“The rogue” (non one, purtroppo!)

Era una bella giornata a Fanficcinopoli. Joel, entrato in un bar/ristorante, stava assistendo a un miracolo così miracoloso che a confronto ritrovare Sarah in un buco di trama era una minchiatina. Kronk, lo chef locale, gli aveva appena preparato un caffè con panna, una spolverata di cacao e in omaggio c’era un cioccolatino!
– Muoviamoci! – si lamentò Ellie. – Ci sono una serie d’infetti là fuori! –
– Oh, ma gli infetti sono stati riabilitati! – spiegò Kronk mentre preparava il risotto coi funghi.
– Questi sono diversi! –
Un gruppo passò davanti alle porte emettendo un’orrenda cacofonia.
– Grr, l’omosessualità è una malattia! –
– I vaccini causano autismo! –
– Gli extracomunitari rubano il lavoro agli italiani onesti! –
Ellie ricaricò la doppietta. – Terrificante, cosa mai avrà infettato i loro cervelli? –
– Si chiama ignoranza, tesoro. – spiegò Joel mentre sorseggiava il suo caffè e leggeva il famosissimo libro “Perché spaccare il cranio all’unico portatore sano degli ultimi vent’anni è una cazzata allucinante anche senza bisogno di scomodare l’etica – seconda parte”.

Cari lettori, qui è il vostro fanwriter91, pronto ad affrontare una fanfiction nella sezione One Direction, come dire, altalenante. Si passa da demenzialità assoluta ad apologia di stupro, e poi ancora a fuffa noiosissima.

Ma tranquilli, il viaggio sarà entusiasmante! Per l’occasione, dato che l’Appartamento dei Recensori è in ristrutturazione a causa di una Porta Sfondata, il tutto si svolgerà nel Bar di Fanficcinopoli, al momento affollato.

Shade: – Non una parete?-

Evgenji: – Porta, parete: ormai abbiamo perso il conto. Fortuna che la ditta di muratori dei Grandi Antichi che ci hai consigliato è molto efficiente. –

Si levò un coro di insulti fuori dal bar, lanciati dagli infetti: – E’ una ragazza, quindi una poco di buono! Ha anche l’odore di una femminista, vuole rubare a noi uomini il nostro ruolo da maschi alfa! Prendiamola! Massacriamola!-
Tutti i presenti del bar girarono la testa verso quella confusione, spiando attraverso le finestre per capire cosa stesse succedendo, ma ciò che riuscirono a scorgere furono solo sagome indistinte che avanzavano di gran carriera. Qualche istante dopo le porte del bar si spalancarono e una ragazza fece capolino sulla soglia del bar.
– E comunque il femminismo è credere nei pari diritti tra uomo e donna, ignoranti!- urlò prima di chiudere in tutta fretta le porte. Si sistemò i vestiti prima di girarsi con un sorriso da orecchio a orecchio.

– Scusate il ritardo, ma fuori è pieno di infetti e seminarli non è facile – tese una mano verso i recensori – piacere, Unicorn-mermaid e sono qui per il cameo – si presentò. – Sono qui dopo aver risposto correttamente a una domanda relativa alla leggendaria recensione di “Luce e ombra”. –

Link:
https://efpfanfic.net/viewstory.php?sid=1927477&i=1

La storia inizia con Hope che corre nel bosco. Nessuna spiegazione sul perché sia lì.

“ -“CORRI CORRI CORRI CORRI…”-
Erano le uniche parole che riuscivo a sentire nella mia testa.
Erano dietro di me, li sentivo correre, mi stavano inseguendo ma io non sarei tornata indietro. Volevo essere libera..
Correvo. Correvo più forte che potevo ma sapevo che prima o poi mi avrebbero raggiunta. Avevo paura, tantissima paura. Potevo benissimo smetterla, lasciare tutto e consegnarmi ma c’era qualcosa in me che mi spingeva ad andare avanti.. La cosa buffa è che non sapevo nemmeno dove stavo andando, era da tanto che non giravo per le strade di Doncaster e molte cose erano cambiate.
Sentivo le gambe diventare pesanti, non avrei resistito a lungo.
Alzai lo sguardo e vidi di fronte a me un bosco. Decisi di utilizzare le mie ultime forze per entrarvi; li non mi avrebbero trovato così facilmente.
Mi inoltrai.”

Purtroppo, non è inseguita dallo Slenderman o da qualche sua controparte, ma si prende la briga di urlare (a caso) come una pazza, dando quindi indicazioni ai quei “DEMONI”. Scritto in maiuscolo.
Rapitori? Pervertiti? Testimoni di Geova che cercano di convertirla?

Shade: – Noi? –

Passiamo al pov di Louis Tomlinson.

“Quello li si meritava molto di più di qualche semplice pugno nello stomaco. Lo avrei steso a terra se non fosse arrivata la polizia. Rovina sempre tutto.
Ma se le meritava… non mi ha voluto invitare alla sua festa che poi, gran bella festa -.-
Decisi di tornare a casa. Mi stavano aspettando le mie 4 sorelline..”

Aaaw, che adorabile bruto! Prima pensa a quanto è stato bello riempire di botte uno solo perché non lo ha invitato alla festa, poi pensa alle sorelline pucciose.

Evgenij: – Si sta per caso ispirando a Malefica, quanto a permalosità per i mancati inviti? –

Udite le urla provenienti dal bosco, ci si fionda subito, trova Hope, la quale annuncia che “sono venuti a prenderla” e sviene.
Beh, se fosse un fantasy, sarebbe un’introduzione già vista, ma non male.

Louis provvede a caricarsela in spalla (pardon, la prende in braccio a mo’ di sposa, ovviamente) e se la porta a casa.
Arrivato e salutate le gemelle pucciose
shining-the-1980-008-the-grady-sisters-1000x750

la osserva e vede che è magrissima e ha il camice dei pazienti d’ospedale.

“Era piuttosto carina ma mi dava tanto di troia… un po’ come tutte le ragazze. Mi sarebbe dispiaciuto farle del male, ma era proprio quella la parte più bella”.

Ottimo inizio: prima slut-shaming rivolto all’intero mondo femminile, poi Louis si dimostra subito affetto da seri disturbi mentali.

Unicorn-mermaid: – Misogino, psicopatico e permaloso fuori maniera: uno da ricoverare e invece verrà perdonato e cambiato dalla misteriosa forza dell’Ammmorreh. Siamo solo all’inizio e mi sta già salendo il nervoso. –

Louis si spoglia, rimanendo solo in boxer (se si fosse spogliata una ragazza sarebbe stata una baldracca, vero?), passa davanti alle gemelle pucciose che ronfano e va a trovare le altre due sorelle, che stanno in cucina.

“-“Sera Lou!!”- disse Lottie
-“Dove sei stato??”- chiese Fizzy
-“ad una festa!”- dissi sedendomi sulla sedia accanto al bancone, per poi afferrare una ciotala per versarci i cereali…
-“Fatto qualcosa alla festa??”- mi chiese Fizzy curiosa
-“Solo picchiato un ragazzo..”- risposi
-“Ancora…?”- sbuffò Lottie
-“Tecnicamente non mi aveva invitato alla festa..”- risposi cacciando un cucchiaio di cereali in bocca.
-“E le ragazze…?”- chiese sempre la prima
-“Il fatto che voi abbiate scoperto il mio segreto, non vi autorizza a chiedere cosa ho fatto ogni volta!!”- dissi leggermente nervoso. Piombammo in un silenzio mostruoso, rovinato dai cereali che si rompevano masticati dai miei denti..”

Segreto? Cioè che è un criminale psicopatico? Ce lo vedo proprio a prendersi cura di due bambine e a convivere con queste altre due ragazze. La cosa inquietante è che davvero certe persone possono apparire normali dall’esterno, o magari possono saper nascondere i loro lati più oscuri… ma qui si sta rappresentando in tal modo una celebrità reale!

Mini spoiler: le sorelle non faranno mai nulla per arginare la pazzia del fratello e lo tratteranno normalmente, come se il suo hobby di stuprare e terrorizzare delle loro coetanee…

99117266_303928233954319_7333187067670691840_n

…fosse solo un’insolita passione.

Unicorn-mermaid: – Mi serve un secchio dove poter vomitare. –

fanwriter91: – Ti consiglierei di andare in bagno, ma c’è già Tywin Lannister e ho visto Tyrion che attendeva con una balestra in mano. –

“Avrò fatto la cosa giusta?? Portare una sconosciuta in casa?? Vabbè che importa, tanto alla fine avrebbe fatto la fine di tutte quante.. già il pensiero mi faceva sentire meglio.”

Signore e signori, ci aspetta una storia in stile “Slave”? Sarà un lungo viaggio di ben trentotto capitoli!

Ellie (barricando la porta del bar): – Non perdere tempo in battute idiote! –

Infetto 1 (infilando una mano nella fessura e ringhiando): – Gli anime sono per bambini! –

Ellie: – Ma vaffanculo! – (Gli taglia un braccio con un machete fatto con delle forbici e gli spara in bocca con una doppietta.)

Joel (col mignolo alzato e bevendo il caffè corretto con Distillato della Pace): – Aaah, finalmente un po’ di tranquillità. –

Il PoV si sposta sulla Hope di turno, tale Cher. Costei è ferita, ma pare che Louis l’abbia fasciata, e rimane sconvolta dal fatto che la ferita sia sporca di terra, e quindi, anziché pulirla e cambiare la fasciatura, va giù in cucina, facendo a stento caso a Louis, che dorme per terra, vicino a lei. Scesa, trova Charlotte, per gli amici Lottie, una delle sorelle di Louis, che la incita in fretta a scappare.

“-“Se fossi in te però, adesso scapperei!!”- la guardai stranita. –“ Te lo sto dicendo d’amica… VATTENE DA QUESTA CASA!!”- i suoi occhi mi facevano paura. Erano celesti come i miei però erano inquietanti. Mi stavo spaventando”

Cher però non può farlo: non ha un posto dove andare ed è effettivamente perseguitata da visioni di orribili demoni.
Devo dire che, se non fosse per la celebrità rappresentata come un mostro, sarebbe anche una storia scritta decentemente.

Le visioni la fanno andare nel panico, Louis si sveglia e la schiaffeggia.

Shade: – Tanto per non farci mancare niente.-

“Non so perché, mi arrivò un altro schiaffo.. cosa avevo fatto adesso?! Non feci in tempo a chiederglielo perché mi piegai in due dal dolore. I suoi schiaffi facevano davvero male.
Non riuscii nemmeno a piegarmi completamente che mi tirò per i capelli, costringendomi a guardarlo in faccia. Avevo il volto in lacrime eppure, quando lo fissai negli occhi, mi persi in quel celeste così profondo.
-“Piccola, benvenuta                        nell’inferno!”- mi prese con forza e mi sbatté contro il muro.
Cominciò a                         baciarmi. La sua lingua faceva pressione sulle mie labbra serrate ma alla fine vinse lui..
Intanto mi stringeva le braccia, mi stava facendo molto male.
Di colpo smise di baciarmi e mi sorrise, era un sorriso abbastanza lussurioso.”

Appunto! Siamo di fronte a un vero e proprio emule di “Dark”, “Slave” e “Danger”?
Ricordate bene: ci sono le fanfiction trash, stupide e senza senso, che quasi (quasi!) nessuno prende sul serio. Poi ci sono quelle scritte con una grammatica decente, come questa. E sono le più pericolose!

Tra una sberla e una molestia Louis decide di andare oltre.

“-“Apri queste gambe!!”- io feci no con la testa, ormai in preda dalle lacrime –“Apri queste gambe,                        ORA!”- non risposi.. –“Apri queste fottuttissime gambe o te le aprirò io in un modo che non ti piacerà’!!”- sbottò
A quelle parole mi arresi. Ormai avevo subito di tutto e non avevo più forza per combattere.
Mi abbassò leggermente le mutandine e ciò lo fece anche con i suoi box.
In poco tempo, mi penetrò. Provai ad urlare ma lui mi mise una mano sulla bocca, soffocando il mio urlo, il mio lamento.
Il dolore era atroce.”

Unicorn-mermaid: – Mamma mia che schifo. E non dimentichiamoci che tutto ciò dovrebbe essere romantico ed eccitante –

Orribile. Qui si sente la sofferenza della vittima. Ma ehi, il protagonista è Louis, l’idolo dell’autrice, per cui verrà senz’altro redento dal potere dell’amore!

A rendere la storia più macabra del solito (e già di base lo era) è che Cher è palesemente una malata psichiatrica. Dagli indizi si capisce che è scappata dall’ospedale dove era in cura (forse con metodi discutibili). Quindi Louis sta pure abusando di una disabile mentale!

Evgenij: – Decisamente un nuovo livello di schifo. –

E le sorelle? Non fanno assolutamente nulla e non dicono nulla. Sarebbe meglio denunciarlo, ma capisco che Louis faccia parte della loro famiglia e, per un motivo o l’altro, si sentano perse senza di lui. Tuttavia, questa interpretazione le renderebbe a loro volta vittime degli abusi.

Infetto 2 (sporgendo la testa oltre alla barricata): – Se una ragazza viene violentata è perché se l’è cercata! –

Ellie (colpendolo con una padella): – Lei no, ma tu sì! –

Sam (offrendo a Joel dell’erba pipa): – Aaaw, che ragazza dolce! –

Joel (facendosi al canna): – Yoh… –

Segue una foto di Louis. Ma non farò battute, perché questi obbrobri mi fanno perdere lo spirito.
Ricordate: si può, anzi, si deve, parlare di certe tematiche. Ma bisogna farlo in modo verosimile e rispettoso, non mostrare le violenze come l’inizio di un rapporto amoroso!

E poi, il regolamento VIETA ESPLICITAMENTE DI RAPPRESENTARE GLI ONE DIRECTION COME DEGLI STUPRATORI, santo Ercole!

A portare una ventata d’aria fresca, arriva il cliché “stasera andiamo in discoteca”. Perché la discoteca, un luogo affollato e rumoroso, è l’ideale per portare una ragazza appena rapita. Mica potrà sgusciare via in mezzo alla gente ubriaca.

Unicorn-mermaid: – Ricordati che i personaggi di questo universo parallelo non ragionano come un essere umano normale, quindi è ovvio che siano mezzi scemi. –

Torniamo a Louis…

“Andai in bagno, contento di aver fatto quelle che avevo fatto.
Non sono così bastardo, semplicemente per                         me le ragazze sono tutte delle troie.. troie fatte per fare un’unica cosa.                        Sesso.”

Scommetto che la motivazione è un Padre Abusivo o la fidanzata che lo ha abbandonato.

Louis pensa però che Cher sia “diversa dalle altre”, più che altro perché lo ha graffiato ripetutamente sulla schiena, ferendolo. Apprezzo che abbia opposto resistenza.

Shade: – No, quindi fammi capire: tutte le altre non hanno opposto resistenza? Nessuna? Nemmeno una povera disgraziata che abbia lottato per non essere violentata? E di conseguenza sono da disprezzare? Basta, vado a chiamare Cthulhu…-

“Era ancora li, seduta sul letto che tremava. Sorrisi a quella scena.”

Che schifo…

Poiché Cher non ha un posto dove stare ed è terrorizzata dall’esterno, Louis, un po’ dispiaciuto del fatto che lei non abbia familiari (salvo poi dire che non gliene importa) si offre di ospitarla. Di solito le sue vittime vengono cacciate via. Forse non denunciano perché troppo sconvolte e per via della cultura dello stupro, che troppe volte dà ragione al carnefice.

“-“Ciao, prima volta!”- lei arrossì. La presi per un braccio, l’avvicinai a me e la baciai. Lei girò la testa e le mie labbra toccarono la sua guancia. La ragazza opponeva ancora resistenza..Sorrisi. –“Stasera sarai mia, piccola”- le schiaffeggiai una parte del sedere e me ne andai.
Presi le gemelline e Fizzy e uscii di casa.”

Louis porta quindi le sorelline a scuola (aaaw, che fratello premuroso!) e va ad allenarsi con Niall e Zayn. I due sanno che tipo è e ridono del fatto che abbia riempito uno di botte (c’era stato l’accenno, se ricordate). Ovviamente, nessuno denuncerà, oppure la polizia, come purtroppo accade, non farà niente. Ricordate che a me, quando ho fatto denuncia per aggressione, hanno detto che non si poteva fare nulla perché “il danno lo ha fatto la caduta, non l’aggressore”. Per la serie “non è stato lui a farti del male, ma la scala su cui ti ha buttato, lui ti ha dato solo una spinta”.
Lottie/Charlotte, intanto, conforta Cher. Ripeto, sarebbe meglio denunciare, ma non sappiamo in che rapporti sia col fratello abusatore.

Cher si accascia sul divano, accende la tv e viene fuori, com’era prevedibile, che una diciottenne è scappata dal manicomio. Ovviamente è lei.

Ripeto, se la storia fosse gestita bene e senza celebrità, sarebbe un angosciante horror.

“I miei pensieri furono interroti da un’insolito rumore. Il mio stomaco aveva fame. Brontolava.
Cercai un po’ in cucina e trovai semplicemetne della frutta. Un ceppo di banane. Ne presi una                         e la sbucciai.
Con il frutto in mano, mi girai un po’ la casa. Scoprii che Louis aveva 4 sorelle, non solo una. La cosa era molto semplice ed era arredata con semplici oggetti. La cosa strana, è che non c’erano foto dei genitori o parenti. le uniche foto esistenti,                        avevano tutti i vetri rotti o erano state strappate.
Tornai nella stanza di Louis e sulla scrivania, trovai una foto sua con due ragazzi. Un biondino con gli occhi azzurri e uno moro con un ciuffo altissimo. Probabilmente questi erano i suoi amici.
Mi risedetti sul divano e cominciai a guardarmi intorno. Notai che sotto il letto c’erano dei libri.. Più che libri erano dei ‘portafotografie’. Ne presi uno                         e cominciai a sfogliarli.”

Dubito fortemente che una vittima di stupro possa avere fame, ma la mente umana è estremamente complessa. Ciò non toglie che si dovrebbe fare molta più attenzione.

Unicorn-mermaid: – Da oggi “mi girai un po’ la casa” entra a far parte del mio dizionario di orrori grammaticali esilaranti. –

“Adoravo incutere timore.
Decisi che quella sera non sarei rimasto a casa. Aprii il mio armadio e cercai qualcosa di elegante da mettere.
-“Vai da mia sorella e fatti prestare qualcosa di sexy.. “- le dissi mostrandole un sorriso divertito
-“P-perché??”- mi chiese lei tremante
-“Perché si. Perché voglio portarti fuori.. muoviti!”- dissi infastidito. Sentii che in punta di piedi uscii dalla stanza.”

Vorrei dire qualcosa che non sia “orribile/macabro”, ma mi mancano le parole. Io solo mi domando, per l’ennesima volta, cosa ci trovano le autrici di bello nel rappresentare i loro idoli come mostri.

Shade: – Si tratta della malata idea “l’amore lo può cambiare” che ha ammazzato tante donne. Si mettono con persone che magari all’apparenza sembrano uomini normali, ma che poi si rivelano essere bestie. Spesso in tante pensano che, rimanendogli vicine, volendogli bene, mostrandogli come sono brave eccetera potranno farlo cambiare. Le autrici, seguendo questo pensiero, rappresentano i loro attori/cantanti/quellochevipare preferiti come i peggiori mostri del secolo perché, nella loro testa, l’amore della protagonista, che a differenza di tutte quelle venute prima è “speciale”, li cambierà. Nei Griffin c’è un intero episodio del genere e, pur mantenendo il tono demenziale della serie, riesce in qualche modo a mostrare piuttosto chiaramente queste dinamiche. Inutile dire che fa ridere solo se non si sono vissute davvero… –

Unicorn-mermaid: – E’ vero, ma secondo me non tutte le ficcyne seguono questa idea, anzi. Sentendo anche alcuni discorsi di certe mie coetanee, sono giunta alla conclusione che queste “storie” nascono con l’intento di soddisfare i bisogni, diciamo sessuali, di autrice e lettrici/lettori, però fatti alla Christian Grey, con l’uomo che domina la donna. La protagonista, che spesso è un self-insert dell’autrice, non può essere una a cui piace fare sesso, o comunque che non sia vergine prima dell’incontro con il protagonista maschile, perché altrimenti risulterebbe una Troia™ (perché sappiamo già come la pensano molto persone al riguardo), quindi la ragazza deve essere casta et pura et bella e tutte stronzate del genere. Per essere casta et pura la protagonista dev’essere vergine e non volere fare sesso. E da queste varie situazioni danno vita a obbrobri pieni di reati, infrangendo il regolamento e facendo incazzare persone sane di mente (più o meno) come noi. E adesso devo prendere a pugni qualcosa, perché se m’incazzo sul serio qui finisce male. –

La sorella generica di Louis si mostra cordiale e affabile con Cher, quasi allegra, direi. Quindi è complice? Un po’ di analisi, per favore!

“-“Sia ben chiaro..                         TU STASERA SEI SOLO MIA!!”- io annuii leggermente. La sua altezza mi intimoriva.”

Evgenij: – E anche costui viene descritto come un gigante. Bah. –

Vittima e carnefice vanno in discoteca… prevedo un tentativo di stupro col bad boy che la salva al grido “non con lei, lei è mia!” in omaggio a “Dark”.

“-“Domani ho una partita e questo è il mio modo per rilassarmi”- mi rivolse un sorriso. Per quanto potesse farmi paura, era davvero un bellissimo ragazzo. Vorrei tanto sapere cosa l’ha portato a diventare così, ad assumere quel comportamento.”

Eccoci qui: la vittima ammette la bellezza del suo aguzzino e si fa domande sul perché sia diventato così! Ora, farsi domande è abbastanza normale, ma questa scena sembra ispirata alla parte di “Slave” dove la vittima, Allison, si chiede come mai un ragazzo così bello come Harry Styles (già…) sia uno stupratore seriale, nonché omicida.

I due vanno al tavolo con gli amici di Louis…

“-“Si..                        puttanella, siediti qui. Vado a prenderti qualcosa da bere!!”- disse Louis per poi allontanarsi e sparire tra tutta quella gente.”

Louis in breve si stacca dalla sua vittima, che rimane sola. Potrebbe scappare, certo, ma poca gente avrebbe la mente lucida, in tal situazione.

“Mi girai di colpo                         e vidi questo ragazzo, sicuramente ubriaco, sedersi accanto a me.
-“Sei da sola, piccola??”- mi disse sorridendo. Aveva l’alito che puzzava di un concentrato di alcool.
-“No.. Sto con un mio amico!!”- dissi cercando di allontanarmi ma lui afferrò il mio fianco e lo tenne stretto.
-“Ma in questo momento non è qui perciò..”- sorrise. Avevo un sorriso che non mi piaceva. Afferò il mio posto e mi fece alzare. Provai a liberarmi ma lui era più forte di me.
Mi trascinò verso la porta che conduceva al retro del locale..
Avevo paura, tanta paura.”

Il maschio gamma è arrivato! Spero che si chiami Luke, mi farebbe pensare al sano trash…

Il capitolo quattro s’intitola… Mine.

Facciamo un respiro profondo e andiamo…

Il maschio gamma cerca subito di stuprarla, lei urla disperata il nome di Louis: ehi, proprio come Bo in “Dark”!

Unicorn-mermaid: – Alzi la mano chi sente odore di clichè. –

“-“Amico avanti.. stavo giocando!!”- disse l’uomo a terra.
-“Peccato che stavi giocando con il mio giochino.”- Rispose Louis per poi scaraventarsi su di lui. Cominciò a picchiarlo –“Lei è                        mia!!”- disse con i denti serrati.”

Uguale a “Dark”! E poi mi si dice che “sono solo storie”: questa è una vera emulazione.

Shade: – Per non dire “plagio”… –

Cher però, essendo una Hope pura e buona, non riesce più a reggere tal vista…

““Sono stata io a incitarlo. E’ colpa mia!!”- Dissi tutto ad un fiato.
Vidi i suoi occhi oscurirsi. Forse avevo esagerato.
Si alzò velocemente da quel tipo e afferrò il mio braccio. Mi stava facendo male ma preferivo non dire niente.
Ci avvicinammo a quei due. Louis                        li salutò e abbastanza nervoso disse loro di continuare il lavoro.
Rientrammo nel locale ma riuscimmo subito dopo dalla porta principale.
Raggiungemmo la macchina. Lui mi fece salire. Non mi diede il tempo di allacciare la cintura di sicurezza che partì alla massima potenza.”

Evgenij: – Mi spiace dover spezzare una lancia in favore di “Dark”, ma lì almeno Bo non si dava la colpa del tentato stupro: qui invece Cher sta esplicitamente dicendo di essere stata lei a “incitare” il violentatore. È semplicemente mostruoso. –

Louis la porta a forza a casa sua, la getta sul letto e, per far capire a tutti che è sua, decide di marchiarla, usando la macchina dei tatuatori. Beh, meglio così che con un taglierino.

(Evgenij reprime un conato di vomito al pensiero delle fic di badgurl.)

Fa comunque un male cane, e il tatuaggio è… sul sedere.

Perché lì?! Se vuoi farlo vedere a tutti, perché lo fai su una parte non visibile?!

Shade: – Mi sa che lo fa pensando al bestiame: sulle terga. –

Evgenij: – A parte la disumanizzante metafora bovina, è chiaramente un altro riferimento a “Slave”. Eh, ma sono solo storie, che sarà mai… –

Unicorn-mermaid: (sbatte ripetutamente la testa sul bancone del bar)

“Sulla chiappa sinistra aveva tatuato la parola ‘Mine’.”

Chiappa.
Chiappa.

Che poi mine può essere rivolto a chiunque, non ci sono nomi associati.

“Urlavo perché sentivo ancora quel dolore..
Urlavo perché non volevo rivivere quei momenti..
Urlavo perché avevo paura..
Urlavo perché mi sembrava la cosa da fare..
Urlavo perché era l’unica cosa che potevo fare!”

Ma ecco che la redenzione sta arrivando: mentre lei urla come una pazza, Louis la scuote preoccupato!
Questo è il secondo segno di redenzione.

“Mi risvegliai di colpo. Non ero più per terra come la sera precedente ma mi ritrovavo nel letto. Mi ricordo che Louis tentò di farmi addormentare, accarezzandomi la schiena. Inizialmente era un po’ rigido ma poi si lasciò andare.
Provai a muovermi, ma qualcosa mi ostacolava.
Accanto a me c’era lui che dormiva. Aveva una mano che cingeva la mia vita. Era a torso nudo e l’unica cosa che indossava erano dei box.
Vista l’occasione, lo scrutai meglio. Notai che aveva molti tatuaggi sul corpo, strani ma belli. Notai che mentre dormiva, il suo ciuffetto era basso e                        aderiva perfettamente alla fronte. Notai che era un ragazzo perfetto ma dietro la sua perfezione si nascondeva la cattiveria, che soffocava il bene racchiuso in se.”

Tatuaggi, il classico simbolo del criminale.

Ellie (mostrando tutta contenta un tatuaggio di Pinkie Pie): – Vero, eh? –

Shade: – Ripetimelo, perché ti ho lasciata uscire? –

Ellie: – In realtà ho scassinato la serratura. Ho imparato dal tappetto di quel gruppo. – (indica, a un altro tavolo, una compagnia fantasy in mezzo a cui spicca un mago dalle vesti rosse, malaticcio e un po’ inquietante)

Cher scende giù e trova le quattro allegre sorelle di Louis, che stanno preparando la colazione, compito di solito svolto dal bad boy. Immagino che questi gesti e queste figure servano solo a dirci che il pazzo assassino è in realtà solo un pikolo angelo.

Ellie (sgozzando un altro infetto che diceva che la Terra era piatta): – E io… sono una non violenta! –

“Louis’s Pov
I raggi del                         sole proveniente dalla finestra, colpirono il mio volto, impedendomi di dormire.
Allungai le mie braccia ma il letto era vuoto.
Spalancai gli occhi.                        Lei non c’era.
La ragazza non aveva ancora imparato la lezione!!
Corsi in bagno e mi diedi una sciacquata ed è proprio li che sentii delle risate provenire da giù.
Scesi le scale e andai in cucina…”

Ri… risate?
Ah, capito. Siamo arrivati alla Sindrome di Stoccolma.

Il capitolo dopo s’intitola “Harry”.

Eccolo qui, il vostro bastardo abusatore preferito! Giungerà con la sua “ranger rover” nera?

Evgenij: – Poveraccio, io speravo che stavolta ne sarebbe stato lasciato fuori. –

Unicorn-mermaid: – Harry è come l’ignoranza: dappertutto. –

Purtroppo, prima dobbiamo sorbirci Louis che pensa a come Cher abbia fatto colpo sulle sorelle, che ridono e scherzano con lei. Nessuna di loro, però, pensa di aiutarla.

“-“Lou, Cher ha preparato i pancakes. Assaggiali, sono buonissimi”- mi disse Daisy tutta contenta. Io la guardai stranita. Questa piccola troietta dai capelli rossi, sapeva cucinare!?”

A parte che fare dei pancakes non è la cosa più difficile del mondo… ma riesce a non dare della troia alla ragazza che lui ha rapito e violentato?
Louis, che gioca allo stadio, si mostra nuovamente un galantuomo con la sua bella…

“Feci pressione e finalemnte riuscii a mettere la mia lingua nella sua bocca.
-“Tu sarai il mio premio, quando vincerò!!”- la sua faccia era disgustata.
Le afferrai un polso divertito e uscimmo di casa.”

I due prendono la macchina. Una cosa che non vi ho detto è che Louis chiude sempre le portiere dell’auto: solo lui può decidere quando la sua vittima può uscire. Coglie poi l’occasione per molestarla ancora.
I due scendono e …

“Una guardia vedendoci disse –“ Tu puoi passare, lei no”-
-“Lei sta con me.. falla passare e basta!!”- disse Louis tendendo la mascella. Quell’uomo più forzuto di lui, più grande e più grosso di lui, si intimorì così mi lasciò passare.”

E che è, Louis è un gangster? Oppure è ricco sfondato?

Ok, ve lo dico subito: non verrà mai chiarito bene. Lui gioca in una squadra che pare importante e riuscirà ad essere sia ricco che povero al tempo stesso.

Evgenij: – Il gatto nella scatola è vivo o morto? O entrambi? – (Guarda pensieroso Blake e Catra che in risposta gli soffiano contro.)

Cher entra con Louis nello spogliatoio dei maschi, dove lei si sente… in imbarazzo? Non terrorizzata?

Segue uno stacco, al termine del quale Cher ci comunica che si è persa andando in bagno. E non scappa, ma capisco che ormai sia legata al suo aguzzino.

Avendo smarrito la via entra nello spogliatoio sbagliato, quello della squadra avversaria.

Tiro a indovinare: tentano di stuprarla.

Ma, prima che ciò possa accadere, qualcuno riporta la calma e tutti tacciono.

Ecco a voi Harry, capitano della squadra avversaria. Curiosamente, Harry è gentile e l’accompagna fuori.

Questo è un colpo di scena, lo ammetto.
La partita dura solo “pochi minuti” e non è mostrata. Football? Calcio? E questi diciottenni vanno a farla allo stadio? Sono tutti in nazionale?

Shade: – Beh, non m’intendo molto di calcio, ma so che spesso vengono reclutati giocatori giovanissimi proprio perché generalmente godono di una migliore forma fisica e possono giocare per più anni prima di ritirarsi. In ogni caso, nulla qui è spiegato, né il tipo di sport né il livello della partita… dopotutto, perché dovremmo pretendere dettagli che contestualizzino la trama quando c’è la storia d’amore tra Hope e Bedboy?-

In quell’arco di tempo Cher giocherella col cellulare di Louis. Potrebbe guardare se trova qualche prova per incastrarlo, ma che ne sa una vittima di abusi e rinchiusa in manicomio per chissà quanto tempo?

Louis arriva, rimane in silenzio e, quando è solo con Cher, le urla dietro, accusandola di starci “provando con gli altri”.

“-“Ma di che parli?!? S-Sei impazzito??”- gli chiesi                        con tutto il coraggio che avevo nel mio corpo.
-“Io? Pazzo?!? No.. quello stronzo del capitano dell’altra squadra è pazzo!!”- dopo un po’ capii che si stava riferendo a Harry.
-“Harry?!”- gli chiesi confusa. Lui spalancò gli occhi.
-“Quindi conosci anche il suo nome!?                        Non puoi immaginare le cose orribile che ha detto su di te!!”- a quel punto, ero sicura che mi avrebbe picchiata. Chiusi gli occhi per la paura ma stranamente non accadde nulla.
Al contrario, la sua presa su di me fu allenatata..”

Altro segno di redenzione: ha allentato la presa su di lei!

Louis porta Hope in macchina e le comunica che tra poco la stuprerà. Lei però… SCAPPA!

Dai, brava!

Unicorn-mermaid: – Sono così commossa. –

Louis la insegue urlando e bestemmiando… ma lei purtroppo inciampa, nessuno nota nulla, Louis le dà della troia e la riporta in macchina.

Infetto 3: – hei km ni krad qnado arryn collito boh e xé karikata in papp! – (trad: Ehi, come in “Dark” quando Harry ha inseguito Bo e se l’è caricata in spalla!)

Ellie (scoccando una freccia con l’arco di Legolas): – MUORIMUORIMUORIMUORIMUORI! –

Arrivati a casa, Louis, stranamente, non la stupra, e Cher va a parlare con Sorella Generica. Che l’ammonisce:

“Semplicemente… non innamorarti di mio fratello,è peggio per te!!”-
La guardai stranita. Come poteva parlare così di suo fratello.
-“Non credi di esagerare con tuo fratello?!?”-
-“Io dico semplicemente la verità!!”- le sue parole erano fredde, tipo gli occhi di Louis quando si arrabbiava.
Calammo in un silenzio tombale.”

Ma che senso ha questa scena? Perché dovrebbe innamorarsi del suo stupratore? Se la sorella sa quanto è terribile perché non aiuta la vittima? Perché Cher lo difende?

Non si sa.

Per deviare il discorso, Cher propone di ascoltare un CD, Madhouse delle Little Mix.

Tuttavia alcune parole del “testo inquietante” riattivano in lei una serie di ricordi e relativi dolori…

“I feel a strange sensation taking over from my head to my toes
I got the shakes body rippling it’s enough to shatter my bones..
Is it all a dream? Cause I don’t wanna stay awake
But I won’t remember a thing
And now it’s running through my veins
I don’t know what’s happening, the beats so sick…”

Louis viene avvertito dalle sconvolte sorelle, così arriva, ordina di far ciò che era ovvio (ossia spegnere la radio) e per calmare Hope, prima la porta in camera, poi s’infastidisce perché il contatto con lei sembra calmarla e …

“Cominciai a fare pressione sulle sue labbra e finalmente riuscii a penetrarle.. Provava a distacarsi ma ero più forte di lei.
Era divertente vedere l’orrore nei suoi occhi… era un momento unico!
Le tolsi il top e in poco tempo anche i Jeans stretti.
Era in intimo.. aveva delle curve perfette.
Le abbassai velocemente le mutandine e lo stesso feci con i miei box.
Aprii le sue gambe e mi ci infilai dentro per poi penetrare in lei. Volevo che soffrisse..”

Il dolore di Cher è ben spiegato nella frase “volevo morire, era troppo imbarazzante.”

Imbarazzante. L’autrice pensa davvero che uno stupro sia semplicemente “imbarazzante”?

Catra: – Se parli di un hentai senza senso, sì. – (Ammicca verso Adora.)

Unicorn-mermaid: – Siamo passati dallo schifo allo schifo e demenza. –

“Stranamente quel momento non mi diede fastidio, anzi mi fece molto piacere. Non riuscivo ad agire, ero come ipnotizzata dal suo contatto, dal suo sguardo..dal suo                       sorriso.
No, era impossibile!! Louis era cattivo, mi faceva solo del male… da quando stavo con lui, mi aveva solo provocato dolore. Però…
E grazie a lui se non sono finita nelle mani degli uomini vestiti di bianco…
E grazie a lui se non sono stata quasi stuprata da uno sconosciuto..
E grazie a lui se ogni volta che comincio a ricordare, riesco a smettere!”

Qualcun altro si rende conto dell’assurdità di questo pezzo?

Non è stata stuprata da un estraneo… ma ora Louis la sta stuprando! Non ha permesso all’estraneo di stuprarla perché voleva essere lui a farlo! Ha senso quanto ringraziare un leone che scaccia le iene per mangiarti!

83777907_3090797577641948_1798359013066362236_o

In uno slancio di lucidità mentale, Cher chiede a Louis perché faccia così.

“-“Semplicemente non conosci la mia storia e non potresti mai capire!!”-”

Bel modo per tirarla per le lunghe, autrice.

Apriamo le scommesse!

Quale sarà il motivo?

A) Padre abusivo
B) Fidanzata morta/che lo ha tradito
C) Disturbo bipolare.
D) Altro (specificare)

Votate!

Unicorn-mermaid: – Per me i motivi sono il B e il C. –

Dopo lo stupro (perché, checché ne dica lei, lo è), Hope dorme e il mattino dopo si rende conto di non aver avuto incubi.
Guarda, l’incubo lo hai appena vissuto, cara mia.

A sua volta, pure Louis, quando si sveglia abbracciato alla sua preda, riflette…

“Persi qualche battito a quella visione: mi stringeva, la sua posizione, il suo volto, la sua delicatezza… Mi ricordavano tanto lei.
Ritornai sulla terra e la spostai.
Andai a farmi una doccia e subito dopo uscii di casa per andare agli allenamenti.
Non riuscivo a togliermi la sua immagine della mia testa.
Ritornava appresso alla sua foto, alla foto di lei… Lei che ha fatto di me, quello che sono oggi!!”

Lasciata sola la sua vittima, Louis esce, mentre lei si sveglia con calma, sistema la casa e trova… DELLE FOTO!

Evgenij (tremante, con la testa appoggiata sulle ginocchia di Sonja): – Non esistono… –

Ellie: – Che faccio, devo sopprimerlo? –

Shade (allontanandola dal recensore) : – Oh, per l’amor…-

E queste foto, che non esistono, ritraggono Louis quando era tanto piccino e dolce, aaaaaw!

Inoltre, in esse è insieme a una donna bella e dolce, chiaramente la madre, come sarà confermato dopo.

Ma ecco il dilemma!

“Perché quelle foto erano così??”

Così… come?

Harry, volevo dire, Louis arriva, giusto in tempo per cacciarla via a pedate. O meglio, le arriva da dietro, le stringe una spalla con forza, la spinge sui vetri rotti (lei si ferisce) e poi si siede ansimante sul letto.
Incurante della scheggia di vetro piantata nelle carni, Cher pensa che Louis sia indifeso e tenero (solo perché è triste), ma lui la sbatte fuori e scoppia a piangere.

Di certo è disturbato.

Unicorn-mermaid: – Ma come fa Hope a non sentire dolore? Una volta una scheggia di vetro mi si è impiantata sul piede e ha fatto un male cane –

Hope va in bagno, estrae la dolorosa scheggia, tampona e fascia. Voilà, tutto risolto.

Ellie (recuperando i punti vita con una fasciatura): – Confermo! – (Torna a contrastare gli infetti armata di un neonato che spara laser dagli occhi.)

Raggiunta Sorella Generica, le chiede chi sia la donna nella foto. Ecco la verità: è la madre!

Che le è successo? Non si sa, in risposta arrivano le lacrime.

In seguito, un’altra delle sorelle chiede a Cher di andare a fare shopping assieme.

“Ammetto che però, non facevo altro che guardarmi le spalle: e se fossero apparsi gli uomini vestiti di bianco?!
Avevo paura, tanta paura.”

Ancora una volta devo chiedermi: ma nessuno si preoccupa d’indicare a questa ragazza dei centri dove ottenere aiuto? Ok, per carità, è possibile che questi siano a loro volta complici, ma almeno valutare l’idea?

Nell’attesa che la SG (Sorella Generica) numero 3 abbia finito, Cher incontra Harry. Nel dialogo viene fuori il passato del riccio dagli occhi color ramarro.

“-“Perché, quando ero piccolo, abitavo accanto ad una ragazza. Sai, tu le assomigli molto e ciò mi fa stare male. All’ età di 14 anni perse la mamma e a 16 il padre. Aveva un fratello, il quale mi ha detto che si dovevano trasferire a Holmes e io li ho seguiti, perché l’amavo. Purtroppo arrivato li, nessuno sapeva niente di loro”- ammise piuttosto triste. Che storia tristissima.
-“m-mi dispaice tanto!! Quindi non hai più notizie di lei?”- gli chiesi con voce tremante. Lui fece no con la testa.
-“Non ho nemmeno più notizie del fratello!. Ho paura per lei!!””

Finalmente un po’ di trash! Questo Harry deve essere scappato di casa senza informare i genitori, e poteva, non so, farsi dare il numero dalla ragazza per poterla rintracciare? O magari aspettare che si fosse trasferita, attendere una telefonata al numero fisso e solo dopo partire? Ok che era un ragazzo, ma ragionare un attimo!

Ma non è finita!

““Sai.. a volte me l’immagino ancora! Aveva dei capelli color marrone scuro e gli occhi del tuo stesso colore!! Era bellissima… lei sapeva che l’amavo. Un giorno mi disse che sarebbe stata mia ma non ha mantenuto la promessa!!”-
-“Non dire questo!”- iniziò a fissarmi –“Non puoi dire nulla di tutto ciò!! Sicuramente c’è qualcosa che gli impedisce di mostrarsi ma lei ti amava, ti ama e ti amerà… Devi solo aspettare!”-”

Ok, quindi Cher somiglia alla ragazza misteriosa, non ricorda nulla, è attratta da Harry… due domande me le sto facendo. Però, nel caso fosse davvero lei, vorrebbe dire che Harry non riesce a riconoscere la ragazza di cui era innamorato pazzo?

Ellie (ricacciando indietro un antivaccinista con una padellata): – Ma è vero amore! –

Shade: – Con quello che sai tu sul vero amore potresti fondare un club con Severus. –

Harry, di colpo, forse perché “bipolare”, afferra Cher per i polsi, e la mette in guardia su quel “mostro” di Louis e sulle voci che girano sul suo conto.
Ma vi costa fatica dire cosa fa?!

Fizzy, ovvero SG3, esce appena in tempo per interromperli, e a sua volta mette Cher in guardia da Harry.

Che palle…

Si torna a casa…

“Tutte le ragazze erano sul divano compreso Louis che stava giocando con le gemelline.”

Louis ha cambiato sesso, quindi?

A caso viene nominato Harry, Louis parla in privato con la sorella, trascina via Hope e si chiude in camera con lei.

“-“Ma che problemi hai??”- gli chiesi
-“Che problemi ho? Che problemi ho?! Sei seria!? Io non ho nessun problema, sei                     TU, il problema!!”-
-“Ah, ora addossiamo la colpa                      a me!?”-
-“Ovvio!! Voi ragazze siete tutte troie,                     TUTTE… soprattutto tu!!”- disse nervoso
-“Fino a prova contraria, tu mi hai stuprato, mi hai portato a casa tua… e io non ti conoscevo!! TU hai qualche problema, non io!!”-
-“Tu non sai niente!!”- abbassò lo sguardo”

E chi è, Jon Snow?

Comunque, complimenti per il sessismo. Ma si rende conto che sta dando delle troie anche alle dolci sorelle?

Evgenij: – Va detto che è chiaramente un soggetto altamente disturbato: non mi preoccuperei della sua assenza di coerenza. Mi preoccupa più che nessuno di quelli che gli stanno attorno voglia fare alcunché per fermare le sue ignobili violenze. –

Unicorn-mermaid: – Mi prudono le mani e ho voglia di strozzare Louis. –

Di colpo, Louis, dopo aver urlato e aver sbattuto Hope contro il muro, ha un crollo.

““Sobbalzai quando appoggiò la sua testa sulla mia spalla; come se non riuscisse più a sostenere tutti i pensieri.
Lo sentii singhiozzare. Stava piangendo!?
Decisi di abbracciarlo.. non m’importava della sua reazione, lo abbracciai e stranamente lui ricambiò il gesto. Quando sciogliemmo l’abbraccio, mi lasciai scivolare lungo tutta la parete, fino a cadere per terra.
Lui fece lo stesso. Appoggiò la testa sulle mie gambe e continuò a piangere.
Da quando avevo conosciuto Louis, non lo avevo mai visto in quelle condizioni… Mi faceva tanta tenerezza !””

Notizia dell’ultim’ora: le relazioni abusive funzionano anche così!

Passiamo al capitolo otto… intitolato Pizza.

Evgenij: – Mannaggia, adesso ne voglio una! –

Kronk (servendo al tavolo): – Voilà! –

Unicorn-mermaid: – Seeee! –

Louis si sveglia, chiede a Hope come faccia a restare lì nonostante gli abusi, lei risponde che non lo sa (ottimo!), ma forse è perché le rimane solo lui.

Ripeto: le relazioni abusive funzionano proprio così. La vittima spesso è talmente distrutta (non di rado per abusi esterni, avvenuti prima d’incontrare il bad boy) e cerca in lui protezione, perché è stato l’unico a darle un falso conforto.

Vi racconto una cosa: ho seguito un fatto di cronaca nera in cui una donna è stata uccisa dal proprio compagno. Non era affatto ricco (viveva in un alloggio popolare) e tirava avanti spacciando. Alcune notizie sostengono che, prima di mettersi con lui, la vittima aveva vissuto in un’altra famiglia, non quella naturale. Il che vuol dire, presumo, che aveva problemi familiari, da cui ha cercato scampo, ma è finita nella rete di un aguzzino. E quando lei ha deciso di lasciarlo, lui l’ha uccisa brutalmente.

Tornando alla storia, Cher nomina Harry, il cui nome fa infuriare Louis. Harry è una persona cattiva, che vede ovunque la sua ex (ehi, come Sailor Jupiter col suo senpai!) e ha cercato di abusare di Sorella Generica 1. Quindi lo stupratore Louis lo ritiene una persona orribile.

Evgenij: – Da qual pulpito… –

Cher intanto ammira i suoi occhi…

“I suoi occhi erano perfetti. Erano di un celeste particolare:                 chiaro                 quando era calmo, scuro                 quando era incazzato,                 vuoto                 quando mi trattava male. Ma nonostante tutto, erano                 ipnotici, mi ci perdevo dentro…come se nei suoi occhi fossero concentrati tutti gli oceani del mondo. Erano più profondi dei miei.”

nuovo meme
“Improvvisamente afferrò il mio braccio, quello dove mi ero tagliata. Mostrai una smorfia di dolore ma decisi di ascoltarlo
-“Promettimi che gli starai alla larga!!”- disse serio.
Annuii leggermente.
Era la prima volta che Louis si comportava così con me. Era diverso.. non protettivo ma, come dire… diverso.
Prese il mio viso nelle sue mani e mi avvicinò a lui, baciandomi dolcemente.
Non lo aveva mai fatto.
Dischiuse le labbra, rimanemmo in quella posizione finchè entrambi non ci addormentammo.”

Oh my, l’abusatore sta facendo un attimo il carino per essere sicuro che la vittima non si ribelli!

Spostandoci sul suo pov, scopriamo che per qualche motivo Cher lo fa star meglio. Il motivo non si sa, perché trovarlo richiederebbe impegno. Non dico il motivo certo, ma non so, proporre delle ipotesi, anziché sparare sentenze?

“Era la prima troia che ci riusciva e di troie me ne ero fatte tantissime.
Non so cosa… ma mi rendeva felice.”

Dopo lo slut-shaming, Louis si rende conto che due voci nella sua testa parlano assieme: una gli dice di proteggere Hope, l’altra di farla soffrire.

76d44bff95553aba03f7bd08adfdc6e4

Il pezzo dopo comincia con Louis che sta facendo sesso nello spogliatoio con la figlia del mister…

“Spingevo contro la sua intimità senza sosta.
Fu lei la prima a venire, e io la seguii.
Quella era una grandissima troia. Cominciò ad urlare il mio nome fin dall’inizio!!
Una volta fatto tutto, uscii da lei. Eravamo entrmabi sudati ma ciò, non ci preoccupava minimamente. Dopo qualche bacio, mi rivestii e le lanciai i suoi vestiti.
-“Lou, la prossima volta voglio il biondino!!”- disse la figlia del mister, passandomi una mano tra i capelli.
-“Sei proprio una troia!!”- risi
-“Lo so… ma non m’interessa!!”- disse rimettendosi le sottili mutandine.
Sorrisi a quella risposta. Rimettemmo ordine nello spogliatoio e uscimmo, facendo finta di niente.
Raggiunsi i ragazzi.
-“Bhe com’è stato!?”- chiese Zayn
-“E’ una troia di quelle mai viste!!”- ammisi –“Ah..e la prossima volta vuole il biondino”- dissi imitando la sua voce.”

Io… non so più cosa dire! Qualcuno mi aiuti!

Evgenij: – Io ci terrei a sottolineare che, sebbene il comportamento di Louis faccia schifo, questa scena di sesso è consensuale. Ciò però non sta a indicare nulla di positivo: infatti la ragazza in questione è una #troja dalle “sottili mutandine”. Ancora una volta questa orrida dicotomia: se ti piace fare sesso, allora sei una #troja che non merita rispetto; se invece sei una brava ragazza, allora non devi volere un rapporto sessuale, ma subirlo (come Cher, che, appunto, viene stuprata più volte da Louis). Che Afrodite Urania e Pandemia ci perdonino! –

Due righe vengono dedicate al fatto che gli One Direction sanno tutto della povera vittima (ovvero, Cher), ma anche che Louis non ha mai e poi mai tatuato un “mine” sulle altre.

Perché lei è speciale!

Ellie (spargendo della vodka su un infetto e accendendo un fiammifero): – Insomma, è come quando uccidi qualcuno in modo particolarmente brutale. –

Shade: – Non ho ancora capito perché sei a piede libero.-

Louis torna a casa, fa il caruccio con le gemelline, che gli fanno il solletico, lo fanno cadere e gli saltano sullo stomaco.

Aaaw, che dolci, stanno cercando di ucciderlo!

Dopo il dolce saluto, Louis va dalla sua dolce vittima, con cui fa il carinoso…

“-“Hei troietta … ho ordinato la pizza!!”- lei mi sorrise, si alzò e si risedette sul letto. Le passai la pizza e cominciammo a mangiarla: lei seduta sul letto e io per terra..”

Pazzi. Qui sono tutti disturbati.

Evgenij: – Credo si tratti di una delle scene più sbagliate nelle quali è coinvolta una pizza innocente, soltanto dopo quella nel film “The Room”. –

Mentre Cher ride e scherza col suo abusatore, ci dice che amava leggere… certo, come al solito. E non è neanche “il tipo di ragazza che beve”. Care autrici, guardate che bere un goccetto ogni tanto non vi rende delle poco di buono!

Ci accenna anche che il fratello da cui è stata separata le diceva che era noiosa, come le dice Louis nella scena… oh, Cristo.

Vi prego, no, davvero, vi prego: non venitemi a dire che lei è la sua sorella perduta e che Louis ha stuprato sua sorella!
Vediamo cosa dicono le recensioni…

“Oddiu (?) Lou è troppo tenero,dai secondo me si sta innamorando davvero e poi vogliamo parlare della prima parte quando la bacia dolcemente??? aaaaaaa fkjhkjjfdhdgfgjhj bhe sì solo che dopo non è carino quando si fa quella troia *faccina arrabbiata* (?)
e sta pure cambiando awww
oddio tu mi fai sclerare,quindi nel prossimo capitolo saprò finalmente la storia di cher??? yeeeyyy *^*”

“bellissimo *-* njvbrjhgbuirtgur louis *^*. anche io voglio la pizza T^T, quando la continui??? ❤ ora vado ciauu”

altro meme

Cher decide di svelare a Louis la verità: accesa la tv, trova subito il notiziario proprio mentre stanno parlando di lei, la ragazza scappata dal manicomio.

Evgenij: – Gli spezzoni del notiziario stavolta non sono trash? –

fanwriter91: – Meh, dicono solo che la cercano. –

“-“Mi ci ha mandato mio fratello…”- il mio cuore perse qualche battito –“Diceva che li mi avrebbero curata. Mi ci ha mandato perché lui aveva paura di me.. Ora non so se lui è ancora vivo o se….”- no, solo all’idea, cominciai a piangere.”

Suo fratello l’ha mandata? A che età? Ha fatto denuncia? Se lei aveva incubi e attacchi di panico era davvero necessario mandarla in un manicomio? Non si curano così i pazienti psichiatrici!

Shade: – Ma nemmeno è detto che chi soffre di attacchi di panico e incubi sia un caso psichiatrico! Spesso basta uno psicologo per arrivare alla radice del problema e risolverlo! Se poi la terapia psicologica non basta allora okay, si passa al livello successivo… ma non è detto che si debba mettere una persona così sotto farmaci, figuriamoci internarla!-

Abbiamo altre novità: il fratello di Cher era Liam, quindi almeno non c’è stato incesto. Poi lei avrebbe causato la morte dei genitori.
Il solo pensiero le fa avere un attacco di panico.

“Tutti i suoni, le voci, le parole, furono soffocate dalle urla.. urla di sofferenza, urla di dolore, urla di paura… Ecco le voci..voci che riconoscevo benissimo!! E infine le immagini…ricordi di quei momenti orribili!!
Ricordi                 che avrei voluto dimenticare… Le imamgini di quei demoni con gli occhi rossi, si facevano vive nella mia mente.
Tutto questo mi faceva agitare. Era come se ad un certo punto diventassi cieca e sorda: tutto quello che riuscivo a vedere erano quelle immagini e, tutto quello che riuscivo a sentire erano quelle voci.
Ansimavo, avevo paura.. ma perchè ogni volta che provavo a parlarne, mi sentivo male, mi succedeva ciò?!
A riportarmi sulla terra fu la voce di Louis, che mi chiamava, urlava sulle mie urla per attirare la mia attenzione.
Quando riaprii gli occhi, tutto terminò. Rimasi sorpresa.. Solo con lui, riuscivo a calmarmi.. non mi era mai successo prima.”

Tutto ciò è davvero offensivo. Gli attacchi di panico non si fermano perché il tuo caro (stupratore) urla! Non è come essere sotto l’effetto di un’ipnosi! Ma l’autrice su cosa si è basata, qualche anime con la magia?

Dato che Cher esita a rispondere alle domande di Louis, lui le tira una sberla, lei piange e fugge via.

Il povero Louis è sepolto da sentimenti contrastanti, ma ve ne elenco uno:

“Ero scosso perché non pensavo avesse un passato così oscuro…”

Non lo avesse avuto sarebbe stato tutto ok, eh?!
Ora, può capitare che qualche bulletto rinsavisca dopo aver scoperto di star bullizzando una persona problematica, ho letto di casi in proposito. Ma c’è un abisso tra “bulletto” e “stupratore!”
Dopo un po’ Louis va a trovare Cher, che ha pianto tanto, fa il dolcino e l’abbraccia come un tenero innamorato.

Il giorno dopo c’è una scena veloce in cui sono tutti al mare. Scena che dura tipo un mini paragrafo.

“Tra i mille pensieri c’erano gli uomini bianchi”

E basta col “Politicamente corretto”, non anche qui!

Evgenij: – No, che dici? Non dare altre idee agli infetti qui fuori! –

Passiamo al capitolo dopo, ambientato sempre al mare, in cui Cher incontra Harry. Dopo un po’ di fuffa, Louis arriva incazzato nero, lite tra i due bad boy e si torna a casa. I due si odiano parecchio, ma non ci è ancora stato spiegato nulla.

Finalmente la trama ingrana, visto che entra in scena Oca Generica. Seriamente, costei sarà il personaggio migliore della storia.

“Improvvisamente si avvicinò una ragazza. Era alta, molto alta; avevo il                 tipico fisico da modella; aveva un costume 3 volte più piccolo (così sembrava). Era bionda e mostrava un sorriso malizioso.
Si avvicinò a Niall.
-“Hei biondo, mi stai tradendo?!”- disse mettendosi a cavalcioni su di lui
-“ tradire te?? Mai!!”-
-“E allora questa rossa.. ??”- disse mostrandomi uno sguardo disgustato
-“E’ di Louis…”-
-“Quel bastardino mi tradisce… oh gliela farò pagare!!”- disse ridendo per poi                 baciare Niall… se quello poteva definirsi bacio.
Rimasi scandalizzata dal suo comportamento.”

Sei stata stuprata e ti scandalizza un bacio voglioso? Ah, giusto, OG è una donna!

Unicorn-mermaid: – E ovviamente la troya di turno è bionda. Di male in peggio. –

Dopo qualche malizia, Louis trascina Hope in un vico… volevo dire, in un corr… insomma, dietro al chioschetto.

Ellie (sgozzando un altro infetto): – Il posto ideale per tendere gli agguati. –

Levi (guardandola pensieroso): – Mh, forse riesco a convincerla a unirsi a noi… –

Shade: – Non so se ti conviene…-

“-“è una troia di prima categoria!!”- disse sorridendo..
-“E tu la conosci..?”-
-“Me la sono fatta un paio di volte…”- rispose con tutta tranquillità. Io rimasi alibita.
-“Cioè..ti stai facendo me e lei..??”- chiesi
-“Non è la prima volta!!”- lo guardai confuso –“Scusa, secondo te, perché ti avrei portato a casa mia                 e subito dopo ti avrei stuprata??”- continuai a guardarlo confusa –“Tutte le ragazze del quartiere sanno di me, tutte sono state stuprate da me..”-
-“ E loro non ti hanno ancora denunciato??”- chiesi sorpresa
-“Nessuno                ha il coraggio di ammettere uno stupro.. nemmeno tu!!”-”

Ma che schifo! Purtroppo queste cose succedono davvero, ma nessuno ha notato i traumi delle vittime?

Shade: – Che poi, nessuno… è vero che molte persone tendono a non parlarne, è una triste realtà. Ma è impossibile che in tutto il quartiere nemmeno mezza donna abbia detto qualcosa! Almeno una avrà provato a denunciarlo, magari con l’aiuto di amici e parenti soprattutto se, come ci è stato detto, Louis ha questa fama! –

Unicorn-mermaid: – In questo universo parallelo la coerenza e la logica non esistono. –

Per testare la fedeltà di Hope, Louis compone il numero della polizia, le dà il cellulare e la sfida a denunciarlo. A parte che è difficile che una vittima denunci mentre ha il proprio stupratore davanti e nessuno ad aiutarla, ma questo è davvero un pazzo!
Hope, comunque, riattacca, poi Louis insiste sul fatto che a lei piaccia e, a conferma di ciò, quando lui la bacia lei è rapita dal suo fascino.

Piton: – Potrei vomitare. –

Shade: – E tu quando sei arrivato??-

Non soddisfatto, se la carica in macchina, la porta a casa e la stupra, ma dall’atmosfera che si crea sembra che sia stata una scopata consenziente. Infatti, dopo essere stata orribilmente abusata, Cher cerca di farlo innervosire.

“-“Harry??”- lui annuì. A quel nome divenne più teso. –“Sai..                ha degli occhi stupendi, delle fossette uniche..”- così lo avrei fatto innervosire. !n realtà volevo questo!! In poco tempo, me lo ritrovai faccia a faccia.
-“Scusa troia.. ripeti??”-
-“hai sentito bene!!”- gli dissi lanciandogli uno sguardo, come per sfidarlo.
-“No allora non ci siamo chiariti!!”- disse posizionandosi meglio su di me. Sentivo la sua presenza su di me… -“Tu sei mia… e di nessun’altro!!”- disse per poi baciarmi. Tanto fece che riusci a mettere la sua lingua nella mia bocca.. odiavo quando faceva pressione.”

Non è così che si descrive uno stupro. Qui sembrano solo due che scopano con lei che fa un po’ la maliziosa e lui che cerca d’imporsi con posizioni che a lei non piacciono.
Dov’è il dramma? Dov’è il terrore? Dov’è il rispetto?!

Shade: – Dov’è la vodka?-

Ellie (cospargendo l’ennesimo infetto e dandogli fuoco): – Scusa, appena finita.-

Shade: – … io ti odio…-

Ma leggiamo un altro commento.

“povera cher :(, yeeeeeeeeeee sono la prima a scrivere la recensione, allora comunque la tua storia è stupenda, poi le tue idee , wow , (davvero),poi louis geloso nfjk.ghukghuiahyua, lo amo, poi la figlia del Mister è veramente una stronza, e adoro Cher e louis *-* *-*, ora vado ciauuu, al prossimo capitolo <3”

Evgenij: – Io non vorrei dire, ma, visti i contenuti trattati, questa storia dovrebbe avere rating rosso, come minimo (in realtà, manco dovrebbe esistere, visto il modo in cui li tratta, ma va bene). Dunque, io dovrei credere che questa lettrice avesse più di diciotto anni? Davvero? Non prendiamoci in giro, va’. –

Poco dopo, Oca Generica, tale Emily, va a trovare Louis. Minacciandolo di dire “tutto” al padre/mister, lo convince a fare sesso con lei.

Cher invece è andata a fare la spesa con le sorelline, ma vede i Men in White che la cercano.

Evgenij: – Certo, me li immagino proprio, magari pure con un’enorme retino per la caccia alle farfalle e una camicia di forza in braccio, come venivano disegnati in certe storie di Topolino. –

Con una scusa, Hope riesce a svicolare via, incitando anche SG a portare le sorelline dalla… nonna.

Hanno altri parenti? Sono complici? Non sanno nulla? Beh, salutate la nonna, non verrà più accennata.

Cher se ne torna a casa, da cui esce l’Oca, avviene una lite in cui la bionda di turno si dimostra assurdamente possessiva con Louis. No, scappa, scappa, santo cielo!

Entrata, Cher incontra Louis, col quale litiga, ma lui scoppia a piangere e lei lo abbraccia.

E ora… siamo arrivati al momento della rivelazione, del motivo per cui il bad boy è diventato così!

“-“Quando ero piccolo, mia madre non si è mai comportata bene con me!! Mi ha sempre odiato, mi ha sempre trattato male!! La cosa brutta è che non potevo dire niente a nessuno!!”-mi fermai un’attimo –“Non potevo dire niente perché scoprii il suo segreto. Tradiva papà con un’altro.. un altro che cambiava ogni giorno”-
Volevo fermarmi ma così non avrebbe capito niente–“Mio padre ci abbandonò alla nascita delle due gemelline che non erano sue”-
-“Vi ha lasciati da soli?!?”- mi fermò lei
-“No…è morto per tumore..!”- presi un’attimo di pausa –“Comunque… una sera, lei tornò a casa e se la prese con me senza motivo!! Non ce la facevo più, così le risposi!! Iniziammo a litigare…. E poi..”-
-“Poi…?”-
La fissai. I suoi occhi mi osservavano attentamente. Era preoccupata per me…
-“Poi l’ho uccisa!”- sgranò gli occhi..
-“T-Tu cosa??”-
-“Si..ecco.. ero c-così nervoso che le ho messo le man al collo e..”- Non riuscii a terminare la frase che lei mi fermò, tappandomi la bocca.
Cominciò a piangere..
-“Tu..Tu hai ucc-ucciso una persona!? E                 dici t-tutto ciò con tranquillità!!”- -“lei era cattiva…Una troia, un’essere che non meritava di vivere!!”-”

Un anno di arresti domiciliari per omicidio volontario?! Minorenne quanto vuoi, ma così è ridicolo. Per carità, casi del genere possono capitare, ma non potete parlarne come se fosse normale!

Almeno c’è un tocco di originalità! Non più il Padre Abusivo Senza Spessore, ma la Madre Abusiva! Però tutto il resto è penoso: un tumore infilato a caso e… un anno di arresti domiciliari per omicidio volontario?

Evgenij: – Ma è terribile: lui sta giustificando l’omicidio con la scusa che la madre tradisse il padre! È come in “Welcome to My Hell”, dove Justino aveva assassinato la propria ex perché “troia”. E pure lì si era fatto solo un anno di domiciliari, fra l’altro… –

Unicorn-mermaid: – Mannaggia, non ho indovinato i motivi. Comunque, tornando seri, tutto ciò è orribile. –

In risposta Cher s’infuria, terrorizza il proprio stupratore e lo lascia da solo. Lui la raggiunge poco dopo, parlano un po’ e lei gli chiede se ucciderebbe ancora per il nervoso.

Ora, ripeto che, se trattata bene, potrebbe essere una storia interessante. Sua madre lo avrà anche messo al mondo, ma se ha riversato su di lui solo odio, non c’è da stupirsi che alla fine si sia ribellato. Non per questo l’omicidio è giustificabile, ma si possono capire la rabbia e l’odio. Ha anche un vago senso che si metta ad abusare delle donne (in cui potrebbe rivedere la madre abusatrice), ma servirebbe un approfondimento psicologico molto maggiore, oltre a colmare i continui buchi di trama.

Evgenij: – Certo, sotto questo punto di vista, il personaggio di Louis è uno psicopatico stupratore e omicida quasi da manuale, come il protagonista di Maniac. A tal proposito, passate a leggere la recensione di quel film sul blog di L come Lettrice, solo.per.dire.la.mia.

Link:

https://soloperdirelamia.wordpress.com/2019/03/04/perche-guardare-maniac-e-meglio-che-leggere-certe-fanfiction/

Il problema è che, come al solito, verrà redento dall’amore di Hope. Ma quale amore e quale redenzione?! Questo soggetto è un pericolo pubblico! –

Mentre sembrano sul punto di fare l’ammmore, Cher ha un attacco di panico.

“Si dimenava, urlava e piangeva.
-“Apri questi fottutissimi occhi!!”- le ordinai ma niente. Ok, mi preoccupava molto.
Si dimenava, piangeva ma non apriva quegli occhi!! Provai un’ultima cosa: L’abbracciai.
L’abbracciai e cominciai a sussurrarle cose dolce, parole gentili… e lei sembrò calmarsi, sembrò ritornare normale..
Quando mi accorsi che ricambiò abbraccio, capii che tutto era finito e sciolsi l’abbraccio. I suoi occhi mi fissavano.
-“Io ho fame… vuoi qualcosa??”- lei fece no con la testa. Feci spallucce e uscii dalla stanza, ma prima che potessi completamente allontanarmi, sentii una parola –“Grazie”-”

Non è così che funzionano gli attacchi di panico, mannaggia ai Valar! Non basta l’abbraccio amoroso per far rinsavire! Cher pensa perfino che grazie a Louis non ha più incubi… quindi è lo stupro la cura, a patto che lo stupratore sia bello?!

E smettiamola di far passare Louis come una povera vittima. D’accordo, è vero che il sistema avrebbe dovuto aiutarlo anziché dire “ehi, hai ucciso brutalmente tua madre, un anno di arresti domiciliari e ciao!” (cosa come minimo inverosimile, ma diamola per buona), ma possibile che l’abbia sempre fatta franca in tutti gli altri casi? Ah, è vero, deve essere coperto dai vari complici. Purtroppo temo che non ci spiegheranno mai quali sono le giustificazioni degli altri One Direction.

Ma finalmente arriva un po’ di trash: Cher vuole trovare lavoro!

“Misi un pantaloncino corto, un top rosso e delle converse rosse.
Salutai tutte le ragazze e uscii alla ricerca di un lavoretto.
Dopo un paio d’ore,dopo varie ricerche,                trovai un lavoretto in una pizzeria. Cominciavo lunedì!! Diciamo che ero stata fortunata: Non chiedeva documenti, ne certificati.. ne niente.”

Quindi l’hanno presa senza neanche vedere se conosceva o no il mestiere? Io ho tentato la via dell’aiuto pizzaiolo, ma non ero abbastanza bravo, e ho cominciato molto tardi. Non è un lavoro facilissimo, non basta servire a un tavolo ogni tanto!

Evgenij: – Tutti questi riferimenti alla pizza mi fanno comunque pensare che forse l’autrice avrebbe dovuto scrivere una bella storiella su una pizzaiola che fa colpo su uno degli One Direction (grazie alla pizza, ovviamente), e sarebbe stato fantastico. E invece c’è questo orrore. –

E questa ragazza non dovrebbe essere cercata in tutta la città? I notiziari parlano continuamente di lei! Siamo arrivati ai livelli di “la ragazza afferma di star bene, e che non è morta!”

Shade: – Magari Louis ha saputo del trucco della sosia ammazzata e l’ha usato anche lui…-

Evgenij: – Vero, forse lo Zayn Malik di “Afraid of You”, il temibile LUI, ha scritto un manuale per giovani rapitori di Hope. –

Hope fa un giro e incontra Harry, che la invita a casa sua. Nonostante gli avvertimenti del suo aguzzino, lei si fida.

“E così ci incamminammo verso casa Styles.
All’esterno era fantastica… a dir poco fenomenale.
Mi scappo un ‘wow’..
-“Ti piace??”- mi chiese. Non trovavo le parole per descriverla, così annuii”

sonno3

Shade: – Ma tu non eri a casa?-

Cher nota, vicino alla villona non descritta, una casa fatiscente, coi vetri rotti, le tegole che mancano e altri segni di devastazione. Harry le spiega che è disabitata da tre anni. Mh, tre anni? Solo? Così non si abbassa il valore degli immobili vicini?

Vi risparmio il goffo tentivo di creare atmosfera e un colpo di scena: la casa è quella in cui viveva Cher una volta, Liam è davvero suo fratello, Harry è davvero il suo ex e i capelli le sono diventati rossi per via delle pillole dell’ospedale.

Mh, pillole che come effetto collaterale ti rendono una baciata dal fuoco? Figo!

Jon Snow (col lo sguardo che si perde nel vuoto): – Ygritte… –

Ygritte (seduta vicino a lui): – You say nothing, Jon Snow. –

Resasi conto della palese ovvietà, tanto palese che fa sembrare “Sailor Moon is the Moon Princess!” un plot twist sapientemente congegnato…

what a twist

… Cher prende la sua decisione.

“-“L’ultima volta che l’ho sentito..è stato un’anno fa… ma ora non dirti che fine ha fatto!!”- sospirai a quella notizia. Gli lasciai le braccia.
Lo ringrazia per tutto e andai via da lui.
Dovevo informare Louis.”

Vediamo le recensioni…

“il capitolo mi ha sorpreso sono rimasta 😮 così quando ho scoperto che cher era la famosa ragazza di cui parlava sempre harry.”

Unicorn-mermaid: – Nessuno può essere così stupido, deve star scherzando per forza, altrimenti non me lo spiego. –

E siamo appena a un terzo! T_T
Louis, nel frattempo, dopo l’allenamento incontra Oca Generica, che ricorda a fatica il nome di Cher, chiamata di solito “la rossa”.

“-“wow..sei acuta per essere una ragazza che spara pompini a tutto gas!!”- la sbiancai. Lei mi guardò più incazzata di prima”

Bleah… non è che essere sessualmente estroversa ti rende una cretina, sai.

Ma cretina lo è comunque, visto che è ossessionata da Louis e dalla sua potenza sessuale. Lui risponde con una serie d’insulti fantasiosi (ossia continua a darle della troia). Offesa, Oca Generica giura vendetta alla piccola rossa.

Roman (fumando il sigaro): – Che donna di classe! – (Getta il sigaro che vola fuori dalla porta e cade in testa agli infetti coperti di benzina.)

Louis e Cher s’incontrano, lei svela il plot twist che farebbe passare il tradimento di un tipo col pizzetto un colpo di scena…

AccomplishedWeepyGrizzlybear-poster

… litigano e io attendo che succeda qualcosa d’interessante.

Ora che ci penso, ma lei non lavorava?

“Il mio mestiere? Sinceramente non lo avevo capito nemmeno io.
Ogni tanto preparavo le pizze, ogni tanto servivo, ogni tanto facevo la cameriera, ogni tanto pulivo..
Come primo giorno, andò tutto bene.
A fine serata mi pagarono e uscii dalla pizzeria.”


AHAHAHAHAHAHA!

Dal basso del corso per aiuto pizzaiolo che ho fatto, posso dirvi che non impari a preparare una pizza in dieci secondi! Devi imparare ad essere veloce, scattante, rapido! E una che è stata in stato semicomatoso per anni non lo diventa così a caso! Servire ai tavoli? Guardate che ci vuole equilibrio, non è che puoi servire una pizza alla volta! E lo stipendio giornaliero? Ma dove? No, sul serio, dove?

Evgenij: – Per il servizio ai tavoli, posso confermare, sebbene non abbia dimestichezza con le pizze: bisogna scattare. –

Unicorn-mermaid: – Non solo scattare, ma portare come minimo tre piatti alla volta; basta servire alle sagre per rendersene conto. –

Andiamo avanti, per favore… Cher va a sbattere contro qualcuno…

“-“Mi scu..”- mi fermai quando vidi la persona –“Bionda?!”-
-“Rossa.. Guarda dove metti i piedi la prossima volta!!”- mi accorsi di essere di fronte ad un bar, uno di quelli dove si balla, si beve, ci si ubriaca e poi ci sono divanetti                 e tavolini, dove puoi fare quello che vuoi!”

Ok, ormai abbiamo capito. “La Bionda” in realtà è La Bionda di Demoni di EFP, compagna d’armi di Lady. R. Chiaramente è infiltrata per pugnalare La Rossa, da non confondere con la Piccola Rossa.

“-“E’ sempre meglio che essere 4 facce : buona di fronte a paparino e puttana di fronte a gli altri. Ah giusto.. è tuo padre che ti da i soldi per comprare le mutandine, ammesso che le usi!!”-”

Ehm, non sono un genio della matematica, ma 1+1=2, non 4.

96755968_2956891894365851_371351436576948224_n

Evgenij: – Questa è la prova definitiva del fatto che lo slut-shaming bruci i neuroni. Capito, bambine e bambini? Studiate matematica e non siate sessisti! –

Dopo uno scambio idiota tra le due, l’autrice ci saluta.

“E Louis come si comporterà con La ‘Bionda’ ??”

Mh, non è che La Bionda è il cognome?

Oca Generica accusa Hope di amare Louis. Ma davvero?

“-“Eeeh mia piccola sciocca Rossa. Allora è proprio vero che le rosse sono sciocche…”-
-“Io sapevo che lo erano le bionde..”- dissi a voce bassa.”

Ruby (caricando l’arma): – E mo’ basta! –

Yang (trasformata in super saiyan): – Tutta invidia! –

Ellie (raggiungendo Ruby): – Mi presti la falce, per favore? –

Ruby (sorridendo complice): – It’s also a gun. –

Unicorn-mermaid: – Veramente tutte le ragazze bionde che conosco sono intelligenti. –

E… oh, wow. Un momento d’introspezione dell’Oca!

“-“E’ una cosa ridicola!!”- cercai di convincerla
-“Non è ridicola!! Anche io mi sono innamorata di Louis.. tanto tempo fa; ma quando scoprii la sua storia, decisi di cambiare, volevo affrontarlo e oggi, sono quella che sono”-”

Oh… sono sorpreso, e in positivo. Questo vuol dire che l’Oca Generica, dopo la profonda delusione, cerca conforto in tante, fugaci relazioni, nella speranza di riempire il vuoto interiore. Se ben affrontato porterebbe a uno svil…

““-“cioè una zoccola?!?”- dissi divertita. Lei mi fulminò con lo sguardo
-“No.. una ragazza che ama stare con tanti ragazzi!!”-
-“Cioè una zoccola…”-                 lei si innervosì e mi diede uno schiaffo in pieno viso. Portai subito la mia mano sulla guancia. Bruciava, sentivo un dolore allucinante…”

Di solito sono contro la violenza, perché non funziona a livello educativo, ma ammetto che un bel ceffone se l’è proprio meritato.

Unicorn-mermaid: – Ma altro che ceffone, qui ci stava un cazzotto. –

Ma gli insulti continuano…

“Sembrava aver bevuto un camion di Vodka…”

Evgenij (con in mano la bottiglia di vodka eternamente piena): – Chissà… –

Shade: – Passamela prima che la veda Ellie… –

Tornata (di nuovo!) a casa, Cher vede Louis che dorme e lo ammira.

“Adoravo quando dormiva senza maglietta, solo in boxer. Potevo ammirare il suo fisico. La cosa che più mi colpiva era il polpaccio, troppo sviluppato a causa degli allenamenti e le partite di calcio. Potevo ammirare come i suoi muscoli si contraevano ogni volta che si muoveva. Potevo ammirare i suoi tatuaggi, quei numerosi disegnini che macchiavano la sua pelle.”

E daglie col maschio che mostra quanto è figo, ma la femmina mostra quanto è facile!

Svegliatosi e rimasto solo, Louis ci delizia…

“Le ragazze               sono tutte troie,               sono solo oggetti per fare sesso… loro t’ingannano, ti fanno soffrire!! Mia madre era una di quelle… eppure, sento che lei è diversa, non è come le altre. Lei è lei.”

math

Ma si rende conto che, con questi discorsi, sta insultando pure le sue sorelle? Ovviamente no. Un po’ come Harry di “Dark” (e tanti altri) che abusavano in vari modi delle ragazze perché non potevano sopportare che qualcuno facesse loro del male.

Unicorn-mermaid: – Posso farlo fuori? –

Segue fuffa.

“La buttai nella doccia e azionai il getto.”

Solo io mi sto immaginando Louis che afferra la Hope di turno e la scaraventa nella doccia?

“-“Lurida puttana!!”- cominciai a ridere.
-“Non mi chiamo Emily!!”- calammo in un grandissimo silenzio ma poi scoppiammo a ridere. Aveva fottutamente ragione.”

fanwriter91 (gettando il Passante dalla Finestra): – Ma basta! –

Ellie (osservando il Passante che viene assalito da tutti gli infetti): – Un diversivo, affascinante… –

Shade: – Tu sei inquietante. –

Unicorn-mermaid: – Noooooo, il passante! Come hai potuto?! –

Comunque, ormai è chiaro come mai sono fatti l’uno per l’altra. Entrambi sono altamente disturbati e hanno un rapporto tutto loro con la realtà.

“Da un’altro lato ancora c’è quella bionda che mi mette ribrezzo e paura”

Ma basta chiamarla “bionda”, si chiama Emily!

Poco dopo Hope parla con una delle sorelle generiche, che è altamente stupita dal comportamento del fratello.

“Di solito se le scopava e poi ciao!!”

Vorrai dire “stuprava”. Non fare la finta tonta, SG!

Hope va al lavoro, finisce, riceve lo stipendio giornaliero e scappa per andare a una festa.

Gentili lettori, facciamo un giochino: cosa staranno facendo i vari invitati alla festa?
Pensateci bene…

Unicorn-mermaid: – Giocano a ‘Denuncia lo stupratore’, vero?-

Procediamo!

“C’era musica, tanta e troppa gente, tanti alcolici, tanti drogati… insomma, una tipica festa da ragazzi.”

Io mi domando a quante feste sia andata l’autrice. La droga non è un gioco, porca miseria! Drogarsi può portare alla propria distruzione!

Evgenij (con le lacrime agli occhi): – Quasi non ci credo: è la stessa descrizione della festa all’inizio di “Afraid of You”! Quanti ricordi! –

Cher, essendo un’anima casta e pura, ordina qualcosa di analcolico, ma il barista le dà qualcosa che invece ha l’alcool. Ehi, ma come fa a capirlo al primo sorso?

Evgenij: – L’alcool ha un sapore particolare, e talvolta brucia un po’ in gola. –

Dato che, tanto per variare, Cher si è separata da Louis, va a sbattere contro Harry. Tra i due bad boy avviene in fretta una lite…

“-“Forse non ti è chiaro il significato della parola               MIO.”- a momenti gli avrebbe sferrato un pugno o qualcos’altro. Louis era davvero molto più basso di Harry eppure ciò non lo spaventava per niente. Mi misi tra i due e come avevo previsto, il pugno di Louis si fermò prima di colpire la mia faccia.”

Come quella volta che Bella Swann si è messa in mezzo a due tipi dotati di super velocità che si sono fermati per non colpirla!

Mi rivolgo alle lettrici: ma a voi piacerebbe davvero essere corteggiate da due tipi che verrebbero alle mani in pochi secondi, urlando “lei è mia”?

Perché in primo luogo bisognerebbe sentire prima il parere della diretta interessata, in secondo luogo mi pare un sistema di corteggiamento da cavernicolo (con tutto il rispetto dei cavernicoli), che mostra le donne come oggetti del desiderio che non possono decidere per se stesse.

Sapete, mi fa venire in mente un commento che ho letto una volta su un forum. Era una cosa tipo “la donna si bea dei conflitti che provoca tra gli uomini, perché è l’unica forma di potere di cui disponga”.

Questo genere di storie non stanno facendo altro che rappresentare questo pensiero deviato e maschilista!

“-“No.. non voglio che facciate una strage qui, in questo momento!! Non bisogna ricorrere alla violenza!!”- Entrambi si misero a ridere.
Louis non rispose, afferrò il mio polso e mi portò via da lui.”

A ridere. Ma andatevene a fanculo, trogloditi!

Superato il momento d’isterismo, Louis piange e chiede a Cher come mai difenda Harry, poi spiega le sue ragioni:

“E’ l’unico c-comportamento che riesco ad avere con i ragazzi..o con le persone in generale, quando si parla di te!”

Cazzate. Abbiamo visto Louis ridere e scherzare con gli amici. Anche loro sono ragazzi, fino a prova contraria. Inoltre non ci sono accenni su degli abusi paterni, per cui il suo disprezzo verso i maschi è incoerente.

Dopo altra fuffa i due si baciano.

“-“Quindi…”- disse riavvicinandomi a se –“Tu ami un pazzo che stupra e maltratta le ragazze?!”-
-“Bhe ecco, si… e invece, tu quindi ami una pazza stata in un manicomio che è scappata e che ogni tanto ha degli schizzi?!”-
-“Amare… definisci la parola ‘amare’!”- sorrisi a quella risposta.
Non mi aveva detto esplicitamente che mi amava, ma l’idea che comunque provava qualcosa per me, mi rendeva felice!!
Mi rispinse contro al muro e riprese a baciarmi.”

Ancora una volta ci ritroviamo di fronte a due problemi completamente diversi che vengono equiparati. Avere degli attacchi di panico e delle crisi di pianto è, solitamente, segno di traumi, non di rado causati da qualche abuso. Stuprare e maltrattare le ragazze, è segno, come dire… che sei un fottuto stronzo manipolatore!

Unicorn-mermaid: – E meno male che entrambi sanno di avere gravi problemi psichici  –

Ma qualcuno sopraggiunge!

download

Purtroppo non è lui, ma La Bionda.

““Si ..io!!”- era Emily”
-“Tu che ci fai qui?!”-
-“Si chiama ‘imbucarsi’…sai, ho sentito che c’erano tanti bei ragazzi così…”-
-“Che troia…”- rise Louis.
-“Troia?! Io?! La rossa qui presente conosce bene tutto il passato?! Tutto quello che hai fatto con me.. con questa ‘troia’, come mi chiami tu?!”-chiese lei nervosa
Vidi Louis balbettare. Decisi di intervenire
-“Anche se fosse?? Ha un passato oscuro e allora?! Voglio dire.. lui non consoce tutto il mio passato, praticamente non sa niente di me!! Eppure è qui… Avrà fatto tante cose cattive e quindi? Si può rimediare.. a differenza tua, la verginità una volta che si è persa, non la si può più riavere in dietro!!”- sentii ridere Louis.”

Scusate, sono temporanaemente paralizzato da questo argomento così insulso, misogino, volgare e stomachevole. Ho perfino riletto il testo più volte.

“Avrà fatto tante cose cattive e quindi? Si può rimediare!”

Vediamo le cose cattive che ha fatto:
– stupri
– rapimenti
– violenze varie
– omicidio volontario.

E ci viene a dire “si può rimediare”. Come se rapire una persona, terrorizzarla, stuprarla, traumatizzarla e distruggerla psicologicamente fosse una cosetta da niente. Ha anche ucciso la madre, e, dato che qui non ci sono le Sfere del Drago, all’omicidio non c’è rimedio!

Ma dar via la verginità? Mostro, bestia, animale! Come osi usare il tuo corpo a tuo piacere? Con quale diritto osi essere sessualmente attiva, prerogativa degli individui dotati di pene?

Evgenij: – Si potrebbe anche far notare che, ormai, anche la verginità di Cher “si è persa”, ma, ovviamente, lei non è #troja perché non l’ha data via volontariamente, visto che è stata stuprata dal nostro maschio alpha. Ancora questo modo orrendo di ragionare… –

Unicorn-mermaid: – Qualcuno mi uccida e ponga fine alle mie sofferenze. –

Louis fa per colpire Emily e spaccarle quel “naso rifatto”… seriamente, questa ragazza si è rifatta tipo tutto il corpo a sedici anni? Ma quanti multimiliardi ha il padre? Certo che fare l’allenatore di una squadra scolastica/liceale/quello che è rende davvero bene…

A proposito di denaro, si intuisce che Louis campa con le borse di studio sportive, dato che in questa Inghilterra i servizi sociali non esistono, per cui, quando La Bionda lo minaccia di dire tutto al babbo/mister, Louis deve arrendersi. E lei se ne va (di nuovo) via sculettando. Because she is evil. Non starò lì a ripetervelo ogni volta, ma ho controllato: se la Bionda va da qualche parte, lo fa sculettando. Ma, secondo il mio modesto parere, coprire uno stupro è più grave che sculettare.

Louis non può più sopportare questo ricatto. Afferrata Cher, torna dentro, si fa largo tra drogati e ubriachi e ritrova Zayn.

“-“Mi devi dare una mano…”- lui tese le orecchie e mi ascoltò –“Hai presente quei videi… quelli che facevi quando lo facevi con le ragazze?!?”-
-“Si.. ma non lo faccio più dall’età di 16 anni..”-
-“Tu quando hai cominciato a giocare a calcio?”-
-“16 anni…”-
-“Ok, allora ascoltami”- iniziai a spiegargli il mio piano. Volevo ridicolizzarla, volevo ricattarla, farle capire che contro di me non doveva mettersi –“ quando facevi con Emily, hai mai ripreso il momento?!”- Zayn aveva l’abitudine di riprendere le scene di ‘sesso’. Continuò questo per un po’. Diceva che si divertiva e che poi poteva ricattare le ragazze per farlo più volte..”

Ma è un mostro! Ricattava così le ragazze? Si tratta di revenge porn in piena regola! E io dovrei tifare per questo stronzo? E ancora una volta, maschilismo che esce dalle fottute pareti: il maschio che fa sesso riceve pacche sulle spalle e lodi, la femmina viene umiliata e derisa!

Unicorn-mermaid: -Da notare ‘videi’ e sesso scritto tra virgolette. Perché è scritto così? In realtà non era veramente sesso, ma stupro, quindi un rapporto non consenziente? Qualcuno me lo può spiegare? Perché io non capisco il motivo di quelle virgolette. –

Infetto 4: – La figa è una serratura, il cazzo è la chiave! –

Ellie (sparandogli con la falce di Ruby): – E questo aprirà il tuo cranio! –

Zayn si ricorda di avere un paio di video, che porterà subito lì… oh, wait… non c’era una scena simile in “Slave”?
Zayn, già che c’è, procede con lo slut-shaming…

“I miei occhi erano fissi su di lei.. Era con tanti altri ragazzi, e se li faceva tutti insieme.. Poi mi dicono che le ragazze non sono troie.”

Prego? Mi sta dicendo che Emily sta facendo una gang bang?
Munito di dischetto, Louis trascina fuori La Bionda.

“-“Che c’è castano.. c’hai ripensato??”- disse accarezzandomi il braccio. Scostai la sua mano e le mostrai il cd –“Cos’è??”-
-“Cos’è?? Sul serio… non ci arrivi da sola, Bionda!!”-”

Dopo un altro po’ di slut-shaming, in cui Louis, seguendo l’esempio dell’Harry di “Slave”, minaccia di mostrare il video alla festa e al padre di lei, La Bionda si arrende e promette di lasciare in pace lui e la sua banda.

Ri-ri-ri-ritornati a casa, Louis e Cher fanno l’ammmore in modo così amoroso che nemmeno Barbascura X saprebbe rappresentarlo con la sua Scienza Brutta.

Saltiamo le recensioni, in cui una definisce più volte CAPOLAVORO questo abomiGno…

Shade: – Beh, almeno nessuna ha osato segnalarla per le storie scelte… –

Al mattino Hope parla con una delle sorelle di Louis.

“-“Ho rotto con il mio ragazzo…”- ammise con voce rotta –“Ha detto che sono sempre assente, che sono una stronza… che Mio fratello mi sta condizionando..”-
-“Perché.. anche lui sa?!”-
-“Tutti sanno… Però non lo dicono..”- disse ciò fissandomi. I suoi occhi celesti mi facevano quasi paura..
-“Fammi capire bene.. Lui ti giudica così?!”- lei annuì –“Che stronzo!!”-
-“Non è stronzo.. ha ragione..!!”-
-“Lottie, non è vero!!”- presi un respiro –“Non farti mai mettere i piedi in testa da               nessuno, ripeto, NESSUNO!! Se lui ti ama veramente, tornerà. Poi se ciò non avviene, non ti puoi fermare solo al primo ostacolo… ci sono tanti altri ragazzi che ti aspettano!!”-”

Wait… questo ragazzo ha deciso di troncare i rapporti con una perché vede che sta diventando come il fratello rapitore e stupratore? Wow, considerando che gli viene dato dello stronzo, potrebbe essere il Decklon di turno. Poi quel “tutti sanno”, tutti tranne gli adulti, immagino.
Purtroppo sparirà dalla storia. Addio, Decklon di turno, questa riga in cui ti hanno nominato è stata meravigliosa!

Il resto del discorso sarebbe anche passabile (se ci si sforza di ignorare il contesto), se non fosse per il fatto che Lottie è una femmina! Come mai lei ha il diritto di cercare altri maschi ma La Bionda no, eh?!

Andata al lavoro part-time in cui la pagano tutti i giorni ed è stata assunta senza dover presentare documento alcuno, Hope ritrova Harry come cliente, il quale la invita fuori. Lei decide di portare anche Louis, così faranno pace!

La coppietta va in pizzeria, e si vedono i segni di dominanza e manipolazione di Louis perfino nelle piccole cose: Cher può scendere dalla macchina solo dopo che lui apre la porta, ma è sempre e solo lui a decidere quando! Questa cosa non è cambiata dall’inizio. Se fosse un gesto occasionale sarebbe solo un’innocente presa in giro, ma se è un’abitudine cambia parecchio!

Evgenij: – Vorrei indignarmi per tutto ciò, ma tutte questi riferimenti a pizze e pizzerie mi stanno confondendo: quanto mi manca una buona pizza! È da febbraio che non torno in Italia! –

Sceso, Louis vede un ammasso di ricci… detto così sembra che davanti stiano passando un gruppo di porcospini, ma procediamo!

Grazie al talk-no-jutsu di Naruto, Cher riesce a far riconciliare i nemici giurati.

“E guardando quella scena, non potevo fare altro che ridere. Si, ridere. Quei due mi fissarono confusi. Quando mi ripresi, tirai un sospiro
-“ragazzi.. siete peggio di due bambini che litigano per il latte!! Insomma.. avete dei problemi, lo abbiamo capito. Tu lo detesti perché credeva che Fizzy fossi io e tu lo odi perché ti tratta male.. Dai però, tutto passa!! Possiamo smetterla e tornare amici?! Fare finta che tutto ciò non sia mai successo!?”-
Entrambi si fissarono per 5 minuti e risero..                poi tornarono a fissarmi.
-“forse hai ragione..insomma, quella che vali sei tu!!”- disse Harry-
-“Hei Styles.. abbassa la cresta!!               Lei è mia!!”- disse con tono serio ma divertito.”

Brava, ora applica lo stesso ragionamento alla Bionda, grazie! Come mai con lei non ti sforzi di tentare una riconciliazione, eh? Lo abbiamo capito tutti che Louis le deve aver fatto qualcosa di brutto!

In tipo dieci minuti i nemici giurati hanno fatto pace. Anzi, Harry era uno che disprezzava Louis perché era uno stupratore seriale. Ma è così simpatico appena lo conosci, suvvia, chi non ha mai fatto qualche errore? Dire una battuta che non fa ridere, stuprare una minorenne e traumatizzarla, stessa cosa!
Siamo di nuovo a casa…

“-“E così, la principessa fu salvata dal principe e vissero per sempre felici e contenti. Fine”- e vedere Louis raccontare la ninna nanna alle sorelline era qualcosa di indescrivibile.”

Io invece sto tremando. La sceneggiatura continua a cercare di farci passare un disturbato maniaco del controllo e stupratore per un dolce fratello che ha qualche problema che danneggia solo lui.

Ma, pur nelle cazzate generali, Louis si lascia scappare una frase intelligente…

“-“Ecco.. Ragazze dovete sapere che a volte, anche l’uomo più coraggioso ha paura..             paura di affrontare la realtà, le conseguenze..di affrontare tutto.             Però infondo, ritrova il suo coraggio …”-”

Bravo! Ora, perché non vai a costituirti? Dai, in questo contesto ti daranno sei mesi di carcere!

Unicorn-mermaid: – Stai scherzando? E poi come va avanti la storia d’ Ammmorreh tra i pazzi? –

Le piccine fraintendono, credendo che Louis abbia salvato Cher da una cattiva strada e che lei stia facendo lo stesso con lui. Tecnicamente l’ha rapita e stuprata.

Nel delirio, gli altri One Direction complici dei vari stupri delle comparse senza nome e senza valore svelano l’arcano: Louis si sta innamorando!

Mh, non sono così convinto che una persona come lui possa anche solo capire il concetto di amore… insomma, siamo in un contesto dove dar via la verginità è più grave che compiere degli stupri.
Arrivati al capitolo diciannove, sento una strana sensazione… ci sono tantissimi cliché, dannazione, qual era quello che mancava?

Ditelo voi! Chi ci azzecca vince il mio pupazzetto in versione pony!

“let’s go to London -”

Giusto, si va a Londra! Ma… non erano già a Londra? Di solito quando la storia è ambientata in Inghilterra (o almeno, credo che lo sia) si va a Los Angeles o a New York. Beh, dai, magari avremo una scena in cui Hope osserva il Big Bang.

Shade: – Se ricordi, a inizio fic Hope diceva che si trovava nei pressi di Doncaster, che è una cittadina in Inghilterra. Peccato che si trovi a centosettanta miglia (e a circa tre ore e mezza di macchina) da Londra.-

““Nulla è impossibile”-
E questa frase ancora risuonava nella mia mente..
Odiavo quando Zayn aveva quei suoi momenti filosofici o cose simili, dove tirava fuori ste frasi che ti costringevano a pensare.”

Louis odia essere costretto a pensare? La cosa non mi stupisce. Ma sarebbe questa la grande frase? Il commento che fa scattare in te una serie di dilemmi? “Nulla è impossibile?”

Unicorn-mermaid: – Dipende da che persona sei: per esempio, a me basta una frase semplice, tipo “Il panino è sopra il tavolo”, per farmi venire una crisi esistenziale. –

Louis torna ancora una volta a casa, trova le gemelline da sole e una di queste gli accenna che SG 3 è fuori con le amiche. Ho i brividi, considerando che, probabilmente, queste amiche sono o sono state potenziali vittime di un pazzo psicotico.
Andatosi a fare la doccia, Louis ci rivela che i suoi tatuaggi che non vengono mai via hanno tutti un significato.

Maui: – Amo i miei tatuaggi perché! Ti raccontano il meglio di me! –

Piccola parentesi: i tatuaggi fatti con ago non vengono mai via perché l’inchiostro ha attecchito in maniera indelebile alla pelle e, a meno che non ti scortichi, te li tieni tutta la vita. Fanno eccezione alcuni tatuaggi a stampo usati tempo fa dai bambini delle elementari (mattheus93 ne ricorda alcuni a tema “Shrek” trovati come regalo nelle confezioni di brioche del Mulino Bianco), che vengono via con un batuffolo di cotone imbevuto d’alcol.

La doccia è interrotta da Zayn, che telefona per dire a Louis che ha organizzato una partita a Londra. Dato che lì Louis ha una villa, potranno soggiornare lì…

Una villa.
A Londra.

Questo ragazzino ha pure una villa?! Come, quando, dove? E perché si è fatto minacciare dalla Bionda? Se ha così tanti soldi le sorelle le potrà comunque mantenere! Prova a vendere la megavillona!

Louis va a prendere Cher sul posto di lavoro, ma lei non lo riconosce subito.

“Indossava una maglia nera aderente, pantaloni neri e vans nere.
Mi dava un senso di ‘bad boy’… era inquietante.”

Inquietante perché si veste di nero, eh. Non perché stupra.

A tal proposito, i due fanno sesso consenziente, ma io ve lo riassumerò in “fuffa”.

Finalmente, Cher ci spiega anche come sono morti i suoi genitori.
Vi faccio il riassunto, anziché il copia incolla:

Madre:
era una bella festa di compleanno per la piccola Cher. Poi cinque tizi a caso, armati e incappucciati, hanno superato la siepe e si sono messi a diffondere il panico. Uno di questi le ha puntato un coltello contro e le ha detto “cose cattive” prima che il fratello Liam la salvasse; un altro ha ucciso la madre, accoltellandola, e dal suo sguardo di ghiaccio pareva divertito. Forse costui è in realtà un parente di Louis, che qui ha lo sguardo simile, o forse è un caso; da quel giorno Cher cominciò ad avere i suoi “momenti di sclero” (chiamati così, eh);

Padre:
Cher era in macchina con lui, ha avuto una visione dei cinque in strada, lei ha afferrato il volante, facendo sterzare bruscamente un uomo adulto che sapeva che lei soffriva di attacchi di panico. Lui è finito in coma ed è morto poche ore dopo, lei se l’è cavata.

Spero di avervi trasmesso il pathos! Sappiate che questi cinque misteriosi assalitori non verranno più nominati. Non sono mai stati identificati, non riappariranno mai, nulla.

Joel (bevendo altro caffè): – Beh, cosa vuoi che ti dica, anche un piccolo gesto, come ammazzare una comparsa senza nome che stava per fare qualcosa di totalmente inortodosso e scientificamente inaccurato, può avere gravi conseguenze. –

Ellie (respingendo gli infetti a suon di palle da golf): – E dammi una mano! –

Dopo tali eventi, Liam decise di portarla in manicomio, dove nessuno la curò, e non tornò a prenderla. Immagino che, dopo aver dato il recapito telefonico, abbia cambiato numero, facendo perdere le sue tracce.

In contraddizione con quanto detto inizialmente, cioè che Louis si era fatto un anno di arresti domiciliari per aver ucciso la madre, viene fuori che è finito in carcere…

“-“E’ li che mi sono fatto il primo tatuaggio.. un teschio, ma l’ho ripassato e c’ho disegnato sopra un cervo!!”- prese una pausa e sospirò –“Ti dirò, il carcere forse è la cosa migliore che mi sia capitata. Era divertente fare incazzare le guardie… avrò fatto almeno 3 risse al giorno con i detenuti… mi hanno mandato via per la disperazione!!”-
-“Quanto tempo sei stato?”-
-“Da un’anno, mi hanno trattenuto 5 mesi. Lottie e Fizzy pagarono metà della cauzione, così uscii”-”

Certo. Perché se questo ragazzetto si mette a fare le risse con pericolosi avanzi di galera, sono loro che le prendono. Tre risse al giorno? Ti raccolgono col cucchiaino. Poi ci presenta il carcere come se fosse un liceo. Immagino che qui i detenuti non siano sottoposti a nessuna violenza, neanche l’isolamento. Si vede che Louis è in realtà così badass che perfino la mafia ha paura di lui.

Il giudice ha poi deciso di lasciargli le bambine, perché “gli altri parenti non erano affidabili”. Lo sarà l’omicida, allora! Ma la nonna accennata una volta?

Evgenij: – Come le foto/gif che l’autrice ha messo alla fine di ogni capitolo. Non esiste. –

“-“Il suo passato…            il mio passato!!”- abbassai la voce sull’ultima frase. Gli unici a sapere del mio passato erano loro due e le mie sorelle. Non mi ero mai confidato con nessun’altro.. MAI!
-“Mi, ci stai dicendo che gli hai detto tutto??”- Chiese Zayn con gli occhi fuori dalle orbite
Io annuii semplicemente..
-“Wow, dev’essere davvero una ragazza speciale se non è ancora scappata da te!!”- concluse Zayn mordendo la pizza.
Lo fissai senza dargli risposta.
Aveva dannatamente ragione… Mi voltai verso il soggiorno ( visto che cucina e soggiorno erano divisa da una grande porta-specchio) e osservai il divano. Si poteva osservare lei mentre dormiva tranquillamente. Era così innocente.”

Talmente innocente che secondo lei stuprare e torturare sono gesti meno gravi dell’essere libertine. Così innocente che… basta, non mi ripeto. Questo è il solito, penoso tentativo di dare alla Hope la superiorità morale, quando è solo una stronza disturbata!
Lei non è scappata perché è pazza, nient’altro!

Si parla poi di un’imminente partita…

“-“Perché non è una partita ufficiale..“-
-“Intendi illegale??”- spalancai gli occhi. Alla mia reazione si mise a ridere e ritornò a fissare la partita
-“No no.. Zayn conosce i proprietari dello stadio e ha chiesto di fare questa partita!!”- mi fece segno di prendere la sua borsa –“Dentro c’è una busta di ghiaccio, prendimela”-”

Addirittura i proprietari dello stadio? Insomma, con tutti gli agganci che hanno, ci credo che continuano a farla franca.

Shade: – E questa cosa non può essere divertente. È una triste realtà che dei ragazzi coi soldi, di buona famiglia e con tante conoscenze facciano le peggiori sconcezze e poi ne escano puliti. Non è una cosa da ridere, e se davvero qualche autrice vuole scrivere di cose del genere, non può assolutamente permettersi di far passare personaggi del genere come positivi! –

Niall, infortunatosi durante la partita (grazie, comparsa generica che gli ha volutamente fatto male!), si ferma a parlare con lei.

“-“perché Louis non ha mai trattato così bene una ragazza a parte le sue sorelle.. Le ha sempre odiate, le ha sempre e solo sfruttate , si insomma per…”-
-“Per fare sesso.. o sfogare la sua rabbia!!”- abbassai lo sguardo e lui annuì”

E io continuo a cercare di capire cos’abbia di diverso Cher rispetto alle altre… vediamo… ah, sì: è pazza.

“-“ ma voi che siete i suoi migliori amici, perché non avete provato a cambiarlo..?”-
-“Perché… CAZZO PASSALA….Ehm, scusa.. noi ci abbiamo provato ma è stato inutile..”-
-“Non è vero che è inutile. Semplicemente voi non c’avete provato abbastanza!!”-
Rise.. ma perché rideva?! Non era una barzelletta!!
-“Cher.. non lo conosci ancora molto bene. E’ un ragazzo sfregiante, impulsivo, divertente e amante del calcio. Tutto quello che fa, lo fa         senza aiuti!! NON VUOLE MAI una mano!! Però nonostante tutto è un bravo ragazzo..”-”

Sono allibito. Questo delinquente, oltre che a ridere e scherzare con Louis, pur sapendo che è uno stupratore seriale, lo definisce un bravo ragazzo.

Queste cose le ha scritte una ragazza, porca miseria! Una ragazza sta scrivendo, per l’ennesima volta in questa storia, che compiere degli stupri non è una cosa grave!

Allora… è chiaro che non sa nulla dello stupro, ma… non ci pensa un attimo? Ha scritto che si prova comunque dolore fisico, come può vederlo come una cosetta da niente?

Unicorn-mermaid si butta la candeggina negli occhi.

Io da bambino, ovviamente, non sapevo molte cose. A sette anni, per me, la sberla era la massima forma di violenza concepibile nei confronti di un infante. Ma di certo non avrei mai considerato, ad esempio, un pestaggio come una cosa da poco. Perché qualche volta mi è capitato di sbucciarmi il ginocchio o farmi male!

Evgenij: – Sottoscrivo tutto, ma ci terrei anche a domandare cosa mai voglia dire “sfregiante”. È il participio presente del verbo sfregiare? Quindi Louis è uno che va in giro a sfregiare il prossimo? Avrebbe senso, ripensandoci… –

La fuffa prosegue, con Niall che sostiene che Cher ha cambiato Louis in meglio. Certo, come quando ha dato ripetutamente della troia alla Bionda…

Devo aprire un’altra parentesi: indubbiamente, al giorno d’oggi, molti bambini vengono a contatto con argomenti che non possono comprendere, come le ficcinare (a volte undicenni) che parlano di stupri e sesso. Ed è qui che dovrebbero entrare in ballo i genitori: quando, da bambino, io usavo parole di cui non conoscevo il significato, i miei familiari mi richiamavano. Bastava che le usassi anche solo una volta in loro presenza, e subito scattava il rimprovero. E guarda un po’, capivo senza bisogno di ceffoni. Inutile dire che così sono un po’ rimasto indietro con alcuni concetti, dato che alle elementari credevo che i profilattici fossero un tipo di latte e alle medie credevo che limonare volesse dire fare la limonata.

Unicorn-mermaid: – Almeno tu non hai creduto fino alla quinta elementare che i bambini li portasse la cicogna come me –

“In tutti questi giorni, non avevamo fatto altro che stare in villa, usare la piscina, divertirci … e in tutti questi giorni Louis, non aveva fatto altro che trattarmi bene, baciarmi o fare altro!!”

Ripeto: come diavolo fa ad avere una mega villa con piscina? Che lavoro facevano i suoi? Perché vivono nella casetta normale se hanno una mega villa? Perché non la vende, se proprio non sa che farsene?

Beh, in compenso Louis, finalmente, ci spiega perché l’ama.

“Lei… lei che aveva la capacità di ascoltare tutti i miei problemi senza ridermi in faccia, senza giudicarmi.. Lei che aveva la capacità di darmi consigli..lei che riusciva a farmi ridere per la sua innocenza e per le cazzate che faceva.”

1) Anche le altre ragazze che hai stuprato ti avrebbero ascoltato, se non le avessi traumatizzate.
2) Lei è rimasta ad ascoltarti solo perché non sapeva dove andare.
3) Chi mai riderebbe in faccia al proprio stupratore?
4) Quali consigli?
5) Innocenza? Se Cher è innocente, io sono bravo in tedesco.
E no, non proverò a scrivere quella frase di Attack on Titan che sbaglio sempre.

Shade: – Uh, un elenco numerato! –

Evgenij (con un rubino rosso attorno al collo e con delle vesti rosse): – R’hllor sia lodato! –

Uther Pendragon: – SORCERY! –

Per farla breve, è il classico ammasso di frasi fatte buttate alla cazzo di metalupo.

Finito il suo Monologo del Coglione, Louis va all’allenamento.

“-“Tomlinson, di nuovo in ritardo!!”- disse il mister scocciato
-“Non mi rompa i coglioni e continui l’allenamento ai più piccoli!!”- il tipo sbiancò e si rivoltò verso gli aspiranti giocatori. Tra poco avrebbe allenato noi ma ci voleva del tempo.”

Il tipo sbianca solo? Lo avrebbe dovuto cacciare a calci in culo. Meno male che Louis era migliorato.

Ma qualcuno suona al campanello di Cher…

“-“Tu che ci fai qui?!”- chiesi quasi disgustata
-“Tranquilla rossa, sono venuta in pace!!”- disse sorridente.

Era Emily!!”
Dai, trama, vai avanti che forse siamo a un buon momento!

Ma prima vediamo le recensioni…

“E poi Lou che si vuole dichiarare a Cher è dhenufnrudhdn.”

Il confronto tra la Bionda e la Rossa ha inizio. Rossa considera Bionda una con gli occhi “freddi e vuoti come la sua testa”. Intelligente sarai tu…

Dopo uno scambio di commenti, la Bionda annuncia la sua vittoria.

Oh, bene, parteggiavo per lei.

Tornato, Louis trova la sua casa circondata da macchine della polizia e vede Cher che sta venendo portava via a forza da medici e poliziotti. Louis si fa avanti e un poliziotto cerca di fermarlo.

“-“Non si azzardi a toccarmi o a toccarla.. potrei non essere consapevole delle mie azioni!”- e guardandomi, decise di lasciar perdere.”

Ma sì, dieci poliziotti in tenuta antisommossa nulla possono contro questo coglione. O meglio, brevemente lo contrastano, ma Cher è subito narcotizzata e subito messa in un’ambulanza che parte, seguita da tutte le volanti.

E la miseria, tipo dieci auto della polizia e decine di poliziotti per una ragazzina? Ma due domande? Ma chiedere cosa ci facesse lì? Fare domanda in tribunale? Insomma, qualcosa?!

Un poliziotto rimasto poi si congratula con Louis, visto che, secondo la versione di Emily, Cher si sarebbe accampata in casa sua e lo avrebbe minacciato. Ehm, una ragazzina disarmata che minaccia un ragazzone che è il doppio di lei senza che lui possa anche solo avvertire le autorità? Non dovrebbero portarlo in questura per testimoniare?

Shade: – Ma poi è pregiudicato! È stato in carcere! Addirittura è stato rilasciato perché esasperante. Non lo riconoscono e, anzi, credono a quella stronzata? –

Ma no, i poliziotti se ne vanno, che ci sono le ciambelle gratis e se non si sbrigano i colleghi le mangeranno tutte. Questi deficienti farebbero venire delle crisi di nervi a Matsuda.

Louis sfoga la sua collera sulla “troia”, aka La Bionda.

“-“No.. perchè tu rimani una puttana che si fa ogni giorno un ragazzo diverso, mentre io rimango un ragazzo che porterà nel cuore un fardello grandissimo perché per un periodo ha seguito una troia che gli ha fatto conoscere un mondo che non esisteva e quando ha conosciuto una ragazza che gli ha fatto conoscere il vero mondo, la troia glielo ha portato via!!”- lei indietreggiò di qualche passo, ma io le afferrai il polso e l’avvicinai a me. Le nostre fronti si toccavano.”

Un mondo che non esisteva? Cioè… ha fatto sesso con lui?

Qui tutti paiono essersi dimenticati degli stupri di Louis e del fatto che fosse il terrore del quartiere e dintorni…
Louis torna dentro e accende la tv, che, come al solito, parla della Rossa.

“-“E finalmente è stata catturata la pazza scappata qualche settimana fa dal manicomio.”-
E a quelle parole, mi diressi nuovamente in soggiorno..
-“ e dopo tanti sforzi, è stata ritrovata. Cher Payne, ragazza di 18 anni che presentava dei problemi al livello celebrale, si nascondeva nella casa di un povero ragazzo chiamato Louis Tomlinson. Salvato dalla sua migliore amica, Emily, figlia del famoso allenatore della squadra di Doncaster”-”

Dove sono i giornalisti quando servono? Perché non intervistano Louis?

Vorrei chiedere come mai dipingano questa ragazzetta come un mostro pericolosissimo, ma le diagnosi sbagliate possono essere una cosa terribile. Si sente, a volte, parlare di certificati o studi falsificati, di bambini obbligati a mentire, e così via. Io stesso ho avuto gravissimi problemi, visto che i medici da cui andavo avevano perfino ipotizzato che i miei incurabili disturbi, capaci di mandarli in crisi, fossero dovuti a dei danni al sistema nervoso. Poi, per conto mio, ho scoperto che ho qualche problema enzimatico. Eggià, chi mai avrebbe immaginato che una persona che rigetta, dopo dodici ore, del cibo non digerito, avesse delle carenze di enzimi digestivi?

E se non vi basta, un conoscente di mio padre è morto di tumore, dopo che il medico gli aveva più volte assicurato che fosse depressione, celebre jolly a cui dare la colpa.

Tutto questo per dirvi che le diagnosi sbagliate e la malasanità non sono argomenti su cui scherzare!

In questa storia Louis è stracolmo di soldi, potrebbe benissimo mobilitare fior d’avvocati e liberare Cher, portando anche la propria testimonianza, quella delle sorelle, degli amici, di tutti!

Vediamo che farà.

In primo luogo pensa di non poter far nulla (ma vaff…) poi pensa che lei era speciale e, in mezzo a un ammasso di libri (ricordate che a Cher piace leggere) trova una lettera…

“Grazie         per avermi salvata quel giorno…
Grazie         per esserti preso cura di me, nonostante tutto..
Grazie         per avermi fatto conoscere la VITA VERA..
Grazie         per tutte le emozioni che mi hai fatto provare…
Grazie         per ogni singolo momento passato insieme..
GRAZIE PER TUTTO!”

Credo che sia necessario un ripasso. Rivediamo cos’ha fatto Louis a Cher dopo averla salvata…

“-“Apri queste gambe!!”- io feci no con la testa, ormai in preda dalle lacrime –“Apri queste gambe,                        ORA!”- non risposi.. –“Apri queste fottuttissime gambe o te le aprirò io in un modo che non ti piacerà’!!”- sbottò
A quelle parole mi arresi. Ormai avevo subito di tutto e non avevo più forza per combattere.
Mi abbassò leggermente le mutandine e ciò lo fece anche con i suoi box.
In poco tempo, mi penetrò. Provai ad urlare ma lui mi mise una mano sulla bocca, soffocando il mio urlo, il mio lamento.
Il dolore era atroce.”

E ancora:

“Era ancora li, seduta sul letto che tremava. Sorrisi a quella scena.”

Unicorn-mermaid: – Un gentiluomo di prima categoria. E non dimentichiamoci che nella prima metà della storia ogni volta che Louis voleva fare sesso costringeva Cher a farlo, mentre lei cercava di opporsi, per non parlare del fatto che la chiamava troia ogni due per tre. Sì, proprio un salvatore. –

Segue fuffa. Mentre stupratore e vittima fanno i carinosi, viene dato un senso al titolo: Louis è il Rogue, ossia il ladro, perché ha rubato la verginità, l’amore e tutto il resto a Cher. Poi lei si domanda come mai Emily la odi tanto.

“Voglio solo capire perché?! Perché tutto questo odio nei miei confronti, tutto questo rancore… cosa le ho fatto? Perché ci ha divisi, io non le ho fatto niente!!”

Vediamo… vi copio un commento che ha fatto Cher ad Emily…

“Anche se fosse?? Ha un passato oscuro e allora?! Voglio dire.. lui non consoce tutto il mio passato, praticamente non sa niente di me!! Eppure è qui… Avrà fatto tante cose cattive e quindi? Si può rimediare.. a differenza tua, la verginità una volta che si è persa, non la si può più riavere in dietro!!”- sentii ridere Louis.”

Il delirio prosegue…

“Sai.. non te l’ho mai detto ma fin dall’inizio ho sempre creduto di provare qualcosa per te, fin dall’inizio ho sempre creduto che in te c’era del buono.. fin dall’inizio ho conosciuto il vero te.”

Cher…
TI
STAVA
STUPRANDO!

Superate le deliranti parole, Louis chiama a raccolta la Compagnia dei Coglioni e partono per salvare Cher.

“Puntai il piede sull’acceleratore e in pochi minuti arrivammo al manicomio.
Parcheggiai la macchina e scendemmo!
Era davvero un posto inquietante.. ora capivo tutta la malinconia di Cher. Se già dall’esterno trasmetteva questi sentimenti, non volevo immaginare all’interno.
Mi feci forza e entrai in quel posto orribile.
Ebbene, avevo ragione: Appena entrati, c’era una grande Hall dove al centro vi era un bancone con una tipa dietro. La stanza puzzava di calmanti, vecchio e c’era un’insolito odore di muffa… come se quel posto fosse stato dimenticato da tutti..”

Struttura fatiscente assai… alla segreteria trovano solo una dottoressa, che, dopo averli liquidati, va a visitare i pazienti. Ma una visita? Non c’è modo d’incontrarli?

Shade: – Mi segno l’indirizzo e lo passo a Cthulhu, appena può farà un salto… i dottori delle ficcyne gli piacciono tantissimo.-

Purtroppo, nonostante il capitolo s’intitoli “è un’addio?” con l’apostrofo, questo non lo è, visto che ci mancano ancora quindici, fuffosi, terrificanti, stucchevoli, capitoli!

Ellie (tentando di tenere la porta chiusa mentre un centinaio d’infetti sta cercando di entrare): – Posso solo immaginare il tuo sforzo! –

Joel (guardandola commosso mentre spacca un cranio con una pietra): – Sigh, come crescono in fretta! –

Shade: – … voi siete gente malata…-

A casa Louis è confortato da una delle sorelle, non mi ricordo se la 1 o la 3. Lui però è infastidito, che ne sa lei del dolore e dell’amore?

”Cosa poso saperne?!         Cosa posso saperne… si,giustamente in questa famiglia hai sofferto tu. E’ lo stesso dolore che ho provato quando mi hanno portato via mio padre, lo stesso di quando mi hai portato via mia madre.. e lo stesso dolore che provo ogni giorno perché devo nascondere ai miei amici e al mio ragazzo la tua vera identità!!         Ma forse hai ragione tu, cosa posso saperne io!!”

Oh, brava, Lottie (si chiama così) hai detto qualcosa d’intelligente!

E Louis capisce: ha bisogno del coraggio!

Per cui non è il momento di piangere, è giunta l’ora di passare all’azione!
Avvocati, soldi, testimoni vari, magari anche altri medici, tutti insieme, carica, a salvare Cher!

Qualcuno ci aveva creduto?

Beh, no. Louis non farà niente. C’è uno stacco di tre anni!

Al termine dei quali, Cher è data per guarita, è lasciata andare ed è raggiunta da Liam (non Niall, che pure io mi sono confuso) che, finalmente, entra nella storia e rivela di essere il fratello!

Sono sorpreso. Per una volta ha un ruolo! Dall’altra parte penso che i più gli avrebbero spaccato la faccia e urlato “brutto stronzo, sono qui da anni mi hai rovinato la vita ma non potevi fare qualcosa per aiutarmi?!”

Il fratello, con tutta calma, spiega che in quest’arco di tempo ha costruito la sua rete d’informatori (che è, Baelish? Ma che vuol dire?!), ha lavorato, è diventato ricco e si è ricomprato la casa abbandonata, quella che qualche capitolo fa era fatiscente, e l’ha ristrutturata. Come e dove abbia trovato il denaro non è dato saperlo.

Lui si scusa per averla abbandonata e non aver rispettato la promessa fatta ai genitori (proteggerla) e pace e bene.
Cher pensa ai tre anni in manicomio…

“Il mio braccio destro era ricoperto interamente da tatuaggi e in vari punti del mio corpo c’erano cicatrici; cicatrici che mi ricordavano le risse che ogni tanto avvenivano in quel postaccio, risse dove uscivo sempre vincitrice.
Sulle mie braccia c’erano ancora i buchi dovuti alle grandi siringhe che mi facevano ogni giorno per sedarmi..
In quella specie di prigione, ero diventata un mostro..
Ero così arrabbiata con il mondo, così nervosa per avermi strappato la felicità che ogni giorno, picchiavo una ragazza diversa.. Anche senza motivo.
Mi aiutava a rilassarmi.. era bello poter sentire il dolore della persona a cui stavi facendo del male. Amavo tirare pugni e calci, ma i miei preferiti erano i morsi.. Morsi che ti lasciavano lividi per settimane.
Non dico di esser diventata il boss della situazione ma tutte mi temevano e non avevo tanti amici li dentro.
Una cosa positiva è che mi hanno fatto passare gli attacchi di sclero e per questo ne ero molto grata.
Eppure, in cuor mio, sapevo che non era una bella cosa. Tutto quel male, tutte quelle ferite… Volevo semplicemente far provare agli altri quello che stavo provando io!!”

Risse? Ma l’autrice è davvero convinta che il manicomio sia una prigione dove soggetti aggressivi girano a piede libero? E poi come fa questa ragazzina fragile e senza addestramento a vincere nelle risse? Tutti i pazienti erano disabili e ragazzini o vecchietti indifesi, e se c’era qualcuno/a di grosso/a era pacifista?

Pensa anche a Louis, ma s’immagina che l’abbia dimenticata. Pensiero ragionevole, visto che non ha tentato nemmeno un reclamo e non è mai andato a trovarla.
Anzi, ha continuato a giocare a calcio e pochi giorni fa ha fatto vincere la partita alla sua squadra, di cui fa parte anche Liam… ma fare qualcosa per la sorella gli faceva schifo?

In un mare di fuffa c’è una citazione…

“in quel posto succedono cose che voi non potete nemmeno immaginare”

Ma se questo manicomio è così orribile non si può fare denuncia? Guardate che i malati psichiatrici non sono bestie da maltrattare! Ciò è illegale!

Sempre per sfogo, Cher si mette a fare… boxe. Scritto giusto.

Piton: – Ammirevole. –

Ben presto Cher incontra una delle SG, cresciuta, si riconoscono ma…

“Promettimi che non dirai niente a nessuno e che soprattutto non dirai niente a lui!!”

LUI, vorrai dire. Cher comunque vuole ricominciare da zero.

Il pov si sposta su Louis, che ci parla di Giorgia, “la sorellina del precedente padre”. Ehm, perché, quello attuale qual è, esattamente? Deduco che sia sua zia, ma in realtà è sua sorella, quindi… Beh, ci dice che lo aiuta in casa. Inoltre…

“Più che altro, si presenta i casa e bada alle mie sorelline e pulisce, visto che io, per mantenere la casa, lavoro giorno e notte, mi alleno ogni singolo minuto e vado in palestra a sfogare i miei nervi.”

Louis… leggi bene:
HAI-UNA-VILLONA-QUINDI-SEI-RICCO.

Ma durante gli allenamenti pensa ancora a Cher…

“Lei era diversa…
Lei era innocente…
Lei era indifesa…”

Monotonooooo… e due righe dopo averlo pensato, la vede, ma non la riconosce.

Viene poi invitato a una festa, a cui decide di andare per staccare un po’ la spina.

Badabim badabem, anche Cher è stata invitata da Lottie alla festa. E Lottie si dimostra una stronza, perché, dopo aver chiesto a Cher (che, ricordiamoci, è appena stata dimessa) di accompagnarla, cosa fa? La pianta in asso per andare dal moroso!

Oh, e io che credevo che l’avesse portata lì per farla svagare, per aiutarla a relazionarsi… i miei più sinceri complimenti!

Poi succede un casino.

Andiamo per fasi:
– qualcuno afferra Hope e la trascina in pista;
– questo qualcuno è Zayn;
– lei dice che nessuno deve vederla;
– per cui prende lo smart di Zayn e si autoinvia un messaggio;
– Zayn è confuso quanto noi;
– Cher fulmina Lottie con lo sguardo, accusandola di averla attirata lì per farle incontrare Louis e gli altri;
– scappa.

Scusate, ma… se vuoi passare inosservata, cosa vai a una festa?!

Dai… siamo al capitolo 29!

In cui scopro che la Hope di turno ha pure trovato lavoro… ma non ci sono dei corsi riabilitatori per questi poveretti?

Ah, che sciocco, è prassi che i manicomi siano dei simil lager fatiscenti! La cosa triste è che cose del genere sono successe e a volte accadono davvero, con malati psichitrici bisognosi di cure che vengono lasciati a se stessi per specularci sopra… ma qui è trattato come se fosse la normalità!

Riassumiamo cosa ci troviamo davanti nei capitoli:
– fuffa,
– Zayn si vede con Cher,
– fuffa e ripetizione di quanto già detto,
– Cher non vuole vedere Louis perché viene a sapere che si vede con una ragazza che in realtà è sua parente e quindi può stare tranquilla perché non è né un Lannister né un Targaryen,
– Cher e Louis s’incontrano, lui non la riconosce nonostante lei lo chiami per nome e gli dica di dimenticare il passato.

Poi Cher va a casa di Zayn per stare un po’ con lui… e lui la bacia!
“E sentii che la sua lingua chiedeva accesso nella mia bocca.”

Lei però concede l’accesso solo per cinque secondi, dato che Zayn avrebbe dovuto presentarlo in carta bollata e timbrata cinque volte.

Ma era una prova per testare la fedeltà a Louis.
E fuffa.
Santo cielo, ma non potevano concluderla prima? A che serve questo tira e molla?

La trama procede un pochino quando anche Louis arriva sul posto, dopo poco trova Cher, lei sviene, lui la porta via in braccio senza ascoltare le spiegazioni di Zayn. Perché, se un tuo devotissimo amico che per anni ha coperto i tuoi stupri ti dice “aspetta, posso spiegare!”, tu lo ignori.

Infatti, anche dopo essersi riconciliato con Cher (ma solo amicizia, per ora), Louis è infuriato, perché Harry (che odia di nuovo, a caso) e Zayn (migliore amico) sapevano che Cher era tornata, ma non gli hanno detto niente.

Ora, sapete come andrebbe se ci fosse un po’ di fiducia?

Louis: – Zayn, perché non me lo hai detto? –

Zayn: – Louis, mi dispiace! Cher mi ha chiesto di non farlo! –

Louis: – Ma… perché? Non capisco perché non ha voluto vedermi! –

Zayn: – Louis, avresti dovuto vederla! Era confusa, spaventata, aveva paura di non essere più la ragazza che amavi, paura di non reggere. Era appena uscita da quel luogo orribile e aveva bisogno di tempo per ritrovare il coraggio! –

FINE!
Perché se si ha un minimo di fiducia in qualcuno, lo si lascia parlare!

Intanto Cher mangia con Harry, che però deve andare via presto perché il suo capo (che purtroppo non è il mitico The Boss di “Hazard Hall”) lo convoca per un’importante riunione a Londra. E la miseria, ma che lavoro fa?

Poco dopo, lui e Cher fanno sesso, alla faccia di Louis, che, venuto a saperlo (oppure no, non è chiaro), s’incazza e promette di fargliela pagare nella partita di calcio che li attende.

Mh, ma ormai giocano in nazionale o quasi?

Purtroppo però Harry gli fa male di proposito, beccandosi un’espulsione.

Poco dopo, Louis e gli altri escono dallo stadio, arriva la “Rang rover” di Liam (tipica auto per gente che fa fatica ad arrivare a fine mese), Cher e Zayn si abbracciano davanti a un invidioso Louis.

Mh, quindi Cher se la fa con Zayn ed Harry a turno? Spero che abbia messo in chiaro che non sta giurando loro eterno amore…

Shade: – E ricordiamoci che lei è una Hope, quindi non è #troja.-

Dopo uno strato di fuffa che si taglia col coltello, i due piccioni s’incontrano e lei dice le cose come crede che stiano:

“Louis.. non possiamo tornare insieme per il semplice fatto che tutta la nostra relazione è cominciata per caso, è cominciata per un fottuto errore.. tu eri giovane, io ero ingenua.. tu volevi fare esperienze, io volevo fuggire dalla mia vita di merda!!”

Ma che risposta è?!

Unicorn-mermaid: – Una risposta come questa storia: stupida e senza senso. –

Secondo questo ragionamento allora le uniche relazioni approvabili sarebbero i matrimoni combinati!

Cosa c’è di male se due s’incontrano per caso, si piacciono, pensano di cominciare con un flirt e poi questo si trasforma in qualcosa di più profondo? Ma no, all’inizio volevamo flirtare, quindi, anche se è nata una profonda sintonia e dopo anni ci sentiamo ancora persi l’uno senza l’altra, non possiamo stare assieme!

Evgenij: – E poi, non è vero NIENTE! La loro relazione è nata quando Louis l’ha rapita e stuprata: caspita, bel fondamento, davvero! –

Ma Louis risponde con una frase intelligente!

“Niente.. semplicemente non mi hai ancora dato una valida motivazione.. Stai girando attorno sempre sullo stesso fatto!! Ammettilo.. non lo sai nemmeno tu!!”

Fuffa, si deduce che in realtà Louis non sa nulla del fatto che Cher ha fatto sesso con Harry e Zayn, riconciliazione. Ma in realtà no, e questo perché… perché no.

“l’idea che io ti abbia fatto soffrire mi distrugge, è per questo che ti sto chiedendo di andare avanti senza di me!”

Quindi la logica è:
– io ti ho fatto soffrire quando sono stata separata da te;
– per cui, per non farti soffrire, intendo separarmi da te.

Devo dire che da quando La Bionda è uscita da scena, la storia ha perso parecchio.

Leggiamo qualche recensione…

“Sto piangendo giuro :’)
Adcgsgjnkltdn *—* stupendo piango perché Lou e Cher si sono baciati dopo 3 lunghissimi anni e piango perché Cher ancor non capisce che Louis è tutto per lei!
Alla prossima”

Il capitolo dopo è “Lui” oppure “LUI”, è scritto in entrambi i modi.

In palestra, per sfogarsi, Cher (che fa boxe, ricordiamoci) prende a pugni il sacco senza guanti… fino a farsi sanguinare le mani! Il coach allora la ferma…

“Cher.. essere forti non significa picchiare un insulso sacco fino a sanguinare!!”-
-“forte significa essere resistenti, e io non sono resistente!!”- continuai a dire, mentre picchiavo ancora quel sacco, e gli occhi cominciarono a pizzicare, un po’ per il sudore e un po’ per il dolore
-“Non significa questo.. significa saper affrontare le brutte situazioni.. saper sorridere nei momenti dolorosi.. saper trovare la soluzione la dove vi è un ostacolo. Tu sei forte, non immagini quanto!!”- mi disse mettendosi di fronte al sacco per evitare che colpissi ancora.
Proprio quando stavo per sferrare un gancio destro, mi bloccai. Lo guardai negli occhi
-“levati!!”-
-“No!!”- disse lui convinto
-“Coach.. non lo ripeterò ancora una volta. Levati dal cazzo!!”- dissi dura.
Lui sospirò, si mise una mano tra i capelli e si levò
-“Così ti distruggerai!!”- disse ma io non gli diedi corda e continuai a picchiare.”

1) A parte quel “saper sorridere nei momenti dolorosi”, che va contestualizzato, la frase del coach ha senso, anche se in realtà Cher non ha mai mostrato particolare forza d’animo;

2) lei lo respinge in malo modo. Stanno cercando di mostrarci che una delle poche frasi sensate in realtà non ha senso?

3) il coach la lascia fare. Non ha paura di andare incontro a guai legali, immagino.

Shade: – Elenchi numerati… elenchi numerati…-

Segue altro incontro con Louis, che mette in chiaro le cose: se Cher non lo ama più, allora non ha più motivi per vivere. Le Sorelle Generiche contano poco, immagino.
Poi scappa, Cher crolla, iniziano la ricerche, e dopo ore lo ritrovano sul London Bridge, pronto a buttarsi, perché non ha senso vivere per stare vicino alle varie sorelle, tra cui almeno due che andranno tipo alle medie (sono ancora chiamate “le gemelline”).

Cher però lo salva, love love, ritrovano gli altri, lei sviene a caso e viene a sapere che Liam ha avuto un incidente. Sì, c’è anche lui nella storia, ma solo perché le lettrici hanno chiesto sue notizie. Ma tranquilli, una fascia e via.

Ellie: – Perché, non si fa così?-

Stacco temporale, tutti sono felici.

Siamo al finale: i capelli di Cher sono tornati normali perché non assume più un misterioso farmaco, e Louis la porta a vedere quello che s’intuisce essere il manicomio in cui era rinchiusa. Pare che sia stato abbandonato.

“Quel pavimento, le mattonelle sporche di sangue, distrutte…
L’intonaco del soffitto ormai sparito dopo anni di sofferenza.”

Ma che razza di posto era?!

“Lo afferrai per un braccio e lo tirai verso una lunga scalinata. E mentre salivo, ricordavo tutte le volte che avevo opposto resistenza.. preferivo rimanere li che finire nella mia camera. Ricordai quella volta in cui mi fecero cadere scale scale per intimorirmi.. Ma sbagliarono di grosso!       Quel giorno cambiai. Diventai più forte e crudele.
Ricordavo ancora le strade… era un posto così grande, assomigliava ad un labirinto!!
Forse conoscevamo meglio noi detenuti quel posto, che gli uomini vestiti di bianco.
Quante punture scampate, quante risse organizzate, quanti pianti..”

Ribadisco, era un lager!

“Le pareti erano completamente bianche ( se così si potevano ancora definire).        C’erano disegnate sopra brutte parole, disegni a cazzo.. C’era ancora il conto dei giorni che mancavano per andarmene da li, c’erano segni di graffi, i miei graffi per colpa di quei momenti di crisi.. e infine c’era il nome di       Louis.”

Salto temporale. Louis e Cher hanno figliato, e la figlia si chiama…
Abby.

Ellie e Joel: – ANCORA?! –

Shade: – Oh, fatevi una vita…-

Che è tanto pucciosa, a cinque anni “ha la parlantina di una di otto” (io scrivo in lettere ma nel testo è in numeri) ed è nata senza un rene, ma questo non la rende diversa!

Quindi è affetta da agenesia unilaterale.

Vediamo che dice Wikipedia…

“Anche l’agenesia unilaterale, come la forma bilaterale, può essere associata ad altre malformazioni (soprattutto dell’apparato genitale, del cuore e del tratto gastrointestinale) ma anche ad anomalie di sviluppo dell’altro rene, soprattutto a reflusso vescicoureterale. In generale, i bambini con un solo rene funzionante presentano un rischio maggiore rispetto alla popolazione generale di sviluppare una malattia renale cronica nel corso della vita. Questo è chiaramente più frequente nei soggetti con anomalie anatomiche dell’unico rene o delle vie urinarie, che aumentano il rischio di malattie intercorrenti (per esempio infezioni recidivanti delle vie urinarie dovute al reflusso vescicoureterale), ma in generale il sovraccarico funzionale del rene determina precocemente       ipertensione e/o albuminuria, riscontrate nel 32% di questi bambini già all’età di 9 anni e mezzo.”

Alla faccia! Tenetela sotto controllo, coppia d’imbecilli! Richiede anche una dieta specifica!

Ah, e la causa pare essere l’abuso di farmaci a cui hanno sottoposto Cher. Far denuncia non si può? Ah, già, è vero, mica sono ricchi, hanno solo una megavillona!

Non si sono però ancora sposati, lo faranno tra poco!

“-“Lo voglio!!”- dissi sicura di me, mentre stringevo le mani del mio futuro marito
-“E tu Louis, vuoi unirti nel sacro vincolo del matrimonio con Cher?!”- chiese il papa
-“Si, lo voglio!!”-”

Il papa? Il matrimonio lo celebra il papa in persona?!

Shade: – Gesù stavolta non c’è? –

Ok, forse l’autrice voleva dire “il prete” e ha fatto confusione.

E… frase fuffosa, fine!

Finalmente abbiamo finito!

Mamma mia, non immaginavo che gli ultimi dieci capitoli sarebbero stati così prolissi! Non è praticamente accaduto nulla di trash!

Che altro dire… trama ridicola, personaggi disturbati spacciati per povere vittime indifese, slut-shaming e apologia di stupro!

Questa storia sparirà in fretta da EFP!

Un abbraccio,
il vostro fanwriter91.

-Grazie mille per avermi fatto partecipare a questa recensione! Mi sono divertita molto! – disse Unicorn-mermaid, per poi prendere a braccetto Piton e insieme si diressero in bagno per andare al Ministero della Magia.

– E qui abbiamo finito. – concluse Ellie sgozzando l’ultimo infetto. I personaggi quindi tornarono a casa tutti contenti, lasciando fanwriter91 da solo a pagare il conto. Ma fanwriter91 aveva dimenticato il portafoglio a casa e promise che sarebbe tornato subito.
Dopo dieci ore era notte fonda e Kronk decise di chiudere il Bar. D’improvviso, il campanello suonò.
– Oh, fanwriter91! – disse Kronk andando incontro al cliente. I suoi occhi si riempirono di terrore: non era il recensore.
Uno sparo.
Kronk cadde a terra in un lago di sangue mentre una gelida risata risuonava attorno a lui. La mano, alla ricerca di appigli, urtò la foto del suo gruppo scout.
Con le sue ultime forze Kronk intinse le dita nel sangue e tracciò una scritta.
“Squiken squik squik squink squik”.
E morì.

PS (Aggiornamento del 25/07/2020): la storia è stata rimossa da suinogiallo! Vittoria! 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...