Klaus – Il cambiamento inizia da un atto di bontà

[This article was also published in English here and in French here.]

Jesper è il giovane, pigro e viziato rampollo del direttore generale delle poste regie di un fittizio Paese scandinavo. Suo padre, stanco dell’ostentata indifferenza del figlio nei confronti della sua carriera lavorativa, lo spedisce per un anno nella sperduta cittadina di Smeerensburg, oltre il Circolo Polare Artico, con il compito di gestire la locale filiale di posta: se Jesper fallirà di nuovo, perderà tutti i privilegi di cui ha sempre goduto. Purtroppo per il giovane, la comunità di Smeerensburg è divisa in due clan fra i quali è in corso una continua faida, e nessuno scrive lettere. Tuttavia, le cose cambieranno quando Jesper incontrerà Klaus, un vecchio e solitario giocattolaio, e, un po’ per caso, lo aiuterà a recapitare in dono un giocattolo a un bambino.

Dato il periodo natalizio, Evgenij e io abbiamo pensato di parlare di un film di animazione prodotto da Netflix che il vostro fanwriter ha visto due anni fa, ovvero, “Klaus – I segreti del Natale”.

Si tratta di un film con una formula di base semplice e con qualche elemento prevedibile, ma che trasmette un senso di dolcezza adorabile e dona sincere risate.

Perfino nelle piccole cose riesce a essere grande e far riflettere.
Un esempio banale? A un certo punto le due fazioni rivali parlano della stessa rissa, ed entrambe si attribuiscono la vittoria. Storicamente, cose del genere sono accadute (anche in scala ben maggiore).

E vogliamo parlare del padre del protagonista? Una figura che antagonizza non tanto il figlio, quanto la sua irresponsabilità.

La grande morale (o almeno, quella che mi ha colpito più di tutte) è che talvolta, per cambiare il nostro mondo per il meglio, è sufficiente che qualcuno compia il primo passo. Anziché lamentarci soltanto perché le cose non vanno come vogliamo, dobbiamo almeno provare ad agire per portare il cambiamento che desidereremmo vedere: il nostro esempio potrebbe poi spingere altri all’azione.

In questo film, i regali che i bambini ricevono se si comportano bene non sono una forma di corruzione (come i capi clan affermano a un certo punto), ma solo un punto di partenza, una prima dimostrazione di generosità e altruismo che spingerà poi i bambini e gli adulti a vivere in armonia. Per dirla con le parole di Klaus: “Un vero atto di bontà ne ispira sempre un altro.”

Un film da vedere. Se avete figli piccoli vicino a voi tanto meglio!

fanwriter91

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...