“Hurricane” (Un uragano… di cazzate!)

Fanwriter91 sospirò: da tanto tempo aveva perso l’ispirazione creativa, forse perché aveva preferito prendersi un periodo di pausa per crescere come persona.
Era intento a leggere Lavorare con intelligenza emotiva quando uno scoppio gli fece tremare la stanza. Sospirò ancora: erano giorni che un popolo simil-rettiloide, che si faceva chiamare la Razza, aveva invaso Fanficcinopoli. Anziché prendersi un alloggio, come facevano tutti (dovete sapere che l’albergo di Fanficcinopoli ha stanze infinite e, benché sia già pieno, grazie a paradossali proprietà dell’infinito può comunque ospitare ancora un numero infinito di ospiti) avevano cercato di conquistarla e continuavano ad azzuffarsi coi soldati della Nazione del Fuoco. Ok, era divertente vedere dei dominatori del fuoco che lottavano in trincea contro dei carri armati rettiliani mentre dei draghi si azzuffavano con jet ed elicotteri, ma facevano sempre casino. L’unico lato positivo era che le vendite di zenzero, molto gradito ai rettili, erano aumentate.

Lanciata una lampada dalla Finestra (così, per sfizio), fanwriter91 si mise al PC. Erano anni che non recensiva e forse era arrivato il momento di chiudere la carriera di recensore, limitandosi a qualche intervento e supervisione.
Però non poteva mica andarsene di botto.
Sfogliò annoiato le ficcine più popolari sotto tag che, se citati, sarebbero stati sufficienti a far cancellare la raccolta, chiudere l’account Wattpad di Evgenij e arrestare tutto lo staff.

Dopo giorni di tentativi, trovò quel che cercava. Magari qualche altro recensore esterno al gruppo l’aveva recensita, ma la storia era ancora lì, pronta a essere demolita e cancellata.

La storia s’intitola “Hurricane”: purtroppo non è dedicata al comandante Hurricane dei pony e nemmeno a Hurricane Polymar (battuta che solo un vegliardo come me può capire), e non è un retelling dell’omonimo film di denuncia anti-razziale starring Denzel Washington.

Siamo invece dinnanzi a un concentrato di trash degno degli esordi! “Afraid of you“, levati, questa ti surclassa!

https://www.wattpad.com/487804085-hurricane-wellcom-to-my-hell

Direi che sia il caso di iniziare proprio dalla prima frase dell’introduzione:

“–Mi chiamo Luz Bennett,  è divertente che i miei genitori mi abbiano chiamato Luz (Luce) quando in realtà io sono l’oscurità in questo paese  .”

Questa Hope si presenta subito come una bad girl: la luce che in realtà è l’ombra (riferimenti a
una certa fic abominevole del tutto voluti).
Ma sarà davvero più malvagia di Kelsey?

Zuko (entrando dalla finestra dopo aver fatto precipitare un elicottero rettiliano): – Azula è migliore di Kelsey! –

The Someone (stranamente obeso, rotolando in casa di fanwriter91): – Spero solo che nessuno la confonda con l’adorabile Lontra con il Lato Oscuro… –

Jigokuko: – Argh, una riga e mezza e già sembra un’OC uscita dai meandri più oscuri di Deviantart…-

Evgenij:- Fermi tutti! La Hope di turno si chiama Luz, ovvero Luce, ovvero Light? Questa Hope ha osato usurpare il nome del Kami?!-

Venendo alla storia vera e propria, cominciamo proprio male: il primo capitolo si intitola “Wellcom to my hell”.

Shade Owl (rievocando flashback degni di un reduce del Vietnam causati da una quasi omonima fyccina di Bieber23): – AAAAAARGH!-

The Someone: – Sarà welcome, semmai! –

Evgenij:- Come ho detto giusto un paio di volte negli anni, se non si conosce una lingua, non è il caso di usarla. O almeno, in questo caso specifico, si può aprire Google Translate.-

fanwriter91 (canticchiando): – Welcome to hell, this Hazbin Hotel, you’ve got big dreams, well, I got some news for you Charlie… –

La nostra bad girl è a scuola. Fin da subito ci dice chiaramente che non le importa niente di quel posto e che odia la capo cheerleader, ma non perché ha qualcosa contro il suo gruppo, no no, ma perché la capo cheerleader di turno è una stronza che ferisce la gente per il gusto di farlo.
Salutate le cheerleader: non verranno mai più nominate.

Evgenij:- Meglio per loro e per noi: verrà evitato un bel po’ di slut-shaming.-

Chiarito questo, Hope, cioè, Luz, ci rivela la sua moderata ambizione: diventare capo della mafia americana.
Sì, vuole diventare la madrina di TUTTA la mafia di un intero continente!

Biondo con Riccioli sulla Fronte e Gioielli a Coccinelle: – Io, Giorno Giovanna, ho un sogno.-

Questo non lo avevo mai visto! Al massimo si poteva essere il capo della banda più potente, ma il dominio assoluto non era stato mai sfiorato!

Azula (entrando anche lei dopo aver sfondato la parete): – True power, the divine right to rule, is something you’re born with! –

Zuko (sorridendo): – Esattamente, il diritto divino come funziona, quando ti incatenano? –
(I due cominciano a darsele di santa ragione, lanciano oggetti fuori dalla finestra e sfondano porte e pareti, mentre fanwriter91 sospira, pensando a quanto sarebbe stato bello avere una sorella minore.)

Shade Owl (pensando a Ellie e Abby): – Strano, improvvisamente mi sento quasi a casa…-

(Il Passante si riteneva fortunato ad aver schivato la lampada lanciata prima da fanwriter91; purtroppo, per la serie “bisogna che tutti cambi perché nulla cambi”, gli precipitò sulla noce di capocollo uno Scaldabagno ad Altissima Tecnologia tirato da Azula.)

“Sono stata rapita quando avevo 10 anni insieme a mia madre, mio padre e mia sorella Lola, da Marco Rossi il capo dei The King. Dopo 2 anni che ci avevano rapito hanno ucciso mio padre davanti ai miei occhi perché aveva picchiato un uomo che cercava di stuprare mia madre. Bella merda vero? Beh non è tutto…”

Wow, non perde tempo! Sentite anche voi la freschezza del trashume? Le assurdità, la violenza infilata a caso?

Lapersonaditurno: – Il trashume si percepiva già dal titolo, ma il nome della gang mafiosa aggiunge un tocco in più! Stiamo parlando della mafia americana o di una band di liceali che suona nel garage di papà? –

Evgenij:- A parte il nome ridicolo, ma solo io non riesco a prendere sul serio un malvagio criminale che si chiama Marco Rossi? Per carità, la banalità del male è una questione interessante, ma vi vorrei ricordare che il nome della banda è “The King” (al singolare, peraltro). L’accostamento è esilarante. –

Due righe dopo Hope ci narra che a 12 anni l’hanno stuprata.

Shade Owl: – Giusto, non facciamoci mancare niente!-

“Anche se il figlio di Marco mi ha stuprata tantissime volte, non ho pianto, non mi sono ribellata. Non ho fatto niente. Da allora mi hanno presa come parte della famiglia.”

(Zuko e Azula si fermano prima di colpirsi nei punti vitali, gli eserciti si fermano e la realtà stessa si ferma. Perfino le particelle subatomiche non possono accettare una tale atroce assurdità.)

Fatemi capire… a parte che parlare di stupri è qualcosa che puoi fare solo se hai certe competenze, ma questi criminali prima l’hanno stuprata, e, dato che non si è ribellata, l’hanno promossa a complice? Sto leggendo che la fanno partecipare agli affari, le insegnano a sparare… ma perché?! Qual è il collegamento tra le due cose?!

The Someone (smettendo di ingozzarsi di Nachos Virtual della San Carlo): – … ma come FUNZIONA? –

Jigokuko: – Cos’è, gli stupri erano un allenamento per temprarle corpo e spirito? Tipo meditare sotto una cascata? –

Ci viene poi detto che lei è “così forte da sopportare tutto”.

No. Per favore, no. Non piangere non è sinonimo di forza, è sinonimo di aver paura di esternare il dolore. Una vittima di stupro che non si ribella può anche essere così sconvolta da non potersi più muovere, perché la grande paura che ti paralizza ti spinge a cercare rifugio dentro di te, è la paralisi dettata dal terrore.

In ogni caso, bisogna fare un applauso all’intelligenza di questi criminali: insegnare a uccidere alla persona che hai torturato è davvero una genialata.
Ma immagino che abbiano fatto male i calcoli: lei vuole la vendetta più di quanto li tema!

Azula (con gli occhiali e sfogliando i libri di matematica di Evgenij): – La mia presenza qui è solo un pretesto per inserire meme, vero? – (Li brucia.)

In realtà tutto faceva parte del piano di Aizen, volevo dire Erwin, volevo dire di Luz! Perché lei per anni ha finto di collaborare, e dopo sei anni di prigionia ha ingannato i più pericolosi boss della mala ed è fuggita con sua madre, mentre la sorella “non c’era”.

Li ha battuti al loro stesso gioco! (fanwriter91 si gira verso Azula.)

Azula (alzando gli occhi al cielo, perché il soffitto è stato scoperchiato): – Non sono mai stati dei giocatori. – (I soldati fuori alzano con gioia le braccia perché non vedevano l’ora di sentire la battuta.)

Luz ci dice che ha lasciato la madre con Andrea, il suo migliore amico, di cui i super boss non sanno nulla, e ha poi ha creato la sua gang.

Immagino che abbia messo l’annuncio su Internet: cercasi scagnozzi generici, nessuna esperienza o competenza richiesta. No perditempo. No assassini di debitori insolventi. No Chaz.

Ma qualcosa è andato storto.

Cosa sarà mai accaduto?
Qualche sicario l’avrà scoperta?
La polizia ha scoperto i documenti falsi?

No. Sua madre, madre che, ripeto, è stata rapita e stuprata, e a cui la figlia avrà raccomandato di stare nascosta… l’ha iscritta a scuola.

Così. A caso.

Shade Owl: – Okay, voglio una parete…-

Jigokuko: – Non è a caso: l’unico ambiente che le autrici possano mai conoscere decentemente è una scuola, quindi è più facile e non serve impegno per ambientarci le storie (anche se in questo caso è solo stupido!!). E poi se non ci sono intrighi scolastici random non è una ficcina. –

Il capitolo dopo consiste in un mare di foto.

Zuko:- …-

Azula:- …-

fanwriter91: – Dov’è Evgenij? –

Shade Owl: – Ha detto che usciva un momento.-



Evgenij (su una montagna, in equilibrio, intento a meditare): – Senti che pace, senti che armonia. Anche quel tizio che parlava tanto di un certo Guru Laghima era interessante! –



Tra le foto, c’è Liam che si mette in una posa che pare ricalcare quella di Bruce Lee… figo.

Grazie al salto temporale ci evitiamo la scuola e Luz torna a casa, onde incontrare i membri della sua gang… gli One Direction!

Sì, qui Hope è il boss!

Dato che Jason, il figlio di Marco il Boss, è stato localizzato in un generico “Hotel
Hilton”, con la scusa di una vacanza, la banda di rintronati andrà a ucciderlo.

Ci credo davvero che questi hanno i mezzi per gabbare il figlio di un boss, tale Jason. Addirittura Luz ha preso la stanza vicino a quella del criminale!

Per non dare nell’occhio, Hope si mette un abito con le spalle scoperte, con le maniche larghissime che paiono delle ali e pantaloncini inguinali. Sì, la descrizione è mediocre, ma l’autrice ha messo una foto.

Shade Owl: – Ma guarda, la descrizione sarà mediocre ma a me è bastata lo stesso. L’immagine che mi sono fatto è quella della protagonista di un anime giapponese.-

Hope becca subito il futuro boss senza alcuna scorta, e questi, trovandosi di fronte una sedicenne disarmata (mentre lui, in base alle seppur inesistenti foto, è un colosso), impallidisce.

-“ Cosa ce Jey, hai visto un fantasma? ” – chiedo divertita dalla sua reazione mentre mi siedo accanto a lui.
-” Luz…tu come? Cosa ci fai qui? ” – chiede ancora pallido
-” Madonna Jason, calmo non sono qui per ucciderti. Almeno non adesso “- dico facendo l’occhiolino.


Questa Hope incute terrore nei super criminali!

Azula (seduta sopra a Zuko dopo avergli sbattuto Lovecraft – Tutti i romanzi e i racconti in testa): – Assolutamente credibile. – (Incrocia le gambe e leggiucchia Il Trono di Spade.)

The Someone (sempre strafogandosi): – Speriamo che non le vengano strane idee, c’è già abbastanza gente che la shippa con Zuko… –

La scena dopo è di un trash esilarante. Prima entrambi fanno gli spacconi, con Luz che minaccia Jason per costringerlo a rivelarle dove sia suo padre, il temibile boss Marco Rossi, poi, di fronte al suo rifiuto di parlare, lei tira fuori un coltello e minaccia di castrarlo.

E, per concludere la scena…

“Lo guardo per un secondo sorridente e gli conficco il coltello nella gamba.
“Quando mi VIOLENTAVI sai perché non ho pianto o urlato? Perché il tuo cazzo è così piccolo che non sentivo quasi niente.
Sai cosa? Mi sono stancata per questa sera, ci vediamo domani.”-dico e lo faccio svenire.”

Che pathos.
Dio, che pathos!

A parte che dubito che una coltellata possa far svenire così di botto, semmai si inizia a urlare come un pazzo: sembra letteralmente che Jason sappia svenire a comando.

Azula (leggendo la Divina Commedia): – Figo. Ehi, l’Inferno è davvero la parte più interessante! Vorrei tanto costruire una prigione del genere! –

Luz, dopo aver minacciato di morte e ferito il figlio di un boss, ha bisogno di svago, quindi si va in discoteca.
Certo, Jason non chiamerà aiuto, perché Luz fa paura ai mafiosi!!!

Sapete, questo mi ricorda una persona che mi ha fatto victim-blaming e si vantava che lei, i bulli, li zittiva con uno sguardo. Sì, li guardava negli occhi per qualche istante e chinavano il capo intimoriti.
Uno dei miei bulli, da maggiorenne, non si è fatto problemi a prendere a pugni le forze dell’ordine, attaccar briga con folle mezze ubriache e si è beccato un ergastolo. Probabilmente aveva il disturbo della condotta, problema mentale imputato anche a un certo Joffrey Lannister.

Massì: bulletto che fa un po’ l’idiota, affiliato alla mafia… stessa cosa, giusto?

I vari imbecilli vanno in discoteca, i ragazzi vanno dietro alle tipe (quindi basta mandare una bella ragazza con un coltello in tasca e può ammazzarli), mentre Luz si sballa.
Alla fine della fiera, alle quattro di notte, due OD sono K.O., due “sono spariti con delle puttane” (grazie per lo slut-shaming), mentre Zayn e Hope sono parzialmente lucidi. Il che vuol dire che un sicario random potrebbe mitragliarli.

Sinceramente, sono una vera vergogna per la criminalità.

Zuko: – Disonore a loro! –


Mushu (uscendo dalla manica di Zuko): – Disonore su tutte le loro famiglie! Disonore su di loro, disonore sulle loro mucche! –

I salti temporali proseguono e ogni volta ci mostrano l’abito di Luz.

Evgenij (spalancando gli occhi): – Avverto un fremito nella Forza. –

“Prendo la pistola e vado a svegliare la bella addormentata.
Entro nella stanza di Jason e gli sparo alla gamba per farlo svegliare.
Mi sono stufata di usare le buone maniere.”

Pffff… ahahahah! Ma davvero l’autrice era seria? Questo super criminale è rimasto stecchito per tipo una dozzina di ore per una coltellata (niente emorragie?) e poi si risveglia quando Luz gli spara? Sembra quasi che le armi funzionino come un interruttore.
Non riesci a dormire? Datti una coltellata!

Azula: – Questo è interessante. –

Shade Owl: – No, per favore! Non ditelo a Ellie!-

A questo punto, e direi finalmente, Jason urla per il dolore, ma la nostra Hope bad girl malvagerrima lo sbeffeggia… paragonandolo a “una ragazzina con la unghia spezzata”. Evviva, che bello il sessismo…

Vedendo che il prigioniero non vuole rivelare dove si trovano suo padre e Lola, la sorella perduta di Luz, costei decide di rubargli il cellulare e telefonare al terribile capo mafioso Marco Rossi. Ovviamente Jason ha il numero del padre indicato come “papà” o qualcosa del genere.

Jason però rivela che suo padre se ne frega di lui…

Zuko: – Ooooh…-

Azula (rabbrividendo): – Sento qualcosa che non ho mai percepito in vita mia. –

Zuko: – Si chiama empatia. –

… e che nel frattempo si è sposato con Lola, la sorella perduta di Luz!

-“ Credi davvero che a mio padre importa di me? Ti sbagli di grosso, da quando ha una nuova famiglia con tua sorella, non vuole sapere niente di me. “
” Come una famiglia con Lola? ” – chiedo in shock. –
” Non lo sapevi? Il giorno che sei scappata loro si sono sposati , per questo non trovavi tua sorella quel giorno. “
” Bene allora chiamiamo tuo padre così li farò auguri in ritardo. “


Ehm, un attimo… Luz qui ha sedici anni, Lola era sorella minore o maggiore? Non viene detto…

Lapersonaditurno (facendosi il segno della croce): – Non minore… non minore…-

Non viene detto neanche come si sente Luz dopo tale rivelazione, ma ce lo mostreranno, tranquilli!

Luz telefona a Mario Rossi, scusate, volevo dire Marco, e questi in due secondi le passa la sorella.

“Pronto Luz? Sorellina come stai, dove sei?”
“Non chiamarmi sorellina brutta puttana del cazzo. Come hai potuto sposare l’uomo che ha ucciso nostro padre?”
“Luz ti prego, posso spiegare, lui non è cattivo”

Per la prima volta nella storia, la Hope diventa la voce della ragione, facendo notare che il boss ha ucciso loro padre e stuprato la loro madre. Al culmine dell’ira, assicura alla sorella che la ucciderà, se cercherà di ostacolare la sua vendetta.

Beh, ammetto che, se analizzato seriamente, sarebbe una reazione comprensibile: passi anni a cercare una persona e viene fuori che questa fa comunella coi tuoi aguzzini? Arrabbiarsi pare il minimo.

Shade Owl: – Persino Cthulhu farebbe facepalm…-

“Non ce la faccio a finire e sparo a Jason.
Chiamo i ragazzi per prendere Jason e portarlo nello scantinato di casa mia.
Ovviamente non l’ho ucciso, ho sparato nella sua gamba ma lui è svenuto dal dolore.”

Wow, che vi avevo detto? Accendi-spegni!

Primo colpo: svieni.
Secondo colpo: rinvieni.
Terzo colpo: svieni ancora!

A parte che Jason per ora ha una coltellata e due proiettili nelle gambe, non ce lo vedo tanto bene.

Evgenij:- A questo punto, mi pare evidente che anche Jason sia un superumano, come il mitico Franc di “Top Secret”.-

The Someone (faccia unta di arancione per i troppi Nachos, sembra un Donald Trump barbuto e coi capelli veri): – Non so se ridere o piangere. Nel dubbio, mastico. –

Insomma, Luz ci fa sapere che ha in mente di torturare Jason seguendo il manuale per sadici con scantinati ben insonorizzati, opera di Ramsay Bolton, e qui si conclude il terzo capitolo.

Il capitolo successivo si apre così:

“Sono tornata a casa e sono andata a dormire.
Stasera ho una gara contro uno e devo essere in grado di batterlo.”

Che narrazione appassionante e coinvolgente!

In ogni caso, ecco che vengono tirate fuori le gare clandestine: perché privarsi di questo cliché, dopotutto?

Dunque, vediamo che succede ora… no, non ci credo.

Questa ficcina ha appena superato “Dark”.
Vi ricordate che auto aveva Harry, lì? La fantasmatica Range Rover, che, per certi modelli, supera facilmente i centomila euro. Forse anche duecento, non saprei.

Qui Luz ha, udite udite, la Bugatti Chiron, che costa oltre QUATTRO MILIONI di euro!
Cioè, quattro milioni e passa per un’auto?! E Hope se la può permettere pur essendo una scappata in strada?

Jigokuko: – A parte il prezzo, almeno può guidarlo quel mostro? E se sì, non si è ancora ammazzata nel farlo? Io mi metto a piangere ai venti all’ora perché la BMW di mio padre ha le marce lunghe! –

Giunta ordunque al “luogo della gara”, Luz trova un dio greco. Sì, c’è scritto così.

Dov’è Kratos quando serve?!

Da un buco di trama esce Amanda, la mai citata Amica Generica, che rivela che il dio greco vuole sfidare Hope in una gara di corsa.

Seguono varie spacconate e la seguente insensata scommessa:

-“ Allora facciamo una scommessa, se vinco io smetti di gareggiare, se vinci tu ..ti offriro la cena. “
” Sentiamo cosa ti fa pensare che una ragazzina come me vuole venire a cena con te? “
” Non dirmi che hai paura bimba.”
” Per niente, ok accetto la scommessa. Adesso andiamo così ti faccio vedere come si corre nella mia città.”


Evgenij (tornando nella camera di fanwriter91):- Ma che cavolo di senso ha?! Nelle scommesse la posta in gioco deve essere la stessa per entrambi i giocatori! Qui Hope ha da perdere un’intera carriera di corse illegali (che deve renderle parecchio, vista la macchina che può permettersi), mentre questo “dio greco” (ancora non ci hanno detto il suo nome) al massimo ci rimetterà qualche centinaio di euro, se lei lo costringerà ad andare in un ristorante di lusso. Ma scusatemi, cosa sto facendo, cerco del senso e della logica dopo tutto quello che è successo… Ehi, chi ha bruciato i miei libri?! –

Zuko (indicando Azula): – Lei! –

Azula (indicando Zuko): – Lui! –

Zuko: – Lei all’infinito! –

Azula: – Lui all’infinito di cui l’infinito precedente è un sottinsieme! –

Evgenij: – Tecnicamente… – (si abbassa per evitare una fiammata mentre i due cominciano a darsele di santa ragione. Evgenij si strofina le tempie, promettendosi di crescere meglio i suoi figli)

Sonja (entrando passando da un varco dimensionale): – Cos’è questo casino?! E voi, che state facendo? Siete fratello e sorella e vi comportate così? Dovreste vergognarvi!-
(Zuko e Azula hanno flash-back delle strigliate materne e s’irrigidiscono)

Zuko e Azula: – Sissignora! –

In ogni caso, si può intuire che Luz ha in realtà diciotto anni, e non sedici come pensavo…

Ora, lettori, state per leggere una scena di puro pathos. Era dai tempi di “cominciammo a tirarci calci e pugni, di tutto insomma” di “Afraid of you” che non vedevo una sequenza così spettacolare.

“Salgo nella mia macchina e appena sento il segnale parto.
Sono in testa ma decido di rallentare per dargli un po di speranza.
Appena vedo che vicino al finale siamo uno vicino all’altro schiaccio il pedale del acceleratore e vinco la corsa.”

Ooooooh… ma è strabiliaaante!!!

E chi se lo aspettava che il segreto per vincere le gare fosse pigiare l’acceleratore?

Luz e il dio greco, tale Logan, vanno fuori a cena al “Macdonald” (scelto da lei…), e lui cerca di farle ammettere che fa la stronza per allontanare gli altri e chiudersi a guscio.

Però oh, quante sottotrame… abbiamo la Hope che vuole vendicarsi del boss e della sorella, è a capo di una banda di criminali (ovvero, gli One Direction), ora flirta con questo nuovo personaggio, e perfino…

“????? POV
Come procede con il piano?
Bene capo, molto presto Luz sarà solo un ricordo.”

Il pov ????? non lo avevo mai visto.

Anonymus? O qualcun altro?

Non si sa, ma questo misterioso individuo vuole distruggere Luz.

Lapersonaditurno: – L’enigmista?? –

Shade Owl: – O forse All for One?-

Bakugo (apparso da un Buco di Trama): – STATE ZITTI, SIETE SOLO DELLE COMPARSE!-



Alla fine del capitolo l’autrice rivela di aver sognato quella storia e di aver provato a dar forma al suo sogno.

Pretestuoso. Le cose percepite con la vista interiore, come quelle fuggevoli visioni che ci arrivano mentre stiamo per cadere nel buio del sonno, sono più vivide e significative di quando cerchiamo di arrivarvi razionalmente. Date la penna a un sogno, e ogni suo colore sparirà. L’inchiostro con il quale scriviamo sembra sbiadito da qualcosa che ha troppa realtà, e scopriamo che dopotutto non è possibile dare forma ai ricordi. È come se il nostro io più profondo, svincolato dal contingente e dalla oggettività, liberasse emozioni represse che vengono soffocate in fretta non appena le traduciamo. Nei sogni e nelle visioni trovano radici le più potenti creazioni dell’uomo, perché essi non sono soggetti alla limitazione delle linee e dei colori. Scene dimenticate e terre più arcane del mondo dorato della fanciullezza si risvegliano nella mente assopita e la pervadono, finché la coscienza non le mette a tacere.

Azula: – Lovecraft, Tutti i romanzi e i racconti, pagina 470, dal racconto L’Oceano della Notte. – (Chiude il libro con aria sognante immaginando c’incontrare Cthlhu.)

Shade Owl: – A me è capitato di scrivere partendo da sogni che ho fatto. Non dico che sia stato facile né che il risultato fosse sempre buono, ma è possibile farlo… ma almeno bisogna seguire una logica! E qui non c’è!-

Il giorno dopo Hope è svegliata da una secchiata d’acqua da parte dei suoi amici.

Nota: mio padre fece il militare e mi raccontò che un poveraccio era morto perché lo avevano svegliato, in pieno inverno, con una secchiata gelida.
Ergo: NON FA RIDERE!!!

Segue un po’ di fuffa scolastica adolescenziale (del tutto naturale, dopo i precedenti capitoli dedicati a violenze sessuali, rapimenti, torture e gare clandestine), resa più interessante da Logan, che chiama Hope piccola.

“Chiamami di nuovo piccola e ti stacco il cazzo”

Oh no! Sto per mettermi a tifare per una Hope?

Una Hope che litiga con la sua coscienza, chiamandola “mini me”. Ovviamente parlano del dio greco, anzi, “dio del sesso”, stando alla “mini me”.
Chi, Priapo?

The Someone (inguardabile): – Ha chiamato il Dottor Male, dice che gli han ciulato l’idea per il nome. –

Saltiamo il capitolo 6, che è fuffa tra Luce e il dio greco… se non per il finale, dove, mentre sono alla spiaggia, Luz viene aggredita da un sicario di Marco.

Questi, anziché cecchinarla o sparare e basta, essendo un sicario molto educato, le dice che Marco la saluta.

-“ Ciao Luz, Marco ti manda tanti saluti ”


Evgenij:- Seh, la versione poraccia di “The Lannisters send their regards!”. E sarebbe questo il minaccioso ????? nel cui POV sopra veniva detto che Luz sarebbe stata eliminata? Ma è un idiota! –

E il capitolo si chiude con il cliffhanger di Luz che sente “uno sparo……”.

Lo so, non è “BOOOMM, uno sparo”, sono veramente dispiaciuto!

Dopo un capitolo in cui l’autrice interagisce con le sue lettrici e dice di aver riscritto la storia fino a quel punto (quindi quella che abbiamo letto finora era la seconda versione, non oso immaginare la prima stesura!), torniamo all’azione.

A quanto pare, Logan ha fatto in tempo a teletrasportarsi lì e a cominciare a massacrare il sicario.

Qualsiasi persona con un po’ di buonsenso catturerebbe il sicario per estorcergli informazioni, ma qui Luz gli spara alla testa e via. La cosa lascia Logan indifferente, mentre Luz si prende la briga di fare una telefonata a Marco per dirgli che il piano è fallito.
Ottimo, perdi il vantaggio!

La narrazione viene interrotta da Logan che si toglie la maglietta. E da un’altra foto.
Foto. Foto ovunque.
Niente descrizioni.

Andiamo avanti!

Luz nota che Logan non è rimasto sconvolto quando lei ha ucciso il sicario… perché

-” Nessuno può cercare di uccidere una ragazza che mi piace. Se non lo uccidevi tu lo avrei fatto io.”

Trovo la cosa piuttosto inquietante. Ma vabbè, se non è pronto a dar fuoco al mondo per portarti a letto, non è vero amore, giusto?

Zuko: – No. –

Azula: – No. –

Esercito della Nazione del Fuoco: – No. –

Rettiliani: – Cosa intendi per amore? –

Hope decide di chiamare a raccolta la Compagnia dei Coglioni, e, dopo una scena dove costoro fanno i deficienti saltandosi addosso l’un l’altro per nessun motivo concreto, lei fa il punto della situazione: Mario Rossi, cioè Marco Rossi, è sulle loro tracce, e cercherà di infiltrare delle spie nel loro gruppo. Insomma, c’è poco da scherzare, perché costui “gioca sporco” e “potrebbe mettere delle bombe nelle macchine”.

Sì, magari con una bella scritta “ACME”.

Evgenij:- Tutto ciò mi ricorda i criminali dinamitardi di “Un ragazzo mi ha cambiato la vita”!-

Nessun problema, Liam ha la soluzione: ci dice che Niall è il miglior hacker e programmatore del pianeta, e quindi potrà mettere delle telecamere e altra fuffa pseudotecnologica.

“Non ci capisco una mazza di questi sistemi strani cazzo, è mezz’ora che i ragazzi cercano di spiegarmi come un robot memorizzerà i nostri volti, passi e respiri per non scambiarci per un ladro o assassino.
In più sto robot sarà connesso alle telecamere quindi sarà sempre cosa facciamo e potrà anche risponderci.”

Dilettanti. Il dottor Flug di Black Hat avrebbe saputo fare di meglio!

Seguono vari deliri di Hope sulla possibilità che il supercomputer che li protegge possa innamorarsi di lei, che vengono interrotti così:

“Mentre mi facio film mentali su come la casa robot mi uccidera sento una macchina parcheggiare e dopo un paio di secondi si sente uno sparo.”

Evgenij:- Ma no! È il secondo capitolo che si interrompe con “uno sparo”, ma senza alcun “BOOMM”! Io protesto, è una grave violazione del codice del trash fanficcinico!-

Purtroppo la storia si interrompe qui, e non è più stata aggiornata dal febbraio 2018. L’ultimo capitolo è intitolato “The reason”, e ci viene appunto detta la ragione per i mancati aggiornamenti, ovvero perché l’autrice doveva festeggiare… il compleanno della figlia di un anno?!
No, aspettate: l’autrice di questa fanfiction era maggiorenne?!?!? E per giunta aveva già una figlia?!?!?

Io… non so cosa dire. Ho solo paura. E farò finta di credere che se lo sia inventata per far scena.

Chiarito questo, spero che questa trashata allucinante vi abbia divertiti!

Rimarrò a recensire?
Abbandonerò per sempre questo mondo?

Non lo so. So solo che la stanza è stata devastata da Azula e Zuko, e, dato che Cthulhu è fuori a mangiarsi i medici, toccherà a me riparare.

Un abbraccio,
Fanwriter91

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...