“Fuck Me, Daddy!” (Fuck you, Daddy!)

Ben trovati, lettori e lettrici che andate contro le Hope e i Bedboyz con il vostro buon senso.

Io sono lapersonaditurno, sono un’utente di Wattpad da circa tre anni e il mio hobby è quello di criticare tutto ciò che va contro la buona scrittura e il rispetto di certi argomenti, oltre al disegno. Non è stato facile decidere di entrare nel Corpo di Recensione, ma alla fine ho preso coraggio ed Evgenij mi ha proposto di iniziare con quello che leggerete: infatti, oggi la casa offre una ficcyna condita di trash meno grave rispetto ad alcune storie recensite in precedenza, ma comunque degna di nota, ovvero “Fuck me, daddy!”.

Insomma, la classica fanfiction che si può tranquillamente scambiare per un troll, ma stavolta non ci troviamo nell’universo dei ragazzi che vanno verso Una Direzione o di Giustino el Biebero, bensì ci spostiamo verso Oriente, precisamente in Corea del Sud. Ebbene sì, sto per parlare di una fyccina a tema K-Pop. O meglio, sui BTS.

https://www.wattpad.com/story/185405207

La fanfiction è di giorgiakpoparmy, che ci delizia nella descrizione con un “T/N: Please… fuck me, daddy!”

…bene (cioè, non bene).

Immagino abbiate capito che questa è una idolxreader narrata in seconda persona: questo significa non solo che chi legge sarà la Hope di turno, ma che la storia sarà pure raccontata dal suo punto di vista! Io per un rifiuto personale narrerò in terza persona, ma non perdiamo altro tempo e iniziamo!

La fanfiction si apre con T/N che già dalle 11:00 (perlomeno è scritto bene) si fa prendere dall’ansia e si prepara, per un Meravigliagico Evento che aspettava da tempo, quattro ore prima, come se fossero dieci minuti, per poi sbatterci in faccia delle fot…cose dell’autfit. E qui mi sono infastidita: se tu autrice mi dici che impiego quattro ore per farmi bella, abbi almeno la decenza di fare una qualche descrizione anche sommaria delle mie azioni e/o di eventuali motivi per cui io ci abbia messo così tanto, invece di mettere delle immagini per risparmiare tempo. E, a dirla tutta, quattro ore per un semplice completino con crop top a maniche lunghe e una gonnellina neri è esagerato.
Insomma, la protagonista alle quattro va al parco per il Meravigliagico Evento quando le arrivano dei messaggi:

Sconosciuto:
Ei [Ci sarebbero delle emoji, ma non ho intenzione di ricopiarle.]
Tu:
Chi sei?
Sconosciuto:
Il tuo Daddy piccola Babygirl
Tu:
Scusa? Chi ti ha dato il mio numero?
Sconosciuto:
O baby non c’è bisogno che ti scaldi. Sai non voglio subito levarmi lo sfizio di farti diventare un fuoco.

Innanzitutto da dove vengo io queste si chiamano molestie verbali, e sono considerate un reato qui in Italia, ma forse in Corea è comune ricevere messaggi del genere, però questo ha anche il numero di THope (la chiamerò così d’ora in poi): quindi non solo molestatore, ma anche stalker!
E la deficiente assoluta THope non è preoccupata del fatto che uno sconosciuto che ha il suo numero possa rintracciarla e voglia molestarla, ma ha solo “un po’ di timore”, e di conseguenza lo ignorerà altamente e non dirà a nessuno quello che le è appena successo.

Evgenij:- Io vorrei far notare come il primo riferimento al kink daddy sia stato inserito così, del tutto a caso! Certo, non è una sorpresa, considerato il titolo, ma, che ne so, arrivarci per gradi in modo sensato? Ma che sciocchezze sto dicendo, questa roba è un porno (spoiler per modo di dire), mica c’è tempo per approfondire o almeno presentare i personaggi!-

Comunque THope arriva al parco e si scopre che il Meravigliagico Evento per cui ha speso quattro ore della sua vita è un appuntamento con il ragazzo di cui è innamorata da due anni, e che non ha mai visto di persona (presupponendo che la storia sia ambientata a Seoul, dato che non dice nemmeno con chiarezza se siamo in Italia, in Corea del Sud o nel distretto di Shiganshina, ci sta che in una metropoli di quasi dieci milioni di abitanti non ci si veda facilmente come in un paesino in periferia, ma mi sembra un po’ strano che non si siano mai visti in due anni, nemmeno di sfuggit… giusto, motivi di trama.): si chiama Kim Taehyung, e più che un coreano sembra un tedesco (alto, capelli biondi e occhi azzurri).

Ora, nei commenti molti si lamentano di questo dettaglio, però vi garantisco che non è una scemenza: Kim Taehyung per un periodo ha effettivamente avuto i capelli biondi e gli occhi azzurri, ma era ovviamente una tinta e indossava le lenti a contatto; mentre qui lo si descrive come se fosse nato biondo con gli occhi azzurri, il che per un asiatico è geneticamente impossibile.

Ad ogni modo, nemmeno due secondi che il ragazzo già le salta addosso baciandola, senza preoccuparsi minimamente se lei abbia herpes o altro.

Evgenij:- Magari si saranno già scambiati informazioni sullo stato di salute reciproco nei due anni di contatto virtuale.-

Lapersonaditurno:- Probabile, visto il modo con cui Tae si è approcciato a lei.-

Segue della fuffa, e lo stalker si fa nuovamente vivo; non vi riporto il dialogo ma vi dico che abbiamo già il primo segno di possessività, come se THope fosse un soprammobile.

Un Christian Grey coreano direi.

Seriamente, nessuna donna con del sale in zucca si farebbe dire queste cose come “Non lo sai che sei solo MIA?”, soprattutto da un maniaco capace di fare qualsiasi cosa con il tuo numero! E cosa fa ovviamente THope? Chiede aiuto a Tae, e insieme vanno a cercare una centrale di polizia a denunc…ah no, gli risponde a tono. Non sono sorpresa, ormai si sa che le Hope hanno un solo neurone che gioca a morra cinese da solo.

Si scopre che lo stalker è Jeon Jungkook, che si trova nei panni del playboy schifoso che si porta a letto “cani e porci giusto per infilare il membro da qualche parte”, a detta di THope, la quale puntualmente lo odia perché ha ferito le sue amiche. Spoiler: verrà perdonato tra due capitoli.

Evgenij:- So che è solo un modo di dire, ma per un momento ho temuto veramente in un risvolto zoofilo.-

Ma almeno Tae si preoccupa per lei, anche se THope si rifiuta di farsi aiutare.
Scema, e se avesse i genitori poliziotti? Diglielo maledizione!

Mi sento in dovere di dire che ci sono commenti altamente disturbanti, che non menzionerò soprattutto per non creare problemi, ma ve li riassumerò con un “fai di me tutto ciò che vuoi” rivolto allo stalker. Io provo seriamente pena per le celebrità che vengono messe in cattiva luce nelle fanfiction, quando nella realtà sono dei pezzi di pane, e scommetto che se leggessero queste storie sprofonderebbero nella vergogna.

E fine del primo capitolo. Me ne mancano altri nove.

Il secondo capitolo inizia con THope e Taehyung che escono da una gelateria, inizia a piovere e vanno a casa di lui. E da qui signori, il trash del trash: infatti, appena entra in casa, Tae la blocca al muro e le bacia il collo e… le chiede di diventare la sua ragazza! Ma ti tiro un ceffone e ti denuncio per molestie piuttosto!

Però siamo in una ficcyna e i no non esistono, quindi THope accetta e fanno sesso, per di più senza preservativo ma, hey! Nelle ficcyne non esistono le malattie veneree e gravidanze indesiderate, quindi tutto ok!

Ripeto, questo è il secondo capitolo. E verso la fine si ripresenta Jeon, che ormai la stalkera a tutti gli effetti, tramite una chiamata telefonica, e lei gli risponde a tono. Di nuovo.
DEFICIENTE, DENUNCIALO! STA COMMETTENDO UN REATO! STA VIOLANDO LA TUA PRIVACY! COME FAI AD ESSERE COSÌ SCEMA?! Io ringrazio che ho come sottofondo musicale Confortably numb, altrimenti avrei perso la testa.

Terzo capitolo. Fuffa mattutina, foto dell’autfit che viola il dress code scolastico, THope scende a farsi un toast e sente qualcuno cingerle i fianchi, e costui si rivela essere Jungkook. Questo ragazzo ha tutte le carte in regola per essere sbattuto al fresco e nessuno fa nulla, e io ho iniziato a strappare alcuni miei disegni dal nervosismo. Ma poi… vi prego leggete voi:

Tae:Si! Jungkook vattene. Mi hai rotto con le tue da playboy per rovinarmi la vita.
Jk:MAI! DOPO QUELLO CHE MI HAI FATTO!
[…]
Tae:È successo due anni fa.
Jk: Ma io la amavo ok? E tu me la hai portata via per poi abbandonarla al suo destino.
[…]
Tae: è morta perché ormai non si poteva più fare niente. Ormai ne abusava e si stava facendo del male da sola. Io gli sono stato vicino ma non ho potuto più sapendo che ormai era arrivato il momento
Jk:tu non gli sei stato vicino. Non sarebbe morta se gli saresti [NO.] stato vicino! SEI UN LURIDO BASTARDO! HAI LASCIATO MORIRE L’UNICA PERSONA A CUI TENEVO VERAMENTE! PERCHE’?
Ora stava piangendo e tu a quella vista potevi solo andare lì e abbracciarlo. Non c’è la facevi. […]
Aveva paura di rinnamorarsi. Ti dispiaceva per lui e anche per Tae. Aveva sofferto tanto.

Che delirio. CHE DELIRIO. A parte l’italiano andato a farsi fottere e lo stalker maniaco che commette l’ennesimo reato, cioè la violazione di domicilio, ma qui abbiamo l’ennesima tematica trattata ad mentula canis, nemmeno nominata esplicitamente, ma è probabilmente la dipendenza da droghe, causa della quale sarebbe morta una ragazza amata da Jungkook, il tutto per dare un passato traGGGGGGico al Bedboy.
Ah, e ovviamente ci viene data la dimostrazione dell’assoluta scemenza di THope! Fa la crocerossina con un ragazzo che per non innamorarsi stalkera la gente e se la porta a letto per poi sparire con qualcun altro! Mi disgustano tutti e tre sinceramente, perché dal testo si evince che nemmeno Tae si sia impegnato più di tanto per aiutarla questa fantomatica ex di Jungkook di cui non si era mai parlato prima.

Passiamo al quarto capitolo, che è praticamente tutto fuffa. Jungkook non si fa sentire da giorni e la cretina si preoccupa, finché non riceve un messaggio da questo che le dice di raggiungerlo in piazza. Se solo sapessimo dove sia ambientata, sapremmo se si tratta di Gwanghwanum Square o una piazzetta di paese, ma sono informazioni superflue queste, come no. Scoperta del secolo: THope, che si è lasciata con Tae, piace allo stalker, ma questa dice che non ha intenzione di mettersi con lui e se ne va.

Avrei festeggiato se non fosse stato per questo pezzo, dopo uno skip time che era meglio evitare:

“jk:pronto…
Tu:ei Kookie voglio vederti ora!
Jk:Kookie?
Tu:si Kookie. Ti prego!
Jk.ora non poss…
Tu: ti prego DADDY!
Jk:(sospiro) ok…arrivo tra una decina di minuti.

L’amore, quale sentimento complesso!

Evgenij:- E soprattutto, riecco tornare i riferimenti ai daddy del tutto a caso! Evviva!-

Il capitolo cinque ci regala un incipit che potrebbe essere considerato un capolavoro letterario: “visto che avevi dieci minuti per prepararti cominci a vestirti da una sorta di BABYGIRL”, con allegata una f…una descrizione su immagine dell’abbigliamento.

Evgenij:– Immagine (inesistente) decisamente più consona a siti per onanisti che a una piattaforma di scrittura creativa.-

Vabbè, arriva Jungkook, fuffa su quanto lei lo ama, guardano Cinquanta Sfumature di Morte Rossa, dopo un dialogo surreale:

“Tu:Dark fantasy o horror?
Jk:Dark fantasy…
Tu:50 sfumature di rosso o amico di letto?
Jk:50 sfumature.
Tu:okey”

Evgenij:– Adesso le Cinquanta Sfumature di Abominio e Squallore sarebbero un dark fantasy?!?-

Lapersonaditurno:-A quanto pare…-

In ogni caso, durante il film Jungkook comincia a massaggiarsi l’augello, una cosa tira l’altra e abbiamo una nuova scena di sesso. Su dieci capitoli tre sono solo questo, gli altri sette sono insensatezze. Io ve l’ho detto che non c’è nemmeno un po’ di storia in questo cringe.

Evgenij:- E a proposito di cringe e trash, non mancano battute del calibro di “come sei stretta”. Tutto ciò dimostra la necessità di una corretta educazione sessuale (no, gli Hentai e PornHub non vanno bene): se la vagina è stretta, significa che la donna non è ancora pronta alla penetrazione e quindi potrebbe soffrirne!-

Nel sesto capitolo abbiamo una serie di frasi che mi hanno mandato in pappa il cervello dalla disperazione:

“Pov T/n […] Cominci a ridere. È rimasto sempre lo stesso pervertito.”

“Pov Jungkook […] Essere un assassino non è facile soprattutto se devi mantenere una relazione.”

Farò un breve elenco numerato, vi giuro:
1) Ma cosa ridi?! Essere un pervertito non è una cosa divertente! Allontanati da lui!
2) Stalker, molestatore e anche assassino? Ripeto, provo parecchia pena per le celebrità messe in cattiva luce da queste fanfiction, e dalle fan stesse, poi è normale che dicono che noi armys (è il nome dato dai BTS ai propri fan) siamo dei/delle pazzi/e scatenati/e!
3) Queste cose vengono trattate come se parlassero di qualcuno che gioca a ping pong! Ma poi perché Jungkook è diventato assassino? Avrà avuto anche lui un Genitore Abusivo Senza Spessore? Sarà stato coinvolto? Vendetta? Non lo sapremo mai, e l’essere assassino non verrà nominato mai più.

Tornando alla storia, Jungkook torna a casa e trova THope di nuovo vestita con…non molto sobriamente direi (e il tutto viene mostrato in una foto un po’ ai limiti del regolamento) e via con una terza breve scena di sesso, che termina con costei che vuole il secondo round. Ma scusa, prima dici che quando ti ha penetrato hai urlato dal dolore (lo ha detto davvero) e ora vuoi il secondo round? Il pube femminile non è una cosa con cui si gioca!

Settimo capitolo. Dopo un po’ di fuffa arriva una proposta cringe in inglese di matrimonio.
Nella storia ci viene detto che è da un mese che stanno insieme, UN MESE. Spiegatemi come puoi sposare una persona con cui stai da un mese: per arrivare al matrimonio ci vogliono diversi anni di convivenza, per conoscere di più il proprio partner, dato che si stipulerà un accordo con il quale si verrà uniti a un’altra persona per tutta la vita (senza poi menzionare il fatto che per i credenti cristiani e di altre religioni, si tratta pure di un sacramento). Insomma, non è qualcosa da prendere alla leggera.

Comunque, del tutto a caso si scopre che Taehyung è in fin di vita nell’ospedale di Busan (ma allora questa storia era ambientata in un posto preciso!) e i nostri due eroi di ‘sta ceppa lo raggiungono, segue fuffa sul fatto che lei non riesce a vedere Tae in quel modo, va da una dottoressa di cognome Park e ci viene spiegato cosa gli è capitato: trauma cranico dopo essere caduto dalla vasca da bagno, ma non ha perso la memoria. È vero, un trauma cranico può mandarti in coma e questa può essere una lesione chiusa alla testa, anche se si può perdere coscienza momentaneamente visto che il cervello controlla funzioni come la memoria, ma come facciamo a sapere effettivamente che si tratta di un trauma cranico? Dato che presenta sintomi, quali saranno stati? Che tipo di trauma era? Ma soprattutto, perché l’autrice non ha specificato che ha sbattuto violentemente la testa? Dalla vasca sarebbe potuto pure cadere di schiena.

Andiamo al capitolo otto. Forza, ce ne mancano altri due!
Taehyung è in coma da settimane e THope va a fargli visita, ma trova una ragazza di nome Yura che si scopre essere la fidanzata di Tae. Tutto normale, ma poi:

  1. Yura afferma di essere incinta,
  2. THope va a vomitare e si fa chiamare un dottore da Jungkook,
  3. viene portata nel reparto ginecologia per dei controlli,
  4. si ricorda che qualche giorno prima hanno fatto sesso senza protezioni,
  5. maledice Jungkook,
  6. si scopre che è incinta,
  7. THope è felicissima.

Ebbene in questa ficcyna, se vomiti sei automaticamente incinta. Sia mai che si tratti di un virus intestinale o qualche altra cosa. Scherzi a parte, questa è la Fiera dell’Assurdo, e l’unica cosa coerente è la gravidanza indesiderata, ma THope è felice alla fine, quindi tutti felici e contenti no? Come no. Dopo cinque mesi Taehyung si risveglia e Yura e THope lo vanno a trovare, e vedono Taehyung che… sta andando in bagno? Non ci viene detto, ma credo sia su una sedia a rotelle, dato uno che si è appena svegliato dal coma non può riacquistare subito la capacità di muovere gli arti. Comunque, altro dialogo fuffettoso e passiamo al capitolo nove, che è cortissimo. In pratica Yura e THope escono dall’ospedale di Busan e vanno a Seoul per fare l’ecografia per sapere se le aspetta un fiocco azzurro o un fiocco rosa. Aprendo una piccola parentesi, ci tengo a farvi sapere che da Busan a Seoul in auto ci vogliono circa 389.5km, poco più di quattro ore; secondo voi è utile spendere quattro ore per fare un’ecografia quando hai un ospedale nella tua città?Comunque THope sviene e…

“Voglio lasciarvi un po’ sulle pine

I PURPLE U”

Il capitolo successivo è semplicemente un “dovrei continuare la storia?” da parte dell’autrice.

Io direi di no, ma si deve finire ciò che si è iniziato, quindi passiamo all’ultimo capitolo della storia.

Tre parole: what the fuck?

Lei si sveglia con un cerotto sulla pancia (che cavolo?!), per via di un parto cesario e fa chiamare Jungkook. Fuffa e si ha uno stacco di dodici anni dopo, quando THope ha una malattia e Jungkook è morto; la figlia le dice che probabilmente le piace un certo Jimin, e la madre dice che lui ricambia e di usare i preservativi…
Ad una ragazzina di dodici anni…

E poi THope ha un infarto. Fine.

No sul serio, la storia finisce così.
E ha un sequel. Di cinque capitoli. Che sono trash alla stessa maniera.

https://www.wattpad.com/story/188847411-love-me-oppa

Per quanto riguarda il sequel, non c’è molto da dire: si chiama “Love me, Oppa!”, sono cinque capitoli (per ora), in questi succede tutto in fretta, troppo in fretta. Anche in questa “storia” troviamo atti espliciti, ma con la differenza che i protagonisti (la figlia di THope, Sonia, e il cugino acquisito, Jimin), hanno quindici anni e non diciannove come in “Fuck me, Daddy!”. Avrei da obiettare anche sul fatto che tecnicamente i due sono parenti, non diretti, ma in Corea l’incesto è considerato legale, quindi si possono considerare due opzioni: o l’autrice si è informata dei rapporti tra parenti nell’estremo Oriente, o è stata fortuna. Oltre a ciò, nel sequel troviamo situazioni più confusionarie e più assurde della prima fanfiction, come ad esempio quando un amico di Jimin, dopo essere stato preso a pugni brutalmente da quest’ultimo per aver baciato Sonia, in seguito si rialza e se ne va normalmente. Tranquilli, si è reso conto della cavolata fatta e si è fatto chiamare l’ambulanza, tant’è che come è apparso, è scomparso.
Jimin è melodrammatico, poiché tende ad ingigantire ogni minima cosa (per esempio, quando Sonia parla con un ragazzo in un modo del tutto normale, il nostro cuginetto preferito si incavola dicendo che lei ci provava con il ragazzo misterioso) ed è possessivo (parlando del bacio di prima, capisco la rabbia nei confronti dell’amico, ma arrivare alle mani!); mentre Sonia tende ad avere sbalzi d’umore ed è stupida come la madre, ma si sa: se sei figlia di una Hope, non ti aspettare di avere un Q.I. a due cifre.

La fic è ancora incompleta e l’ultimo aggiornamento risale al 17 novembre del 2019; magari l’autrice si è resa conto che non valeva la pena continuare la storia, ma io non canterei subito vittoria. Detto questo, io vi saluto.

Con sconcerto e disapprovazione,

lapersonaditurno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...