati, eh… State tranquilli, ci penso io –

Aprì il taccuino per mostrarlo subito ai due ragazzi, e le quattro parole che stavano scritte a caratteri su due pagine fecero subito impallidire i recensori.
– I will protect you! – dissero all’unisono.

– Esatto! La fic squallida su Attack on Titan! – disse Mimi. – Ricordate, adesso? –
– Purtroppo sì… – disse Evgenij, iniziando a tornarsene in salotto.
– Già… – fece l’altro, seguendo l’amico. – Mi è passato l’appetito.-
– Che ne dite, cominciamo subito? – disse la ragazza, andando dietro ai due saltellando come un grillo.

Quando furono entrambi seduti, fanwriter91 lanciò uno sguardo ad Evgenij. Era giunto il momento di adempiere al loro nobile compito: stroncare le storie squallide che infestano e infettano Wattpad!

– Forza. – disse fanwriter91 afferrando il portatile che poco prima aveva posato. – Dobbiamo farlo!-
Evgenij chiuse il libro che stava studiando fino a qualche attimo prima, prese poi un respiro profondo e annuì prontamente.
Mimi si sedette anche lei sul divano, in mezzo ai due ragazzi.
– Che la recensione abbia inizio!!-

https://www.wattpad.com/476143635-i-will-protect-you-introduzione

Fin dal primo capitolo va detto che non ci si capisce un’H, prevalentemente perché l’autrice non le usa per il verbo “avere”.

In ogni caso, non intendo descrivervi questo primo capitolo.

E sapete perché? Perché l’autrice letteralmente ci racconta nel dettaglio ogni singolo evento di tutta la storia!

Quindi iniziamo davvero…

TU SEI LA PREDA, NOI I CACCIATORI!

Evgenij: – Ah, adesso lo dici in italiano, eh? –

Mimi (tutta esaltata): – FORZA, SHINZOU WO SASAGEYOO! –

fanwriter91: – …? –

Mimi: – La battuta di Erwin, no? “Donate i vostri cuori”, hai presente? –

Evgenij: – Ah, ma certo! Opfert eure Herzen! – (Si porta il pugno sul cuore.)

fanwriter91:- …?-

Mimi: – Mi sa che l’abbiamo confuso… –

Fin da subito si comprende che è una storia con tematiche pesanti, come autolesionismo, droga e bullismo. Mi auguro che saranno trattate bene e che il tutto non sarà un pretesto per far limonare Eren e Levi, attualmente studenti liceali.
Ci precisano però che Levi non ha trentacinque anni, ma diciotto, e vorrei ben vedere! Che è, stato bocciato tipo dieci volte?

“Vocina: allora visto che la mia nemesi è troppo pigra ve lo dico io, in questa storia verranno usate parolacce e tante altre cose, grazie per l’attenzione.”

Mimi: – Fermi tutti. – (Si alza di scatto e va a prendere qualcosa di molto importante che tiene nel suo zainetto. Ritorna con un pacco di biscotti al triplo cioccolato, un pupazzo di Fluttershy per fanwriter91 e una bella bottiglia di vodka per Evgenij.) – Ecco, adesso siamo pronti per iniziare. –

Cominciamo col POV di Eren (sì, il POV è anche qui), che ci dà il benvenuto precisando che la sua vita è una merda.

“La mia vita è come tante altre vite una merda pura, è tutto monotono non cambia niente, mi sveglio la mattina,saluto i miei col mio falso sorriso che ho imparato a fare dei anni,faccio colazione, mi lavo i denti e mi vesto.”

Sarà mica che Eren è stato trasformato in una Hope?

Pare di sì.

Immagino quindi che la madre di Eren avrà un ruolo meno attivo qui che nell’opera originale, dove è stata mangiata nella prima puntata, circa due minuti dopo che quello iettatore di Armin aveva detto che le mura sarebbero potute crollare proprio in quel momento.

“poveri illusi voi e le vostre vite perfette dove non c’è alcun intoppo”

Avrei molto da ridire su questo, ma spezziamo una lancia in favore di questa fic, dopo aver spezzato le braccine a questo alter ego di mr. “UCCIDERO’ TUTTI I GIGANTI”: una vera vittima di bullismo può vedere gli altri felici, e in effetti molti adolescenti non vanno incontro a veri problemi. Almeno, non chi sta scrivendo tali fyccine.

Il nostro “eroe” va nella scuola superiore Shingeki no Kyojin…

“lo so è un nome giapponese perche il creato primario di questa scuola si chiamo Isayama ma è morto da tempo, alcuni dicono che era pazzo dicono che diceva che degli eroi combattevano i giganti per salvare l’umanità però anche se era pazzo non si poteva illudere il fatto che era un genio,tralasciando i dettagli della vita dei altri almeno per ora.”

Mimi: – Virgole, correttezza ortografica e senso logico sono andati a farsi benedire… Sigh… I miei poveri occhi e il mio cervello non reggono questo scempio! – (Ingoia altri tre biscotti.)

Ho il forte sospetto che sia stato usato il traduttore… ma quanti errori ci sono? E questa scuola si chiama davvero “I giganti all’attacco”? E il “creato primario” (qualunque cosa voglia dire) ha lo stesso nome dell’autore del manga?

Che belle citazioni, non trovate?

“sono preso di mira da dei coglio- cioè da dei bulli, mi taglio e voglio iniziare a drogarmi cioè una vita normale no?”

Che schifo, dai! Questa fic ricalca la classica storiella squallida! Caro capitano Levi, o caporal maggiore, o quel cavolo che sei, non rammaricarti, chi scrive queste cose non è fan dell’opera da cui vieni, semplicemente ti trova figo.

Levi (sbucato dal nulla e con voce atona): – Grazie, sono commosso… –

Eren (tornato indietro, in forma umana sussurrando): – Anch’io ti trovo figo… –

Levi: – Cosa?! –

Eren: – Cosa?!? –

Non sei però la prima vittima, capitano. Pensa che mi ricordo una fic dove Draco piangeva perché rischiava di essere cacciato dalla squadra di Quidditch se non prendeva una A in Babbanologia. E chi conosce l’opera sa benissimo quanti errori ci sono (tanto per dirne qualcuno, Babbanologia è una materia facoltativa e la A, in Harry Potter, è una sufficienza). Anche quella era scritta da una che fantasticava sull’attore figo, non sul contenuto dell’opera.

Ma procediamo!

Come da copione, Eren ci dice che sua madre è una brava donna, mentre il padre un po’ meno. Immagino anche che ci parleranno di un parente/amico di famiglia che somiglia a King Kong.

Zeke (apparendo): – Devo sentirmi preso in causa?-

Mimi (scuotendo la testa con un mezzo sorrisino in volto): – Eh? Ma va, nient’affatto! –

Il capitolo finisce presto, ma l’autrice provvede a litigare con la sua vocina interiore e a far battute tipo:

“ti ricordo che hai passato tutto il tempo a mangiare biscotti!(…)Grazie per aver letto questa storia dalla Vocina e la ragazza che schiavizzo alla prossima! *lancia un lecca lecca*”

Mh, come l’autrice di “Luce e ombra” che faceva battutine dopo il primo pestaggio di Hope…

“Inizia anche oggi l’inferno chiamato scuola,quel posto… dove o sei la preda o il cacciatore.”

fanwriter91 (sul punto di ripetere la frase): – Tu…-

Evgenij (tappandogli la bocca): – E che palle! –

“Quel posto pieno di magliali che pur di non infangare la propria scuola lasciano correre tutto.”

fanwriter91 (liberandosi): – … quei maiali che ridono, e ignorano, che sono del bestiame in un mondo infame, che reprime il cacciatore! –

Mimi (rileggendo perplessa e disgustata quel “magliali”): – E questi che cosa dovrebbero essere? Maglioni di maiali? Maglie a forma di maiali? Maiali a forma di maglie? O maiali che fanno maglioni?! –

Eren poi pensa che tra poco incontrerà i bulli che lo riempiranno di botte, ossia Petra, Levi e Mike. Quest’ultimo, se non ve lo ricordate, è quello che muore in quella che può sembrare una scena di stupro.

Ora, ci hanno detto che qui Levi ha diciotto anni, ma… Mike non so quanti anni abbia, però mi pare che abbia superato i trenta.
Ha trent’anni suonati ed è ancora alle superiori? Inoltre è un bell’armadio di ben 102 kg, come fa Eren a resistere a colpi simili?

Evgenij:- Suvvia, possiamo supporre che anche gli altri personaggi siano stati ringiovaniti di conseguenza, non c’è bisogno di essere tanto severi…-

fanwriter91 (sconvolto):- Cosa? Ti senti bene?-

Evgenij (sospettoso):- Credo che qualcuno abbia aggiunto della camomilla a questa vodka…-

Mimi (arrossendo):- Sonja mi aveva detto che non ti fa bene arrabbiarti di continuo…- (Nasconde dietro la schiena i suoi sedativi per Super Saiyan.)

Quindi, caro Mike, ci sei anche tu qui, e l’autrice ti ha messo perché sì (probabilmente per fare numero).
Qual è la tua reazione?

Perfetto, reazione normalissima… procediamo!

“Petra in fondo non ha fatto nulla di male vuole solo l’amore di Levi ma si capisce che per Levi e solo una cosa con cui andare a letto,anche se erano solo dicerie sul fatto che andavano a letto.”

Come diavolo fanno a contraddirsi in una sola riga?!
Ci va o non ci va?

Ah no, aspettate, Eren non è ancora andato a scuola, probabilmente è caduto in un buco di trama che lo ha fatto ritornare a casa… e quando la madre gli chiede se ci sia qualche problema (forse hai la febbre?)…

Mimi: – Forza, Eren! È la tua occasione, parlale!-

… lui, come al solito, non dice nulla, con un bel “vorrei tanto dirgli” nei confronti di una donna.

Mimi: – Dah! No, per favore! –

Eren (piagnucolando): – Ma… MA QUELLO NON SONO IO! –

Se non sbaglio è stato alle elementari, quando mi sono giocato l’ottimo in un riassuntino, che ho imparato che “gli” o “il quale” si usano solo coi maschi.

Ma cosa cazzo ti lamenti del fatto che nessuno ti aiuti se tu stesso fai di tutto per non invocare aiuto anche quando ti viene offerto, masochista del cavolo!

Sappiamo che pure l’autista dello scuolabus, oltre a non essere Otto dei Simpson, è uno stronzo, visto che un’altra volta non ha fatto salire Eren perché era in ritardo di due secondi, e gli ha pure riso dietro.

Eren (esasperato): – MA PERCHÈ CE L’AVETE TUTTI CON ME, PORCO WALL MARIA?! COSA HO FATTO DI MALE? BEH, SAPETE CHE VI DICO? … VI STERMINERÒ TUTTI, MALEDETTI! –

Mimi (correndo ad abbracciare il giovane): – Va tutto bene, ometto mio! Adesso ci sono io! Respira e contiamo insieme fino a dieci, come ci ha consigliato ieri la psicologa. Ecco, così, bravo! Dai, dopo questo travaglio ti prometto che combinerò un appuntamento col capitano. Va bene? –
(Eren annuisce piagnucolando.)

Mimi: – Bravo il mio ometto! –

Sarebbe interessante sapere perché anche gli adulti ce l’hanno con lui. Capisco i ragazzetti arroganti, ma gli adulti? È vero, capita che facciano i bulli, ma perché proprio con Eren?

“Le porte dell’autobus si aprono permetendomi di salire l’autista mi guarda male sperava che facessi tardi eh! Perche non me lo dici in faccia puttanella?!”

Chi ha letto questa frase con in testa la voce del colossale nelle parodie lasci un mi piace.

Ma ecco che arriva Levi!

“Ehy moccioso come va?
Dice lui con il suo sorriso”

Levi che sorride? Seriamente? E ridotto a un patetico bulletto? Ahò, Levi è una delle persone più cortesi che conosca!

Levi's Logic

Ecco che Levi afferra Eren per la gola, pronto a menarlo, il cuore del giovane batte come la mia testa contro il muro, ma una brusca fermata dell’autobus lo salva.

“che esperienza perche mi fa male il petto?!.”

Mimi: – Non so perche ti faccia male il petto, ma posso dirti perché il mio sia dilaniato! Un bullo ti stava per pestare, mannaggia al Wall Maria, e tu te ne esci con il “dolore al petto” come una ragazzina “innamorata”?! God, please, why?! –

Ovviamente abbiamo già capito: Eren deve avere una cotta per Levi.

Spero che appaia Mikasa…

Purtroppo, dobbiamo accontentarci di Petra (che, a detta di Levi, lo shippa con tutti i maschi, quindi è yaoista praticante, ma lui la vede solo come un’amica – in modo del tutto incoerente con la diceria che volesse farsi il capitano riportata sopra) e Mike, che qui mostra “il solito sorrisetto”.

Ohibò, starà pensando a una nuova barzelletta sui giganti?

“Mike mi guarda sempre con il suo solito sorrisetto,lui sa che mi piace Eren e che lo picchio solo per vedere se sta bene-anche se lo faccio stare male io-quindi cerca di farmi pressione per stare con lui che rottura.”

Evgenij:- … No, io torno a fare matematica, ciao!- (Se ne va.)

fanwriter91: – What…-

Mimi (mezza soffocata dal biscotto andatole di traverso): -Anf…Scusate, che cosa caspita ho appena letto? –

Mike: – Forse finire in pasto ai giganti non è stata una sorte così terribile… –

Zeke: – Trovo questo testo assolutamente illogico. –

Ma che cazzo…
Stiamo calmi…

1) A Levi piace Eren, per cui gli rovina la vita.
2) Levi lo picchia per vedere se sta bene.
3) Mike picchia Eren e incita Levi a mettersi con lui, per fargli coronare il sogno d’amore.
4) Petra shippa Levi con tutti e gli è amica, e per questo non gli dice niente per il fatto che mena Eren…

Mimi: – Mi sembra giusto, no? Tutto assolutamente normale. Non ci agitiamo, signori… –

Mike (infilandosi nella bocca di un gigante):- Fa’ in fretta per favore… –

Petra: – Ditemi dov’è il gigante femmina, per piacere… –

Però anche questo falso Levi ha male al petto… vuol dire che Kira sta facendo una strage?

Ho paura di no…

“Vocina:ed ecco a voi il premio del giorno! *lancia biscotti al cioccolato*”

Solo io trovo assolutamente fuori luogo queste battute?

Mimi: – Ma no, perché mai? È solo un modo tanto kawaii per sottolineare la superficialità e la nonchalance con cui vengono trattate e romanticizzate tematiche come il bullismo e la violenza da una piccola fan innocente, che vuole solo dare libero sfogo alle sue fantasie porcelline! –

fanwriter91: – Ah… –

Eren poi spiega perché è vittima di bullismo: perché è introverso e debole.

Ok, lo ammetto, io sono stato inquadrato dai bulli nell’arco di poche ore, delle volte. Ma sapete cosa facevo sempre? Denunciavo! Anche se i professori sono degli stronzi, si rischia di andare incontro a guai legali se uno studente viene malmenato e derubato durante i loro turni!

Ma fa tutto parte del piano di Erwin, volevo dire, è tutto un pretesto per far copulare i due amanti del sadomaso Levi ed Eren.

In tal piano, Levi, novello Harry cattivo, blocca Hope, volevo dire, Eren, e gli sussurra:

“dopo se non vieni sai che ti succede”

Oh, ancora un omaggio a “Luce e ombra”, quando Hope Ever veniva invitata nel vico vicoloso da Harry pazzo stupratore!

Dalla descrizione scopriamo anche che il caporal maggiore ha sussurrato l’ordine con voce quasi sensuale e gli è apparso un sorriso diabolico, anche se per me già il fatto che Levi sorrida è abbastanza inquietante.

Eren ci accenna anche alla più popolare delle ragazze, che non si sa chi sia. Propendo per Christa in versione leader di una gang.

Ma è successo qualcosa!

“merda se arriva qualcuno sono nella merda più totale!”

Oh Mura, io vi prego: fate che Eren non abbia un’erezione…

Pastore Nick: – Credi davvero che le Sacre Mura vi ascolteranno? Poveri illusi… –

“Levi’s pov
Il moccioso è diventato peggio di un pomodoro,e vedo che ha avuto un problemino col suo amichetto più in basso”.

Levi: – Ok, ditemi dove si trova questo universo, così posso fare un massacro! –

Eren: – Di chi? Dei giganti? –

Levi: – No! Delle Hope! –

Mike a quel punto prende in giro Levi col suo fare da “so che lo ami quindi va a dirglielo e scopate come conigli”.

Mimi: – Oddio, no! –

Mike (bloccato tra le fauci di un gigante): – Mastica, maledizione! Masticami! –

Tre ore dopo i quattro dell’Ave Maria si radunano, ma Eren non ha i soldi!
Allora Levi sorride in modo perverso e invita Eren… ehm, non si sa dove, presumo sempre in un vicolo.

Abbiamo già capito come andrà a finire… e tutto questo è paurosamente malato!
Questo non è amore! Non è nemmeno passione!

“Petra e Mike continuavano a domandarmi cosa avessi intenzione di fare,presto lo sapranno.”

Seriamente non l’hanno capito? Ok, qui sono tutti scemi.

Nemmeno Eren, che d’accordo che non ha mai brillato d’intelligenza, ha qualche sospetto, nonostante il tono “perverso”. Qui Eren è un povero deficiente, fine.
L’autrice subito dopo usa ancora il termine “magliali”: immagino che scrivere maiali e usare, non dico sempre, ma ogni tanto, un correttore, costasse fatica.

No, fermi tutti, questo Eren, sebbene sia molto meno intelligente di uno gnomo armato di ascia, è un genio rapportato alle Hope: capisce che Levi gli vuole fare del male e cerca di scappare!

Una mano però si poggia sulla sua spalla e…

Chi sarà mai? Spero sia Mikasa.
Vi prego, Eren ha bisogno di qualcuno, non dico che debbano difenderlo, ma vi prego, ditegli cosa fare! No, ne dubito, se ci fosse stata Mikasa ne avrebbero fatto cenno… no?

Infatti è Armin, l’amico di Eren qui mai citato.
Che farà per aiutarlo? Semplice: nulla.

“molto probabilmente quei magliali lo avranno minacciato di farsi vedere con me”

Sinceramente questo “magliali” lo assocerei di più a della gente che fa le maglie, ma vediamo che faranno i nostri due eroi?

Eren suggerisce di ignorare quei bulli – perché, ovviamente, avvisare i genitori o andare a esporre denuncia sarebbe qualcosa di fin troppo facile… – e andarsene quanto prima, poiché sicuramente non metterebbero mai in pratica le loro assurde minacce.

Armin però è preoccupato, perché…

“E questa volta non ci vado di mezzo solo io, hanno detto che faranno del male a mia madre”

EH?! Questi ragazzini di diciotto anni compiono anche aggressioni nei confronti di gente adulta? Questa è letteralmente una vera e propria baby gang! Qui Levi è un ragazzino che schiocca le dita e chiama un gruppo di scagnozzi armati di spranghe?! Chiamate la polizia e i servizi sociali!

Mimi: – Polizia? Servizi sociali? … Bah, si mangiano forse?-

No, i due vanno solo al macello, ma tanto hanno le capacità rigenerative tipiche dei giganti Hope.

“Mentre che passavamo il cancello della scuola, una ragazza dai capelli biondi, ed uno sguardo innocente coronato da dei occhi azzurri, ci passò accanto,aveva il cappuccio della felpa blu sulla testa, ero molto magra, e bassa quasi quanto Connie…..-aspetta ma chi è Connie? – un immagine di un ragazzo dalla testa rasata mi passo nella mente, mi fece un male cane che ebbi bisogno di appoggiarmi ad Armin”

Che grammatica, santo cielo!

fanwriter91: – Che poi, chi è questo Connie? Un originale? Il nome non mi dice niente… –

Evgenij (tornato appena in tempo per sentire): – Ach, che battutine divertenti… –

Comunque, ciao Christa, anche tu qui? Proviamo a seguirla con le nostre magiche telecamere…

Christa tirò dalla sigaretta e si tolse il cappuccio.
– Minkia, allora, ci ha dato i soldi? – domandò con accento siciliano.
Un attimo dopo arrivò Ymir, che le fece il baciamano prima di gettare ai suoi piedi un poveretto massacrato.
– Continua a rifiutarsi, donna Christa! – spiegò.
La biondina s’inginocchiò davanti allo sventurato e gli fumò in faccia.
– Minkia, ancora non hai capito, picciotto? –
Il povero Passante levò lo sguardo
– Pietà, donna Christa! Giuro che riuscirò a trovare i soldi, mi serve solo un’altra settimana! – supplicò.
Christa gli fumò in faccia ancora.
– Minkia, se non fossi così resistente, ti avremmo già ammazzato! Quindi per stavolta sarò magnanima… Finirai solo in canale con venti tonnellate di cemento armato, ché le cose a me piace farle come si deve! –

Mentre il Passante sprofonda…

“una delle lentiggini in volto fece svenire Armin e Levi mi mise qualcosa in bocca.”

Armin steso da una lentiggine? Cavolo Armin, hai perso colpi!

Il capitolo dopo è… dieci righe, ma non di Word, di Wattpad… che potevano essere anche nove… in cui Petra e Mike fanno discorsi su TU SAI DOVE e VOI SAPETE DOVE, in modo tale che noi non possiamo capirci nulla.

E in quello successivo due punti interrogativi discutono tra loro… sul serio!

“?: tu credi che moriranno con loro?
?:….Non lo so.
?:ah. Ma di certo non possiamo lasciarli in mano loro, li uccideranno quando ne avranno la possibilità.” ?: ovvio che non possiamo, ma non possiamo permetterci che scoprano la verità, lo capisci vero.
?: Si…. si lo capisco……”

Tanto per cambiare, ancora una volta non si capisce nulla.

Vedete, c’è mistero e mistero: alcuni, quelli che ben costruiti, come il mistero delle Mura, possono essere veramente interessanti e stimolare la curiosità del lettore. Altri sono solo dei pastrocchi.

Forse la storia vuole andare sul comico, peccato che fallisca miseramente…

Eren, dopo essere stato steso non si sa come, si sveglia e scopre di essersi risvegliato in un alloggio militare, con fuori una ragazza, presumo Sasha, che corre come una forsennata.

Ebbene sì, è finito a caso nell’anime da dove proviene. Immagino che Erwin abbia pagato il riscatto alla fangirl che l’ha rapito grazie ai soldi raccolti dalla famosa associazione AIPCNMDFI (Aiutiamo I Personaggi Caduti Nelle Mani Delle Fangirl Infoiate,)

Erwin (ubriaco): – Hich! Quali fondi… ah, sì… i fondi… –

Hannes (arrivando con un carico di vodka): – Capo, i camion sono arrivati, presto, prima che ci scoprano! –


Sembra di no.

Eren, dopo qualche pensiero ad effetto probabilmente preso da tumblr, piange, e con lui Armin.

Tranquilli ragazzi, siete solo stati rapiti e confinati in una fanfic squallida. Presto verremo a salvarvi!

I due, confusi e preoccupati, escono dal campo d’addestramento in tutta calma senza che il sergente Hartman li riempia di legnate, hanno modo di esplorare la città e sono sorpresi da una figura, tale Frieda Reiss.

Mimi: – Anche tu sei disgraziatamente finita in questo bizzarro e orrendo mondo, mia dolce Frieda? –

Evgenij: – Mh, con voi in casa non si riesce a studiare. E ora pure i personaggi che non conosco: chi sarebbe costei? –

Mimi: – Eh eh… –

fanwriter91: – Beh, dato che noi seguiamo solo l’anime non la conosciamo, per cui… vediamo cosa dice la Wiki! –

Evgenij: – NO SPOILER! – (Si getta dalla finestra, finendo dritto in bocca a un gigante che stava sbadigliando proprio in quel momento.)

Segue una scena inutile in cui prima tal donna dà indicazioni, poi si lascia seguire, indica altrove e se ne va.

Cameo totalmente inutile di un personaggio presente solo nel manga, ma forse l’autrice della fic non voleva fare spoiler a chi segue solo l’anime.
O forse è solo a caso, come il resto finora.

Almeno li ha indirizzati dal comandante Levi… oh cielo, sarà mica il bulletto di prima?

Mi domando intanto che ruoli avrebbero avuto gli altri personaggi nella scuola…

Ma proseguiamo, che è quasi finita… ma sarà dura, sul serio. C’è un altro filler buono solo a farci perdere tempo, in cui una figura misteriosa, come il 90% dei personaggi apparsi, prende Eren alle spalle, gli sussurra qualcosa sul ricordarsi degli altri e fugge via.

Noiaaaaa…

La situazione si risveglia un pochino quando la spalla di Eren, la stessa su cui il figuro ha poggiato la mano, inizia a fumare, arrivano Levi e una ragazza bionda, immagino sia Christa, Armin sviene completamente a caso (sul serio, sviene e basta) e cade tra le braccia della biondina.

Immagino abbia simulato uno svenimento per battere sul tempo Reiner e Ymir… oppure la fic è fatta alla culo di gigante.

Levi si rivolge ad Eren e…

“dimentica questa notte, e domani fa finta di niente”

Questa notte? Intendono scopare? Fuggire insieme? Io…
Non so che dire, nulla di tutto ciò ha senso!

Ah, sì: Eren sviene.

Ma qui devono tutti perdere i sensi? Ci sono più svenimenti a caso in questa storia di cadute da parte di Anastasia Steele.

Evgenij (ancora dentro la bocca del gigante): – Fiuuu, qui gli spoiler non mi raggiungeranno! –

Mimi: – Evgenij, adesso non hai più spoiler da temere! Torna qui con noi, dai dai dai! –

Evgenij: – GIAMMAI! –

Segue ancora fuffa, in cui ci spiegano che era tutto un sogno… o no?

Mentre noi ci scervelliamo, l’autrice, che ci aveva già spoilerato tutta la vicenda fin dall’introduzione, ci ripete ancora come stanno le cose: i due, si presume drogandosi, sono finiti in un mondo parallelo (ovvero, quello dell’Attacco dei Giganti), in cui ogni tanto va anche Levi.

Capito? La droga apre un vero e proprio portale tra i mondi!

Levi raggiunge i due, li accusa di aver spifferato tutto del mondo parallelo (come e quando?), viene fuori che ieri doveva aver preso i loro soldi (quando?) e che intende punirli, il tutto sorridendo perversamente.

Siamo sicuri che questo sia Levi e, non so, Kenny?

Durante il tragitto Eren riflette sul fatto che Levi sembri debole, ma è forte.

“Poveri babbani che faranno una brutto fine.”

Semmai babbei! Cosa c’entra Harry Potter?!

Eren, nella miglior tradizione delle Hope, secondo la quale se non svieni cadi, cade addosso a Levi e questo porta… a niente.
Passano altri dieci minuti, in cui Eren rischia di cadere tipo cinque volte, quindi una volta ogni due minuti, in cui Levi accompagna le vittime… al bar.

Al bar? Non voleva ammazzarli di botte? No, andranno tutti a casa sua, ma, per qualche motivo, non possono né mangiare né pisciare durante il tragitto.

Ok, quindi Eren e Armin sono letteralmente in mano a una pericolosa gang, giusto? Immagino che, essendo qui dei semplici ragazzini, saranno spaventati, no? No, ridono e scherzano tra loro.

“Dopo tre quarti d’ora abbondanti. Levi decise di tornare a casa con alcuni dei suoi amici. Mentre il resto, disse che doveva andare al loro “lavoro” –che poi vendere droga non è che si possa classificare lavoro.-“

Perfetto, questa ci mancava! La banda è formata pure da spacciatori, alias mercanti di morte! E sapete a che serve questa tematica pesante? A fare figo! No, no e ancora no! Ma che me la prendo a fare? Ormai la droga gira nel 99% delle fanfic squallide!

E poi… boh, arrivano a casa di Levi, Eren pensa che lui abbia degli occhi belli, e…

“allora, prima cosa. Tu sei mio – disse lui, io spalancai gli occhi a quellaaffermazione ma non potevo obiettare, in quel momento dovevo solo stare zitto e ascoltare. Altrimenti solo Dio sa cosa mi avrebbe fatto – secondo. Hai presente quel sogno che credi di aver fatto ieri notte? Beh quello non era un sogno, per niente. Terzo, da oggi in avanti vivrai qua, per i vestiti ed il cibo non c’è alcun problema. E andrai a scuola con me, e per la ricreazione, e la mensa dovrai rimanere con me e i miei amici. Non ti preoccupare non sarai solo.(…)Intendo ciò che ho detto, ora, tu non pensare a fare il furbo e provare a chiedere domani a qualche insegnate che sarà inutile. Loro sanno, ciò che devono sapere. E se provi a fare il furbo e a chiedere a qualche passante…”

Passante: – Ma lasciatemi in pace! –

Christa (frustandolo): – Zitto, schiavo! –

“…sarà del tutto inutile. Il padre di un mio caro amico, controlla quasi tutta la nazione. Quindi è inutile che tu provi a scappare. Okay tesoro?”

No, non è per niente ok!

Eren avrà poi un’accesa discussione con il nostro bullo dallo sguardo di ghiaccio, che poco prima aveva tentato di tirargli il telecomando in faccia, e prima ancora di colpirlo con un coltello.

Mimi: – Aw, ma che dolce! –

Questi gesti, con nostra grande sorpresa, risvegliano magicamente qualcosa nel cervello del nostro Titan Shifter, il quale, per la prima volta, dice qualcosa di più o meno sensato.

“sei tu l’idiota! E poi lo capisci vero che questo è rapimento di persona?! Voglio tornare a casa!”

Incredibile: ha capito che si tratta di rapimento! Dai, magari c’è qualche speranza…

Pastore Nick: – ILLUSI! –

Dopodiché, Levi si offende per essere appena stato definito “idiota” dal suo prigioniero/amore, e alla domanda di Eren:

“E poi vorrei tanto sapere perché ti interesso tanto tutto d’un colpo”

risponde semplicemente ficcandogli una pillola in bocca e, dopo averne ingurgitata anche lui una, bacia finalmente il nostro Eren.

Wow! Inaspettato, originale e soprattutto romantico, vero?

E questo sarebbe il finale, per ora!

Ricapitolando, quante cose sono appena capitate?

1) Levi ha letteralmente rapito Eren, questo è sequestro di persona.
2)Levi deve essere parente di Dio Brando (inutile inutile inutile!).
3) Il padre di un amico di questo ragazzino controlla quasi tutta la nazione?! Ma chi diavolo è? Come fanno ad esserci i contatti?! Come…
4) Levi tiene droghe in casa e obbliga gli ospiti a cui è affezionato a prenderne con lui.
5) Con la droga puoi viaggiare in un universo parallelo!

Niente, il comportamento di Levi &Co. è mafia!

Inoltre, per quanto possa essere ovvio, ci teniamo a ricordarvi quanti danni faccia la droga.

Ah, giusto: ci avevano detto che Eren si tagliava, ma non hanno mostrato nulla!

Mimi: – E meno male! –

A questo punto possiamo anche illustrarvi il primo capitolo.

“La storia parla di Eren che è bullizato (lo so, lo so si è visto un miliardo di volte) da diciamo tutta la scuola i bulli principali sono Levi (te pareva) Petra(sempre attaccata a Levi) e Mike(perche si).Vocina:Prima di continuare vi dico che Levi in questa storia a 18 anni e lo so nel manga a 35 ma non può a 35 anni andare ancora a scuola no?.Eren stufo di tutto questo si da alle droghe e da quel momento vedrà un mondo completamente diverso dove ci sono titani e umani che li distruggono,ma poveretto vive sempre lo stesso giorno cioè il giorno della sua morte.”

Molte di queste premesse non sono nemmeno state rispettate e sono state introdotte solo perché fa figo. Per non parlare degli errori come “in questa storia a 18 anni”.

fanwriter91: – Ma insomma, chi la scrive questa roba? –

Da tutt’altra parte…

Hange (smettendo un attimo di fumare uno spinello): – E la mia ErenxLevi è completa… (Beve un sorso di vodka.) E adescio publisciamo la mia yaoi gigante colossalexgigante corazzato!- (La cancella per sbaglio e crolla a terra in evidente stato di ubriacatura.)

fanwriter91: – Beh, ora che abbiamo finito, che facciamo? –

Eren: – Andiamo a caccia di giganti? –

fanwriter91 (lanciandosi dalla finestra): Sagageyoooo! – (Finisce inghiottito dallo stesso gigante che prima aveva inghiottito Evgenij.)

Evgenij (nella bocca del gigante e smettendo di leggere un libro): – Ah, hai smesso di parlare in lingue che non conosci, eh? –

fanwriter91: – Vabbè, telefono a qualche amico per chiedergli di badare alla casa, valà… –

 

Cari lettori, il vostro fanwriter91 rimarrà bloccato qui dentro ancora per un bel po’, ma non temete, riuscirò a cavarmela e quando uscirò da questo mostro mi farò un bel riposino!

Con viva perplessità,

fanwriter91 e mimichan

 

PS: Negli ultimi mesi sono spuntate fuori molte altre raccolte di recensioni di fic squallide e dai contenuti trash e/o spregevoli. Potete trovarle tutte nell’elenco di lettura “Recensioni squallore” sul profilo Wattpad di Evgenij, vi lasciamo qui un elenco delle ultime:

-“Le Tematiche Delle FF” di La_Tua_Nemesi ,

-“NO alla Violenza” di Dark_Puppet832 ,

-“Al Rogo!” di Nakazaru ,

-“Wrecking Pervy – Come ti smonto la storia pervy” di Vesper_Rain ,

-“So Bad it’s so Good!” di Mattheus_EFP (mattheus93),

-“S.O.S. Recensioni- La strada per la redenzione” di Night_daughter_ .

 

E ora… La scena dopo i crediti!

 

Era ormai sceso il velo delle tenebre su tutta Fanficcinopoli. Le vie della città erano quiete e deserte, solo una figura misteriosa vestita di bianco procedeva spedita e tenendo un coltello fra le mani. Fermatasi davanti all’appartamento dei tre recensori, lanciò un rampino, si arrampicò e si fermò davanti al suo obiettivo. Con un abile movimento aprì silenziosamente la finestra e alzò la zanzariera, muovendosi come una subdola serpe nella tana del coniglio.
Il figuro atterrò sul pavimento e strinse con forza il coltello che stringeva tra le mani.
Il suo sorriso, già evidente per l’assenza di labbra, si allargò mentre dei timidi raggi di luna illuminavano il suo volto perverso.
Pochi passi e arrivò al letto dello sventurato recensore, che in quel momento si girò lentamente verso di lui.
Con movimento subitaneo, Jeff the Killer gli tappò la bocca e lo fissò divertito.
-Torna a dormire! – sentenziò.
Un istante dopo, il coltello calò e trafisse le lenzuola.
Alle orecchie dell’assassino non arrivò però il solito rumore di carni infilzate e ossa spezzate, ma un clangore metallico.
Un po’ perplesso, guardò il coltello, accorgendosi che si era rotto.

Il figuro a letto cominciò ad alzarsi nonostante Jeff stesse cercando di bloccarlo.
Jeff rimase a bocca aperta: il figuro lo guardava dall’alto al basso, era almeno il triplo di lui per via della muscolatura da culturista, il suo sguardo era così inquietante da far pisciare sotto Chuck Norris, un cappello col batuffolo copriva la sua testa, e sul suo pigiama blu era disegnata la costellazione dell’Orsa Maggiore, vicino alla quale iniziò a brillare la Stella della Morte nonostante fosse stata solo disegnata.
-Nessuno disturba il Re di Hokuto mentre dorme! –

Detto questo Raoul gli sferrò un cazzottone micidiale, distruggendo i legami molecolari, atomici e perfino subatomici di Jeff, spaccando perfino i bosoni, creando una nuova particella elementare (da quel giorno nota come “particella del cazzottone del re”), e sfondando la parete, che, detto per inciso, era la stessa sfondata tempo fa dal balrog, da The Someone (Francesco Gamba) e dalla ricercata dalla federazione stellare (Bongee_).
In quel momento la porta si aprì ed entrò Fluttershy.
– Tenou Raoul! Si può sapere cos’è tutto questo casino a quest’ora di notte? – lo rimproverò mettendosi gli zoccoli sui fianchi.
– Ehm… C’era un serial killer e… – spiegò l’imbarazzato re.
– E niente scuse! L’Hokuto Shinken è fatto per uccidere in silenzio, e invece hai sfondato la parete e svegliato mezzo quartiere! Ora sistemiamo tutto, che sennò facciamo brutta figura con fanwriter91 e gli altri! Ci hanno lasciato la casa in custodia e facciamo questo macello?-
Intimorito dallo sguardo minaccioso del puccioso pony alato color miele, il re della lotta cominciò a riparare il muro.

PPS: (Aggiornamento del 19/12/2019) Pare che questa fyccina squallida sia finalmente sparita da Wattpad! SHINZOU WO SASAGEYOO!

3 pensieri su ““I will protect you” (E chi protegge noi?)

    1. No, lì ci riferiamo al gigante colossale, un mostro di Attack on Titan, serie manga e anime nel fandom della quale si trova questa fic. Su YouTube c’è una parodia molto divertente con quella battuta lì. Qui però non ha senso: questa dovrebbe essere una storia tragica, ma ci sono battute del tutto fuori luogo, oltre a svolte narrative da manicomio.

      Piace a 1 persona

      1. Ah capito… Forse un giorno la capirò, comunque sia io credo di non averci capito non niente perché non ho mai visto ne’ letto sulla saga (per ora) ma per come è stata scritta la fanfiction. Tra le peggiori che abbia mai letto, un vero mal di testa. Poi perché diminuire l’età di un personaggio… Perché metterli sempre in un tema scolastico… Troppi American Pie e simili, azzarderei.

        Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...